Magazine Cultura

Jacopone da Todi, “La Veretate plange”

Creato il 18 luglio 2017 da Marvigar4

Risultati immagini per jacopone da todi

La Veretate plange, ch’è morta la Bontate,

mustr’a le contrate là ‘ve è vulnerata.

La Veretat’envita tutte le creature,

ché vengano al corrotto, ch’è de tanto dolore.

Celo terra mare, aier foco calore

fanno granne remore d’esta cosa ‘scuntrata.

Plange la Innocenzia: « En Adam fui firita,

‘n Cristo resuscitata; or so’ morta e perita.

Vendeca nostra eniuria, Magestat’enfinita,

ché veia om la fallita perla pena portata ».

La Lege naturale sì fa gran lamentanza

e fa uno tal corrotto, ch’è de granne pietanza:

« O Bontà nobelissima, chi ne farà vegnanza

de tanta iniquitanza, che de te è demustrata? »

La Lege moysaica con le dece Precepta

fanno granne romore de la Bontà deietta:

« O Bontà nobelissima, co’ te vedemo afflitta!

Chi ne farà vendetta, ch’è’ tanto desprezzata? ».

La Lege de la Grazia co lo so parentato

fanno clamor enn alto, sopr’el cel n’è passato:

« O Patre onipotente, pari adormentato

d’esto danno scuntrato, che onne cosa è guastata ».

L’alta Vita de Cristo co la Encarnazïone

fanno clamor sì alto sopr’onne clamasone;

clama la sua Dottrina, clama la Passione:

« Signor, fanne rasone, ch’e’ sia ben vendecata ».

La Divina Scriptura co la Filosofia

fanno corrotto granne con granne dolentìa:

« O Bontà nobelissima, nostro tesauro e via,

granne fo villania averte sì prostrata ».

L’Articul’ de la Fede so’ ensemor congregati:

« O lasci a nui dolenti, co’ simo desolati!

Nostra fatica e frutto sìmone derobati,

la vita en tal’ peccati non sia plu comportata ».

Le Vertute sì plango de uno amaro planto:

« O Bontà nobelissima, nostro tesauro e canto,

non trovamo remedio de lo dannaio tanto;

lo nostro dolor quanto nulla mente à stimata ».

Plango le Sacramenta: «Nui volemo morire

da poi che la Bontate vedemo sì perire;

non ne iova el vedere e no sapem do’ gire!

Vendeca, iusto Scire, che l’ò sì mal trattata ».

Li Doni de lo Spirito clamano ‘n alta voce:

« Vendeca nostra eniuria, alta, divina luce!

aguard’a lo naufragio che patem ‘n esta foce;

se ttu non ne si duce, perim ‘n esta contrata ».

Fanno granne corrotto l’alte Beatetute:

« Aguardace, Signore, co sim morte e abattute;

oi lasci a nui dolente, a que sim devenute!

Peio simo tenute ca vizia reprobata ».

Plango le Relïone e fanno gran lamento:

« Aguardace, Signore, a lo nostro tormento.

Poi la Bontat’è morta, simo en destrugemento;

como la polve al vento nostra vita è tornata! ».

Li Frutti de lo Spirito sì fanno gran remore:

« Vendeca nostra eniuria, alto, iusto Signore!

La Curia romana, c’à fatto esto fallore,

curriamoce a furore, tutta sia dissipata

.

Fase clamare Ecclesia le membra de Anticristo;

aguàrdace, Signore, no ‘l comportar plu quisso!

Pùrgala questa Ecclesia; e quel che c’è mal visso

sia en tal loco misso che purge so peccata


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine