Magazine Cultura

"L’oscuro mosaico" di Ornella Albanese: mistero e amore nel Salento medievale

Creato il 14 gennaio 2013 da Alessandraz @RedazioneDiario
Pubblicato da Gabriella Parisi Cari lettori, voglio parlarvi oggi di un magnifico romanzo storico ambientato nella mia terra, il Salento, durante la realizzazione di una delle opere d'arte più affascinanti e misteriose che siano giunte fino a noi: il mosaico pavimentale della Cattedrale di Otranto, con tutti i suoi animali mitologici, i personaggi storici e i simboli che Fra' Pantaleone, l'artista che lo ideò, inserì nel suo Albero della VitaIl 31 ottobre 2012 Leggereditore ha pubblicato L'oscuro mosaico di Ornella Albanese, il sequel, o meglio lo spin-off de L'anello di ferro.
"Segreti, intrighi, colpi di scena e sensualità nel nuovo libro di Ornella Albanese, una delle autrici di romanzi storici più amate in Italia."
Salento medievale" alt=""L’oscuro mosaico" di Ornella Albanese: mistero e amore nel Salento medievale" /> Autore: Ornella Albanese Titolo: L'oscuro mosaico Casa Editrice: Leggereditore pagine: 448 Prezzo: € 10,00 (e-book € 7,00) Data pubblicazione: 31 ottobre 2012 Trama: Dodicesimo secolo. Una cattedrale in Terra d’Otranto. Un mosaico che nasconde la soluzione di efferati delitti. Un guerriero impavido e un investigatore saraceno di nome Yusuf... Il fiero Livio si innamora della fanciulla sbagliata, la bellissima e nobile Mirta, promessa fin da quando aveva tre anni al cugino. Deciso a sfidare tutti pur di conoscerla, il ragazzo viene catturato e punito con ferocia. Anni dopo Livio è divenuto un cavaliere invincibile, la cui fama lo precede, ma non ha dimenticato né i suoi nemici né Mirta. Quando i loro destini tornano a incrociarsi Livio viene però coinvolto nei misteriosi assassinii di due giovani donne.Sarà il saraceno Yusuf Hanifa a intuire che la soluzione dei delitti si nasconde tra gli inquietanti mosaici della Cattedrale di Otranto. Livio e Mirta si incontrano dunque ancora una volta per perdersi di nuovo... ma tra efferati delitti, separazioni e vendette, riusciranno forse a superare tutti gli ostacoli che si frappongono alla realizzazione del loro amore.
RECENSIONE Otranto è la città più a Oriente d'Italia. Otranto è una cittadina piena di storia e di mistero. Come dice Ornella Albanese in questo romanzo:
Hidruntum era una città fatta di luce. Persino la materia ne era intrisa. Il cielo appariva più blu che altrove, il mare più intenso e splendente, le pietre abbagliavano. Il sole arrivava sulla pelle con bruciante implacabilità. Come se fosse più vicino alla terra che in qualsiasi altra parte del mondo.
Chiunque ci sia stato sa che non sono favole: questa è la realtà, Otranto è davvero così. Oltre 300 anni dopo il periodo narrato da questo romanzo, a Otranto si consumava una grande tragedia: la presa della cittadina da parte dei turchi e lo sterminio degli ottocento Martiri d'Otranto che non si vollero convertire all'islamismo. Nel romanzo di Roberto Cotroneo, Otranto, il presbitero Pantaleone aveva preannunciato questa catastrofe nel suo mosaico pavimentale, realizzato fra il 1163 e il 1165. Secondo Ornella Albanese, lo stesso mosaico pavimentale, dalla simbologia ancora misteriosa, rivelerebbe altri segreti. Segreti che si nascondono dietro alle vicende de L'oscuro mosaico, delitti efferati di giovani donne che sembrano essere state massacrate dalle bestie progettate e realizzate da Pantaleone.

Ma i delitti e Otranto sono secondari rispetto alla storia dei due protagonisti, Livio di Tarsia, il giovane bastardo, già incontrato ne L'anello di ferro, che va via dalla sua casa per dimenticare le sue origini e per vedere il mondo, e Mirta di Torrechiara, la figlia del barone Gualtieri di Castrum Minervae, bellissima pedina nella volontà di un padre dispotico, che cerca di ribellarsi al destino stabilito per lei dalla nascita.
La sua altezzosa madre aveva ordinato che non vestisse come le converse e Mirta continuava a usare quel vestito marrone che la rendeva simile alle altre. Lei era sempre così, nei confronti della sua famiglia: ubbidiva e disubbidiva in un unico gesto.
Quando Livio la incontra per la prima volta di sfuggita rimane folgorato dai capelli d'oro di Mirta e se ne innamora senza vederla in viso: sembra di leggere una fiaba de Le Mille e una Notte, in cui l'eroe si innamora la prima volta che vede passare la principessa. Il romanzo, infatti, è intriso di atmosfere orientali, dal momento che ci troviamo nella zona più a Oriente d'Italia e che gli arabi avevano dominato la Sicilia e i bizantini contendevano l'Italia Meridionale ai normanni. Anche la corte di Guglielmo I a Palermo sembra più vicina alla dimora di un sultano, con tanto di harem, che a una reggia normanna.

Livio farà di tutto per conoscere Mirta, ma verrà scoperto e punito molto severamente, e sarà costretto a fuggire via, a rifarsi nuovamente una vita, diventando un mercenario invincibile ed entrando nelle grazie del sovrano. 

Il mare è onnipresente: ci troviamo nel Salento, terra bagnata da due mari e le onde del mare danno il ritmo ai momenti più significativi del romanzo. Livio invece viene da Tarsia, all'interno della Calabria e non ha mai visto la grande distesa blu, ma ne è affascinato: quando Yussuf Hanifa, il medico-guerriero ― l’altro personaggio proveniente da L’anello di ferro ― gliene parla, decide di volerlo vedere con i suoi occhi.

«L'ho vista. È una terra aspra e ventosa come la tua, ma il mare può essere dolce, in certi punti. C'è un posto dove il mare ha l'incanto di mille colori.»
E quando Livio lo vede per la prima volta, la sua emozione è tangibile.
Il respiro gli si bloccò nei polmoni. Gli occhi si allargarono e poi si restrinsero, colpiti da un riverbero accecante. Tutta la fessura era piena di azzurro. Il bambino scostò piano la tenda, allargando la visuale, e quel colore non finiva mai, riempiva l'intero paesaggio. I raggi del sole si frantumavano e si rincorrevano, sospinti dal movimento di tutto quell'azzurro, che catturava e poi irradiava luccichii dorati.

Guglielmo I

Questo libro è ricchissimo di personaggi femminili: oltre a Mirta, la protagonista, ci sono una schiera di nobildonne, dame di compagnia, monache, popolane, nomadi. Tuttavia ogni donna sembra distaccata dalle altre: perfino fra Mirta e Blanche, sua madre, sembra non esserci alcun legame d'affetto, come se le donne di questo periodo si trovassero isolate a dover fronteggiare gli uomini senza un minimo di complicità femminile. Forse dipende dal fatto che all’epoca le donne erano completamente sottomesse agli uomini: dovevano sottostare agli ordini del padre prima e del marito in seguito, un marito che non sposavano per amore, ma per obbedienza verso i genitori. Solo all'interno del convento in cui Mirta viene rinchiusa per ritardare il matrimonio con il brutale cugino Boemondo, la giovane troverà calore e comprensione.


Meravigliosi i personaggi storici, la domina Mabilia Accardi e sua figlia, la badessa Emma del convento di San Giovanni Evangelista di Licium (Lecce), su cui Ornella Albanese ha avuto una fortunata intuizione storica, poi confermata da una persona autorevole.

Tancredi di Lecce

I personaggi storici femminili sono affiancati da numerosissimi personaggi maschili, che entrano nelle pagine di questo libro e interagiscono con quelli creati dalla Albanese. Fra tutti spicca la regale figura di re Guglielmo I, detto il Malo, figlio di Ruggero II, che è diviso fra le mollezze orientali del suo palazzo di Palermo e le responsabilità di sovrano a cui viene conteso il potere, e il suo consigliere Maione da Bari. Anche il nipote illegittimo di Guglielmo, Tancredi d'Altavilla, gioca un ruolo fondamentale nel romanzo, pur non comparendovi. Bellissimi i riferimenti a Gerberto D’Aurillac ― Papa Silvestro II ― e ai suoi scritti considerati blasfemi e demoniaci.

Silvestro II e il diavolo

Lo stile di Ornella Albanese è semplice, lineare e scevro di inutili orpelli. Ogni parola è calibrata e inserita con precisione nel testo. La terza persona onnisciente si avvicina ai numerosi personaggi facendoci percepire i loro stati d'animo e i punti di vista. Il romanzo è suddiviso in nove parti ― ciascuna delle quali è ripartita in capitoli ― che lo rendono snello e scorrevole.
L'oscuro mosaico è il secondo romanzo di Ornella Albanese che esce dagli schemi del romance per addentrarsi nel romanzo storico vero e proprio, con una punta di mystery che non guasta. E questa seconda prova è riuscita ancora meglio della prima, promuovendo a pieno titolo l'Albanese fra gli scrittori di una letteratura più colta, raffinata e assolutamente unisex. L'AUTRICE
Ornella Albanese ha sempre scritto, sin dalla tenera età di otto anni. Da allora trascorre il suo tempo a immaginare storie complesse e ricche di dettagli storici, in cui il pericolo, l’intrigo e il romanticismo sono sempre presenti. I suoi romanzi hanno diverse ambientazioni e spaziano dal Medioevo all’Ottocento. Come lei stessa ha affermato: «Mi piace collocare i miei romanzi nel Medioevo perché ritengo sia un periodo così tormentato della nostra storia da amplificare le pulsioni degli uomini: si uccideva con più ferocia, si credeva in Dio con più fanatismo, si coltivavano ambizioni ossessive, si perseguitava con più crudeltà e si amava con più furore.» Di questa autrice, Leggereditore ha pubblicato L'anello di Ferro nel 2011. Sito Autrice 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :