Magazine Cultura

La Congiura della Pietra Nera

Creato il 12 aprile 2016 da Ninapennacchi


“Vorrei essere un ponte di pietra...”


La Congiura della Pietra Nera

La locandina del film



Trama: Un’assassina, Zheng Li, è al servizio di una feroce setta segreta, “La pietra nera”. Vuole uscire dalla setta, ma sa che la cosa non è permessa a nessuno dei suoi membri. Per questo fugge nella notte, rubando nel contempo qualcosa di molto importante per la setta. 
Sempre braccata e stanca di combattere, decide di cambiare vita, modificando i connotati del proprio volto e trasferendosi lontano. Ma capirà presto che il passato difficilmente può essere lasciato alle spalle e, prima o poi, chiede il conto.

La Congiura della Pietra Nera
“La Congiura della Pietra Nera” è un film del 2010 e, nonostante il suo titolo, (che a me in qualche modo sembra rimandare al soprannaturale, a voi no?), esclude ogni magia esplicita nella trama. Rientra nel genere wuxia (arti marziali), ma non temete. I combattimenti non sono numerosi né pesanti (per quelle di voi che non li sopportano—io stessa non li amo).
Conosco poco il buddismo e la sua filosofia, ma non credo sia necessario per capire alcune parole chiave che vengono citate, come il “karma” e l’importanza di non chiudersi nel ricordo di quel che siamo stati e dei nostri errori. Almeno, questo sembra quello che il monaco buddista raccomanda alla protagonista, più e più volte. La necessità di aprire il cuore al futuro, di non rimanere ancorati ai dolori del passato. 
“L’anelito del cuoreper il passato è irraggiungibile.L’anelito del cuoreper il futuro è irraggiungibile.Il futuro diventa presente.Il presente diventa passato.Ciò che è irraggiungibile, non riguardaciò che può essere perseguito.“Perciò, vivi bene la tua vita!”
Ma lasciarsi tutto alle spalle è possibile? Il film e le sue “massime” sembrano contraddirsi proprio su questo punto: infatti, nel momento in cui la protagonista decide di andare avanti, il passato torna e chiede di chiudere i conti.
È proprio in questa contraddizione che risiede il motivo per cui amo tanto questa pellicola. Il bisogno di “fare ammenda” prima di poter andare oltre. Sapete che ho un debole per il tema “redenzione”, sia nei libri che su schermo, e per questo La congiura della Pietra Nera è uno dei miei film preferiti.
È una storia d’amore, oltre che di redenzione. E ovviamente, aggiungerei :)Mi conoscete, non poteva essere altrimenti.
La Congiura della Pietra Nera
Scoprirete un certo ponte di pietra, anche. Ponte che, per quelle di voi che riusciranno a recuperare/guardare questo film, diventerà uno struggente simbolo romantico.
Mi vorrei trasformarein un ponte di pietrae sopportare 500 anni di vento500 anni di sole,e 500 anni di pioggia...
Ho visto questo film decine di volte, e ogni volta ci verso qualche lacrima.Se vi capiterà di guardarlo, fatemi sapere se vi è piaciuto. Ma se lo odiate… vi prego, non ditemelo :)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines