Magazine Cultura

"la battaglia dei sessi" di jonathan dayton

Creato il 30 ottobre 2017 da Fabrizio64
Lo sport nella storia ha non poche volte costituito un momento di rottura sociale e politica, un momento tramite il quale sono emerse con prepotente chiarezza istanze avverso discriminazioni e ingiustizie.Pensiamo ai velocisti Tommie Smith e Lee Evans che alzano il pugno alle Olimpiadi a Città del Messico nel 1968 e, alle quattro volte medaglia d’oro nella corsa alle Olimpiadi di Berlino nel 1936 Jesse Owens, nero, dinanzi a Hitler che marmoreo lo vedeva vincere sui concorrenti germanici “ariani”.La battaglia dei sessi” di Jonathan Dayton celebra un tempo di rottura, al pari di Michael Jackson con il suo brano “Billie Jean”. La narrazione amplifica il prima, il durante e il dopo del punto di intersezione di tre direttrici: una personale, introspettiva ed umana, l’altra sociale e l’altra ancora sportiva.Il 20 settembre 1973 a Houston in Texas si è giocata una partita di tennis fra un uomo e una donna. Già questa è un’anomalia, vista la separazione dei sessi in questa come in altre discipline che hanno propri campionati. L’anomalia spazia al feroce maschilismo arrogante ed insopportabile di Steve Carelle, campione del mondo di tennis dedito al gioco, baro e creatore di problemi alla sua famiglia; l’anomalia spazia alla più volte vincitrice Billie Jean King, ragazza, il cui essere donna la pregiudica nella sua professione competitiva, sposata ma confusa sul proprio orientamento sessuale.Sport, femminismo versus maschilismo, eguaglianza fra uomo e donna versusdiscriminazione, disagio personale e crescita interiore per affermare se stessi e ciò che si è anche nella propria intimità.Una partita di tennis che incarna e invera uno scontro fra comprensione e incomprensione, tra un’epoca e un’altra.Due eccelsi attori interpretano i protagonisti: una Emma Stone nei panni della tennista Billie Jean King, mirabilmente imbruttita dalla bravissima Alyson Black-Barrie, insieme a un mirabile Steve Carelle nelle vesti di Bobby Riggs.Fabrizio Giulimondi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine