Magazine Musica

Ken Vandermark a Salerno il 20 novembre!

Creato il 02 novembre 2017 da The New Noise @TheNewNoiseIt

Riceviamo da OHMe e pubblichiamo.

Ken Vandermark a Salerno il 20 novembre!

Ken Vandemark’s Made To Break

in concerto

Opening: Antonio Raia

Lunedì 20 novembre, ore 21, al Modo Ristorante, viale A. Bandiera c/o The Space, 84131, Salerno.

Il progetto Made To Break nasce quattro anni fa dalla mente di Ken Vandermark, sassofonista, clarinettista, compositore, tra i più attivi protagonisti del jazz creativo e della musica improvvisata internazionale. Combinando degli elementi sperimentali con l’esperienza musicale dell’Etiopia, insieme anche alla New Music di John Cage e Morton Feldman, Ken Vandermark esplora con approccio creativo il terreno tra jazz e improvvisazione. Il risultato è di un’immediatezza assoluta e il quartetto sprigiona un’energia vibrante, che investe il pubblico, meraviglia, stupisce.

Ken Vandermark è uno dei musicisti più talentuosi, prolifici e versatili del nostro tempo. Cresciuto artisticamente a Chicago, è stato punto di riferimento per molti giovani jazzmen dagli anni Novanta in poi. Nel 1998 ha vinto il genius grant della McArthur Foundation. Ha diretto il Vandermark 5, gruppo tra i più influenti della musica di Chicago; ha suonato nel trio DKV (con Kent Kessler e Hamid Drake), Free Fall, Territory Band, CINC, Sonore (trio di sax con Peter Brötzmann e Mats Gustafsson), Bridge 61, Schooldays, Powerhouse, incidendo decine di dischi. Ha suonato in duo con il pianista Agustí Fernández, con il batterista Paal Nilssen-Love, con il trombettista Nate Wooley.

Made To Break è un progetto che fonde musica acustica ed elettronica, con raffinate idee ritmiche, vicine al rock più aperto e al funk. Una musica immediata, in grado di ri-arrangiare i pezzi del repertorio concerto dopo concerto, dando spazio alle caratteristiche piuttosto difformi dei quattro strumentisti. Il batterista Tim Daisy è abituale partner artistico di Vandermark. Anch’egli stabilitosi a Chicago, ha fondato l’etichetta Relay Records, dirige la rassegna Option, ha suonato e registrato con molti tra i più apprezzati musicisti del jazz di ricerca tra cui Dave Rempis, Mars Williams, Steve Swell, Fred Lonberg-Holm. Christof Kurzmann, viennese, specialista di suoni elettronici, è attivo sia in ambito pop-rock sia nella musica sperimentale e contemporanea. Oltre che in Made to Break, è impegnato nei progetti El Infierno Musical, Harmolodic Affection, Orchestra 33 1/3. Jasper Stadhousers ha sostituito al basso elettrico Devin Hoff, presente nella prima versione di Made to Break. Co-fondatore del gruppo Cactus Truck, del trio Govaert-Stadhousers-De Joode e ha suonato in diverse combinazioni con Han Bennink, Ab Baars, Marshall Allen, Roy Campbell, Peter Evans, Ingrid Laubrock.

Antonio Raia ha suonato e condiviso il palco con: Elio Martusciello, David Ryan, Decibel Ensemble, Colin Vallon, Zu, Zeni Geva, Caterina Palazzi – Sudoku Killer, Carl Hubsch, Ensamble Dissonanzen, Kanaka Project, Lisa Mezzacappa, Adam Rudolph, Uzeda, Nandy Cabrera, Bruno Galluccio, Stefano Costanzo, Renato Grieco, Guido Marziale (Eks), Anacleto Vitolo (AV-k), Fabrizio Elvetico, Ossatura. Dal 2013 è impegnato in concerti e performance d’arte per oltre 90 date all’anno tra club, musei e festival su territorio nazionale ed europeo (Svizzera, Slovenia, Germania, Norvegia, Francia, Croazia, Portogallo, Spagna, Serbia, Polonia, Austria, Ungheria, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Romania).

Qui l’evento su Facebook.

Agenda ohme

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine