Magazine Cultura

L'uomo impossessato dal demonio salvato dal teatro sociale di Peter Stein. Esemplare messa in scena de I Demoni con Maddalena Crippa e un cast di bravissimi attori.

Creato il 21 ottobre 2010 da Robertoerre

Maddalena-crippa-elia-schil-300x199

Demoni 2

L'uomo impossessato dal demonio rivive nella regia di Peter Stein

9_ore_con_i_demoni_di_peter_stein

  L'ultimo desiderio sul letto di morte, Stepàn Trofìmovič lo chiede a Varvara Petrovna Stravrògina, da lui amata segretamente e ora riappacificati dopo essere stato allontanato dalla casa della generalessa. Le chiede di leggerli dal Vangelo di san Luca, l'episodio dei demoni usciti dagli uomini che chiedono a Gesù il permesso di entrare dentro a dei maiali, per poi gettarsi nell'acqua e affogare. Per Stèpan febbricitante e in preda al colera sono parole illuminanti: “I demoni che escono dal malato e sono entrati nei porci, sono tutti i mali, i miasmi, le impurità, che si sono accumulati nei secoli nella nostra Russia. Quei porci siamo noi e gli altri”. Lo dice con una tristezza che pare venga dal suo cuore esalando l'ultimo respiro. È l'epilogo tragico che conclude i Demoni, maratona teatrale di ben 12 ore tra recita e pause, visto al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia, ospitato da I Teatri nell'ambito del festival “Aperto”, evento clou di un programma in corso fino al 14 novembre, dedicato alle arti performative, musica e danza, dove il baricentro è posizionato sul tema della contemporaneità. E di contemporaneo si deve parlare dei I Demoni, il kolossal teatrale vincitore del Premio Ubu come migliore spettacolo nel 2009. Lo firma il regista Peter Stein, determinato da una volontà ferrea di creare un'idea di socializzazione del teatro e restituire al pubblico il piacere di assistere ad una tradizione dove la parola recitata è protagonista assoluta, e non ad una semplice fruizione della durata più breve possibile. Stein tributa alla parola e alla scena la sua giusta dignità fatta di potenza evocativa. È un gesto di fede che lo ha convinto ad adattare il romanzo di Dostoevskij, in versione originale per il teatro.

 

I demoni che albergano nelle coscienze dei personaggi di questo caposaldo della letteratura russa, sono destinati ad una sorte infausta e i pochi sopravvissuti si troveranno coinvolti nella dissoluzione della loro società, che lo stesso scrittore aveva anticipato prevedendo la fine di Lenin e del regime totalitario di Stalin, della ferocia criminale del terrorismo universale. Dostoevskij nutriva un forte risentimento nei confronti della cultura amorale che si instillava nelle nuove generazioni russe affascinate dalla corrente di pensiero nichilista sempre più in voga in Russia. Tutto questo è riprodotto fedelmente con l'intento di creare una sorta di comunanza ravvicinata tra attori e pubblico, uniti dallo stesso intento di percepire l'universo demoniaco descritto dall'autore, denso, materico, pregnante di eventi infausti, delittuosi. Il demonio si impossessa di Nikolàj Stavrogin, figlio di Varvara Petrovna Stavrògina, a cui il destino riserverà solo dolore per i lutti che segneranno la sua esistenza. Ivan Alovisio recita con assoluta padronanza la parte del giovane in preda ad azioni violente incontenibili. Incapace di provare sentimenti veri, non ha principi, non sposa nessuna ideologia, è un uomo senza ambizioni. È lui a rappresentare il “male assoluto”, demoniaco per affinità elettiva. Ruota tutto intorno alla sua ambigua figura.

 La madre è Maddalena Crippa, mai prima di questo ruolo ad essere così perfetta nel sostenere le sembianze di una donna ieratica e determinata, incarnata nel suo nero vestire luttuoso. La sola presenza in scena incute timore reverenziale A lei tutti devono portare rispetto, sottomissione e ubbidienza incondizionata. La maturità raggiunta da questa straordinaria interprete del teatro italiano è arrivata al culmine della sua carriera. Stepàn Trofìmovič è un eccellente Elia Schilton, a cui va tributata una lode per la prova d'attore sostenuta, nel ruolo di un intellettuale ingenuo e sentimentale,perfino ridicolo, segretamente innamorato della donna a cui prestava i suoi servigi come precettore del figlio. Pure lui ha un figlio: Pëtr Verchovenskij, un rivoluzionario responsabile di fomentare atti terroristici. Alessandro Averone interpreta questo ruolo con evidente talento e ottima presenza scenica, anche se in parte dimostra un'esuberanza un po' sopra le righe. Intorno a loro si consumano storie di ordinaria violenza a a cui nessuno potrà sfuggire. Le relazioni sentimentali soffrono di un senso d'impotenza inevitabile. L'amore non ha futuro per nessuno di loro. L'ineluttabilità del destino a cui vanno incontro madri, padri, figli e la stessa società in dissoluzione. La vita stessa è priva di senso come sostiene Alekséj Kirillov, ingegnere nichilista per fede, suicida per dimostrare della non esistenza di Dio salvo convincersi di diventarlo dopo aver deciso di togliersi la vita e autoaccusarsi di un delitto politico commesso da un gruppo di fanatici. Il ritratto offerto da Fausto Russo Alesi sembra uscire dalle pagine del romanzo per dare vita ad un uomo angosciato dal tormento che lo attanaglia, Suicida lo sarà anche il giovane dissoluto Stavrogin. Compie su di lui l'estremo sacrificio per porre fine ad un tormento fatto di allucinazioni a affetto da attacchi epilettici. A volte, nel passato, le persone possedute venivano descritte anche come epilettiche. Tra tutti spicca in un ruolo difficile, da caratterista dotata di una capacità interpretativa anti -naturalistica, come richiesto dal regista per farne un ruolo di donna prigioniera della sua lucida follia, anche zoppa, ma capace di percepire ciò che da lì a poco accadrà agli ignari presenti.

 

Demoni

 Pia Lanciotti interpreta una commovente e dolente Mar'ja Timoféevna, a cui il destino ha chiesto di farsi carico di indicibili sofferenze. Prova d'attrice esemplare. Chi sta vicino a lei sono tutti dei derelitti, naufraghi di un'esistenza fallimentare. Rappresentano la sconfitta di ogni ambizione malsana che conduce alla discesa negli inferi dove la morte prende il sopravvento su tutto. Il sacrificio umano è incombente e si compie nel delitto di Ivàn Šatov colpevole di aver abbandonato la causa del comitato rivoluzionario e di essere una spia. Metafora di tutto il dramma in cui ognuno diffida dell'altro. La verità e la menzogna non conoscono confini. La festa offerta dal governatore von Lembke e da sua moglie Júlia Michàjlovna ( i bravi e convincenti Giovanni Crippa e Paola Benocci) è l'occasione per far esplodere in una comicità involontaria e farsesca, la tragedia rivoluzionaria. “Cacciate via le risate urla il governatore”, non c'è posto per l'allegria nel paese dei demoni. L'unico momento in cui Stein concede leggerezza per stemperare la tensione permanente che caratterizza, dall'inizio alla fine, la sua messa in scena. Peter Stein è riuscito a disegnare attraverso una solida regia geometrica l'intera narrazione del romanzo -testo teatrale – estrapolando i dialoghi significativi e di farli risuonare per mezzo della voce umana(unitamente alle suggestive musiche di scena composte da Arturo Annecchino), con estrema linearità grazie al supporto di una compagnia di protagonisti efficaci indenni (inspiegabile come) dalla fatica fisica, provata essa stessa dal pubblico che alla fine ringrazia generosamente gli attori, i quali, a loro volta, si uniscono in uno slancio fisico proiettato verso la platea ricambiando i “compagni di viaggio” di una memorabile esperienza.

 

Roberto Rinaldi

Foto-i-demoni_1284

 Gli attori/attrici: Maddalena Crippa, Elia Schilton, Ivan Aloisio, Fausto Russo Alesi, Pia Lanciotti, Andrea Nicolini, Maria Grazia Mandruzzato, Alessandro Averone, Rosario Lisma, Irene Vecchio, Franca Penone, Franco Ravera, Paolo Mazzarelli, Paola Benocci, Giovanni Crippa, Giovanni Visentin, Carlo Bellamio, Fulvio Pepe, Luca Iervolino, Riccardo Ripani, Armando de Ceccon, Matteo Romoli, Nanni Tormen, Federica Stefanelli, Antonia Renzella. Al pianoforte Arturo Annecchino, Giovanni Vitaletti, Massimiliano Gagliardi.

Visto al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia 17 ottobre 2010.

In scena a Pordenone 23, 24 ottobre e Torino il 30, 31.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • angeli e demoni

    angeli demoni

    Stamani ho riconsegnato la 500 alla mia zia Luciana.Quando sono salito sulla mia macchina, mi sembrava di non saperla guidare. Leggere il seguito

    Da  Aureliocupelli
    CULTURA
  • Amabili resti - Peter Jackson (2009)

    Il film inizia bene; inizia con la descrizione della vita normale di un'adolescente. Non è per nulla sincero, decisamente policamente corretto, completamente... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Peter-John Vettese

    Peter-John Vettese

    Compie oggi 54 anni Peter-John Vettese,Ecco alcune note biografiche tratte da wikipedia.A soli 4 anni inizia a studiare pianoforte e all'età di 9 anni si... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Being Peter Sellers

    Being Peter Sellers

    Ci sono casi in cui il film biografico diventa occasione per un cinema d'eccezione. Penso, in particolare, a Chaplin di Richard Attenborough, che finora ne è... Leggere il seguito

    Da  Spaceoddity
    CINEMA, CULTURA
  • OMG/3 - Maddalena

    OMG/3 Maddalena

    “OMG” è una striscia di TheAmir il cui protagonista è un omosessuale che chatta con Dio. La striscia è distribuita sotto licenza Creative Commons. Per tutte le... Leggere il seguito

    Da  Uiallalla
    CULTURA
  • Peter Jackson: Amabili Resti

    Peter Jackson: Amabili Resti

    Questo film, trasposizione cinematografica del bestseller "The Lovely Bones" di Alice Sebold, tratta la breve vita a cui andò incontro una quattordicenne,... Leggere il seguito

    Da  Scenamadre
    CINEMA, CULTURA
  • Joel peter witkin

    Joel peter witkin

    La creatività irriverente del fotografo americano Witkin Macabre messe in scena meticolosamente allestite intorno ai concetti di Morte, Diversità, Anomalia... Leggere il seguito

    Da  Catone
    ARTE, CULTURA, FOTOGRAFIA