Magazine Attualità

L’esempio JP Morgan Chase: dubbi circa il ruolo delle grandi banche nel combattere il denaro sporco

Creato il 07 maggio 2013 da Informazionescorretta

jp morganInformazione Scorretta

Nell’estate del 2009, Jennifer Sharkey, vice presidente  presso la sede di Manhattan della Chase & Co.’s Private Wealth Management group, ha lavorato sui rapporti con 75 clienti “high net worth” con un patrimonio totale di oltre mezzo miliardo di dollari.

Le cose sono cambiate per lei, dopo aver sollevato dubbi su un “sospetto” cliente straniero che ha aveva milioni in vari conti presso la banca.

Il cliente stava facendo discutibili trasferimenti di denaro nascondendo che in realtà possedeva altri conti; Sharkey ha anche trovato prove che il cliente aveva falsificato bilanci per una delle sue aziende e che era stato coinvolto nella “sparizione inspiegabile” di milioni di dollari di merce in un’altra impresa.

Dopo aver avvertito i funzionari bancari di alto livello che il cliente poteva essere coinvolto nella frode e riciclaggio di denaro, fu semplicemente spostata per farla tacere, fino al licenziamento.

“Stavo solo facendo il mio lavoro”, ha detto Sharkey in un’intervista con il Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi (ICIJ). Ma per la banca, ha detto, “era più importante mantenere questo cliente che  fare la cosa giusta.”

JPMorgan nega ritorsioni verso la Sharkey e nega ogni attività sospetta. La banca dice che fa di tutto per identificare e bloccare il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e altre operazioni illecite.

Sharkey non è sola, però, nel sollevare dubbi su reale impegno della più grande banca degli Stati Uniti a combattere il flusso di denaro sporco in tutto il mondo.

Nel corso degli anni, JPMorgan Chase e i suoi antenati aziendali sono stati accusati di servire come portaborse per soldi controllati dai trafficanti di droga, mafiosi e despoti politici e di agire come calamita per “fughe di capitali” di ricchi evasori dell’America Latina e di altre regioni. La banca ha anche giocato una parte  in massicce frodi fiscali negli scandali Enron e Madoff.

Questa storia e i record di contanti della JP Morgan offrono un caso  studio su come le banche abbiano un grosso problema con il denaro sporco e la corruzione transnazionale  ed è una finestra sulla decennale storia del settore bancario riguardo il difficile rapporto con il mondo off-shore.

Quando la gente pensa a conti segreti e riciclaggio di denaro, spesso immagina le Isole Cayman o qualche altro paradiso afoso. Ma i fattori abilitanti di corruzione transfrontaliera non si trovano solo nei paradisi insulari.

Criminali e conniventi possono contare su un facile accesso alle banche negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in altri paesi ricchi per nascondere i loro beni dagli investigatori e spostare i soldi dentro e fuori  nascondigli offshore.

Senza questo accesso, i loro giochi non sarebbero possibili.

http://informazionescorretta.altervista.org


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines