Magazine Attualità

L'efficientamento energetico per le piccole e medie imprese

Da B2corporate @b2corporate
L'efficienza energetica
Si sente spesso parlare di efficienza energetica ma, spesso, questo concetto viene confuso con altri, come il risparmio assoluto, creando un po' di confusione. Efficienza energetica significa ottimizzare i consumi di energia ottenendo, però, il medesimo risultato.
L'efficientamento energetico per le piccole e medie imprese
Se, per esempio, per illuminare un ufficio per 10 ore al giorno, in media, si consumano circa 120 kwh/mq nel nostro Paese, con le dovute differenze in base alle zone climatiche, l'efficientamento energetico permette di andare a consumare circa il 20-30% su base annua, senza inficiare quelli che sono gli standard normali di illuminazione e di servizio per un ufficio.
Ovviamente, una piccola o media azienda impegnata nella produzione industriale avrà consumi più elevati, ma l'efficientamento energetico, anche in questo caso, può essere una valida soluzione per contrarre i consumi senza contrarre le prestazioni.
Ottimizzando i consumi di energia, quindi, non solo si ottiene un sostanziale risparmio sui costi di gestione e di lavoro ma, soprattutto, si contribuisce attivamente alla salvaguarda dell'ambiente e alla riduzione delle emissioni di agenti inquinanti nell'atmosfera. Il risparmio energetico è una virtù che dev'essere fatta propria da qualsiasi piccola o media impresa del nostro Paese ed esistono delle soluzioni valide, attuabili da chiunque, che permettono di ottimizzare e risparmiare, con uno sguardo all'ambiente.
Scegliere buoni infissi, il primo passo contro gli sprechi
L'efficientamento energetico per le piccole e medie imprese passa anche, e soprattutto, dalla scelta degli infissi degli uffici.
Non tutti lo sanno, ma gli infissi di un edificio sono responsabili di circa il 40% dei consumi energetici. Un buon infisso, infatti, isola alla perfezione l'ambiente interno da quello esterno una volta chiuso, non permette scambi di calore e questo è fondamentale per risparmiare energia.
Facendo un esempio pratico, se un condizionatore impiega 2 ore a raggiungere la temperatura desiderata dall'utente, all'interno di un ambiente attrezzato con infissi isolanti di ultima generazione, se lo stesso ambiente fosse dotato di infissi obsoleti e non isolanti, potrebbe volerci anche il doppio del tempo, con conseguente consumo maggiore di energia.
Questa è la base dell'efficientamento energetico, si tratta della prima regola per una piccola o media impresa che desidera porre in atto delle soluzioni efficaci per ottimizzare i consumi di energia elettrica.
Gli infissi idonei per essere installati in un contesto di efficientamento energetico sono quelli di ultima generazione, certificati per il risparmio energetico: sono dotati di un sistema di doppio vetro e di guarnizioni lungo tutto il perimetro, in modo tale da impedire lo scambio termico. Inoltre, con un buon sistema di infissi, una volta che l'ambiente raggiunge la temperatura desiderata, è possibile mantenerla a lungo senza dover accendere nuovamente il sistema di condizionamento dell'aria.
Le lampadine a led, alleate contro gli sprechi
Un altro importante accorgimento per il risparmio energetico per le piccole e medie imprese consiste nella sostituzione delle fonti luminose con sistemi maggiormente performanti.
Da qualche anno, le aziende più lungimiranti, hanno iniziato ad attuare una politica interna ben precisa, con lo scopo di sostituire entro un tempo definito tutte le fonti luminose degli uffici e delle aree di lavoro, impiegando esclusivamente lampade con sistema a led.
Il led, infatti, è attualmente la migliore soluzione possibile per risparmiare sui costi dell'energia, aumentando contemporaneamente la prestazione luminosa all'interno delle aree di lavoro. Le lampade a led non emettono radiazioni ultraviolette e ultrarossi e questo è un vantaggio nell'ottica delle prestazioni: l'efficienza luminosa di questi dispositivi è stata calcolata in 120 lm/w, contro i 16 lm/w delle lampade alogene.
Questo significa che chi lavora in un ambiente illuminato da lampade a led ha una percezione della luminosità sensibilmente maggiore rispetto a chi opera, invece, in un ambiente illuminato da sistemi tradizionali.
Anche dal punto di vista del risparmio energetico, le lampade a led sono attualmente il top nell'ottica delle soluzioni per l'efficientamento energetico. Infatti, se un normale tubo al neon, come quelli diffusi in gran parte degli uffici e delle aree di lavoro, consuma 40 W, un tubo a led ha un consumo di circa 17 W. Si parla di consumi dimezzati, che uniti a una maggiore resa luminosa, danno la cifra dell'importanza di un impianto di illuminazione a led in un'ottica di risparmio energetico.
Ovviamente, l'impresa dovrà affrontare un investimento iniziale non indifferente ed è da mettere in conto una spesa sostanziosa ma, grazie ai sistemi a led, l'impresa rientra completamente del suo investimento in circa 5-7 anni, ammortizzando i costi grazie al risparmio nei consumi.
Inoltre, le lampade a led sono sostenibili, ovvero il loro impatto sull'ambiente è positivo proprio perché non producono emissioni di ultravioletti e hanno costi di manutenzione praticamente azzerati. Proprio nell'ottica della sostenibilità, va fatto cenno alla durata di queste lampade, che è stata stimata in circa 50.000 ore, ossia più di 8.300 giorni: una lampada fluorescente dura in media 6.000 ore, il conto è presto fatto.
I contratti per l'energia personalizzati e le energie rinnovabili
Se gli infissi e l'impianto di illuminazione a led sono due capisaldi per l'efficientamento energetico per le piccole e medie imprese, altrettanto si può dire per la scelta di un giusto contratto per la fornitura di energia elettrica.
Una piccola o media impresa deve necessariamente sapere quali sono i consumi medi per il funzionamento dell'area operativa. Questa è la base per poter scegliere un contratto di fornitura in grado di fornire solo la quantità di energia necessaria, non di più. In questo modo, oltre a ottenere un risparmio sui costi, si limitano gli sprechi e si ottimizzano i consumi.
Sono tante le aziende che si offrono come partner ideali per la fornitura di un servizio di energia elettrica personalizzato e sono altrettante quelle che fanno sconti sui consumi alle piccole e medie imprese che supportano la rete energetica tradizionale con i propri impianti di produzione energetica.
Le fonti rinnovabili sono una grande opportunità per le piccole e medie aziende in un'ottica di efficientamento energetico, giacché oltre a produrre una parte del fabbisogno energetico interno, permettono di cedere l'energia in eccesso ottenendo anche ulteriori riduzioni sui consti di consumo.
Sono tantissime le aziende che hanno deciso di investire nel rinnovabile, in particolare nell'energia solare.
Basta uno spazio esterno inutilizzato o un terrazzo ben esposto per realizzare un campo solare, anche di dimensioni non eccessive, capace di produrre una parte di energia a costo e impatto zero, divenendo parte integrante delle soluzioni per l'efficientamento energetico per le piccole e medie imprese.
Per maggiori informazioni sull’efficientamento energetico visitate il sito www.innowatio.it

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :