Magazine Cultura

La bella Costa dei Trabocchi, da vedere con calma

Creato il 01 novembre 2017 da Dfalcicchio

La bella Costa dei Trabocchi, da vedere con calma

In territorio Teatino, la Costa dei Trabocchi è uno dei luoghi più belli per trascorrere un periodo di relax, soprattutto nel periodo giugno/inizi ottobre, tra passeggiate, vita all’aria aperta, mare, visita di piccoli centri ricchi di storia e atmosfera. Tra l’altro, si mangia molto bene, tra mare e terra, con alcune autentiche specialità da scoprire.

In questa parte di terra, compresa tra Francavilla al Mare, Lanciano, Val di Sangro e Vasto, convivono appunto cucina marinara e cucina di terra, senza contrasti e, dove la tradizione si mescola con l’innovazione, il risultato è sempre una sorpresa.

Tra ristoranti (alcuni sono suggestivi trabocchi ristrutturati) e piccole trattorie, brodetti, la tipica ventricina, cespugli di ginestre e angoli ancora incontaminati, dominano incontrastati gli originali trabocchi, che si possono vedere solo da queste parti.

La Costa Teatina, un tempo abitata dall’antica popolazione italica dei Frentani e il suo immediato entroterra, sono ormai pronti per diventare una delle prossime mete di chi cerca un turismo di nicchia, lontano dalle folle e all’insegna della scoperta del bello. Tramonti  rosa delicati, sapori dalle tante sfumature e con tanti contrasti, a contatto di una  natura a tratti aspra e selvaggia, queste sono le caratteristiche che la costa Teatina rivolge al visitatore che va a scoprirla.
Il trabocco, in particolare, è un sistema di pesca a palafitta sul mare, chiamato a bilancia. Si lega con alcune corde una rete rettangolare a due pali chiamati antenne, queste corde con un meccanismo di intrecci vengono dirette da un attrezzo chiamato argano, che viene girato e lentamente cala e fa salire la rete stringendola.
I pesci che si possono pescare lungo la costa sono il Cefalo, la Spigola e il Mormorone nel periodo che va da ottobre ad aprile. Le Seppie, il Bianchetto e le Alici nei periodi di aprile e maggio.

Una parte d’Italia che vi consigliamo senza indugi.

Mauro Pecchenino

.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines