Magazine Cultura

L'angelo di neve - Ragnar Jónasson

Creato il 02 febbraio 2017 da La Stamberga Dei Lettori
L'angelo di neve - Ragnar JónassonSiglufjörður, cittadina di pescatori nel punto più a nord dell’Islanda, accessibile dal resto del paese solo attraverso un vecchio tunnel, è soffocata dalla morsa dell’inverno. La temperatura è ben al di sotto dello zero, il vento scuote le tegole, e la neve che cade incessante da giorni la fa sembrare un luogo incantato dove tutto può succedere. Finché qualcosa di inaspettato succede davvero. Una giovane donna viene ritrovata in un giardino priva di sensi, in una pozza di sangue. Un vecchio scrittore muore nel teatro locale in seguito a una caduta. Ari Þór, ex studente di teologia diventato poliziotto quasi per caso, si immerge nell’indagine malvolentieri, stretto tra la nostalgia della fidanzata rimasta a Reykjavík e la diffidenza di una comunità che fa fatica ad accoglierlo. In un clima di tensione claustrofobico, dovrà imparare a farsi largo tra l’attenzione morbosa della stampa e i segreti dei residenti, a convivere con le bufere sferzanti e a trovare la strada della verità in un buio senza fine.

Recensione

L'angelo di neve è il primo romanzo della serie di romanzi gialli Dark Iceland che ha per protagonista il giovane poliziotto Ari Þór.
Esiste in realtà un precedente romanzo della serie, Fölsk nóta che però non è mai stato tradotto dal Finlandese e questo spiega perché il capitolo iniziale de L'angelo di neve ha un sapore prettamente introduttivo e vede il protagonista fare una breve presentazione di sè e dei propri trascorsi.

Ari Þór è un ex studente di teologia, afflitto da patologica insicurezza esistenziale che lo porta a iscriversi all'accademia di polizia più per soddisfare il proprio desiderio di trovare un posto preciso nel mondo che per reale vocazione.
Una scelta istintiva e repentina lo porterà a lasciare l'ordinata vita di Reykjavík e a trasferirsi a Siglufjörður, isolato paesino di pescatori nell'estremo nord dell'Islanda, dove le nevicate invernali possono generare una condizione di isolamento difficilmente immaginabile per chi come noi non sa nulla della vita in questi luoghi remoti.

Quanto vi affezionerete ad Ari Þór dipende dal vostro grado di simpatia verso i giovanotti benintenzionati ma con le idee poco chiare, una certa tendenza all'autocommiserazione e una discreta mancanza di tatto. Io vi confesso che ho inizialmente un po' vacillato di fronte alle continue lamentele verso la "crudele" fidanzata che ha avuto l'ardire non apprezzare la decisione improvvisa - e presa senza averla minimamente consultata - di trasferirsi dalla parte opposta del paese.
Col proseguire della storia, tuttavia, il ragazzo dimostra intuito, testardaggine e coraggio che, unite alla sua intrinseca ingenuità, lo rendono una figura maschile realistica e credibile, per il quale ci si ritrova facilmente a parteggiare.

Il giallo si sviluppa senza fretta, in un crescendo di tensione, alimentata dall'atmosfera claustrofobica di Siglufjörður, tagliato fuori dal mondo dopo una tempesta di neve. Uno scenario classico ma dei più gustosi, quello della "camera chiusa", in questo caso un piccolo villaggio di cui impariamo presto a conoscere gli abitanti principali, ognuno con un passato ricco di mistero.
L'impianto tradizionale è ravvivato dalla scelta dell'autore di muoversi su tre piani temporali distinti: la premessa, in cui facciamo conoscenza del misterioso "angelo della neve", il presente che segue giorno per giorno la vita di Ari Þór e i flashback narrati dal punto di vista di una delle vittime; quale, lo scopriremo solo nelle ultime pagine di questo giallo emozionante che con estrema abilità confonde il lettore pur non nascondendogli nulla. Ragnar Jónasson si dimostra narratore esperto e raffinato, superiore, a mio parere, ad altri colleghi nord europei di fama ben superiore.

Se siete patiti di questo genere di letteratura avrete forse imparato a abituarvi allo stile pragmatico e scarno che caratterizza questo genere di narratori, testimonianza di una mentalità lontana dalle nostre fioriture barocche e quindi spesso difficile da digerire. Jónasson , pur inserendosi in questo filone, dimostra maggiore sensibilità poetica e raffinatezza, un'apprezzabile cura dell'approfondimento psicologico e un'ottima capacità descrittiva che valorizza un'ambientazione ricca di fascino e mistero.
Questa saga Dark Iceland mi ha decisamente acchiappata, non vedo l'ora di buttarmi sui prossimi romanzi.

Giudizio:

+4stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: L'angelo di neve
  • Titolo originale: Snjóblinda
  • Autore: Ragnar Jónasson
  • Traduttore: Roberta Scarabelli
  • Editore: Marsilio
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2016
  • Collana: Farfalle
  • ISBN-13: 9788831726177
  • Pagine: 286
  • Formato - Prezzo: brossura - Euro 18.00
L'angelo di neve - Ragnar Jónasson

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines