Magazine Cultura

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.

Creato il 06 marzo 2018 da Athos Enrile @AthosEnrile1

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.

Ho conosciuto il pianista americano qualche anno fa, attraverso un amico e collaboratore di Jeffrey Biegel Keith Emerson, Corrado Canonici.

Sono entrato nel suo mondo, ho scambiato con lui qualche chiacchiera elettronica e sono rimasto in contatto in modo naturale.

Qualcuno ha detto di lui: " Jeffrey Biegel è un talento prodigioso e raro, non solo per la sua abilità e il suo talento al pianoforte, ma perché ama anche prendersi dei rischi musicali, cercando e sperimentando in nuove aree della musica, provando ad evidenziare le sue capacità di artista."

E ancora: " ... pianista preferito da Emerson per l'esecuzione del suo "Piano Concerto no.1 ".

Oppure: " Uno dei grandi pianisti del nostro tempo ...".

Alcunigiorni fa mi ha scritto per raccontarmi una nuova storia, qualcosa a cui, ho capito subito, è particolarmente legato, perché tocca e supera gli aspetti musicali e si sviluppa nella sfera personale; i più scettici potranno trovare difficile giustificare ciò che appare irrazionale, ma il quadretto che Jeffrey realizza è commovente e allo stesso tempo sottolinea l'importanza dell'imponderabile nei nostri destini. E poi è nato un forte connubio artistico col mondo musicale italiano e quindi ho ricostruito con piacere i suoi messaggi notturni (tra noi ci sono parecchi fusi orari).

" Ho qualcosa per te! Ti piacerebbe scrivere una storia su come ho conosciuto Giovanni Allevi e sul concerto per pianoforte che lui ha scritto per me? L'ho registrato lo scorso giugno, in anteprima negli Stati Uniti e a Milano a novembre, e ora è disponibile. È un concerto favoloso, molto ispirato da Keith Emerson e Chopin!

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.


Tutto si basa, ovviamente, su qualcosa che è realmente accaduto.

Nel 2013, a novembre, mio padre è mancato (era un Capitano del Dipartimento di Polizia di New York).

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.

Go With the Flow
Uno dei miei studenti al Brooklyn College è stato l'unico del corso a partecipare al funerale. Successivamente è arrivato ad una lezione portando con sé un brano di pianoforte intitolato " " di un compositore di cui non ho avevo mai sentito parlare (https://www.youtube.com/watch?v=yt8ypwvk7do ).

: "Vuoi dire che non hai mai sentito parlare di Giovanni Allevi?".

: "Non sarebbe bello se un giorno tu componessi un'opera su larga scala per pianoforte e orchestra!?". Così ho cercato di saperne di più e ho trovato il suo sito Web e le pagine di Facebook. Ho scritto al suo management e ho ricevuto risposta dopo diverse settimane. Giovanni affermava che amava le mie registrazioni e io replicai subito Passarono alcuni mesi e lui mi scrisse nuovamente: "Ho qui il primo movimento del TUO concerto per pianoforte che sto scrivendo per TE!". Rimasi scioccato!

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.


Credo davvero che questo sia stato un segno preciso di mio padre.

Durante una lezione con il mio studente - Francesco Pio Mannino -, il mio cellulare era sulla sedia accanto alla mia, acceso, ma con lo schermo nero perché non lo stavo usando.

Ecco la foto fatta dal mio studente al cellulare, un'immagine "spirituale", con l'ombra di mio padre e le sue iniziali, EB, nella foto.

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.


Credo che sia stato un gesto di ringraziamento di papà verso il ragazzo per essere stato al suo funerale. E poi la connessione con Allevi è iniziata grazie a Francesco, che ha portato la sua musica nell'aula in cui facevamo lezione! Sono anche certo che la mia amicizia con Allevi sia stata creata attraverso Francesco, il cui comportamento ha raggiunto lo spirito di mio padre. Chiamami pazzo ma è una cosa per me davvero reale!

Ora ho molte foto con Giovanni e una buona conoscenza, e penso che in qualche modo gli spiriti delle persone ormai passate possano rivivere negli altri.

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.

Ecco una mia foto e una di Josef Lhevinne. Il mio insegnante ha studiato con Josef Lhevinne e mi ha detto che glielo ricordavo!

Jeffrey Biegel e Giovanni Allevi: una storia da raccontare.

La mia insegnante era Adele Marcus, forse il principale pedagogo del pianoforte nel 20° secolo.

Giovanni sta ora portando in tour la sua nuova registrazione, "Equilibrium", e il concerto per pianoforte è il secondo Cd della registrazione. L'orchestra è troppo grande per lui per poterla utilizzare in tour, quindi fa i suoi concerti senza di me e con un ensemble più piccolo. Ma è una persona meravigliosa e questo concerto è straordinario.

Lo so, è una storia strana, ma ha senso. Giovanni è un grande e il suo concerto merita di essere ascoltato in tutto il mondo!"


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog