Magazine Cinema

L’ultimo viaggio di Nick Baker-Monteys: la recensione

Creato il 19 novembre 2019 da Ussy77 @xunpugnodifilm

L’ultimo viaggio di Nick Baker-Monteys: la recensioneUn ritorno nei meandri dei ricordi

Opera seconda di Nick Baker-Monteys, L’ultimo viaggio è l’occasione per riflettere su presente e passato, su come i conflitti definiscono l’uomo e su come lasciarsi “vivere” sia sintomo d’immobilismo.

On the road alla ricerca di un passato che fa rivivere ricordi ed emozioni insaziabili in una terra sferzata da un conflitto fratricida, L’ultimo viaggio è un film che possiede delle peculiarità. Perché non è solamente un tuffo nei ricordi, ma è anche l’espressione di un desiderio impossibile, ovvero ritrovare un barlume di bellezza. Protagonista è Eduard, novantaduenne che non vuole concludere la sua esistenza in una casa di riposo, ma cercare di riprendersi un passato in cui (da cosacco) ha combattuto l’Armata Rossa nel territorio ucraino. Al suo fianco la disinteressata nipote Adele che (suo malgrado) si ritrova a seguirlo per poi incontrare Lew, un ucraino nato da genitori russi che deve scegliere da che lato schierarsi nel conflitto che imperversa.

L’ultimo viaggio è un prodotto (per molti versi) convenzionale, che non nasconde la sua anima emotiva. Dopotutto ripercorrere il passato è sempre un viaggio lastricato di ricordi (più o meno vividi) che lasciano il segno e che non possono lasciare indifferenti. Tuttavia è la nipote a farsi carico dell’intensità filmica, laddove la scoperta di alcuni passaggi fondamentali dell’esistenza del nonno trasmette commozione e consapevolezza.

Baker-Monteys costruisce un film in cui lo svelamento è dietro l’angolo e il colpo di scena apparecchiato con stile. Un’opera che rende lo spettatore partecipe di un presente in cui vengono commessi gli stessi errori del passato. E allora ecco che la necessità di ritagliarsi un posto nel mondo può fare tutta la differenza; dopotutto sopravvivere è un atto passivo di cui ognuno finisce per pentirsi.

Uscita al cinema: 29 marzo 2018

Voto: ***


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog