Magazine Cucina

La cucina laziale ha mantenuto inalterate le sue peculiarità nel tempo.

Da Hugor @msdiaz61

La cucina laziale è rappresentata in gran parte da quella romana nella quale sono convogliate tutte le specialità delle tradizioni culinarie della regione.

Perduti i fasti dell'Antica Roma, dove era possibile mangiare qualunque prelibatezza del mondo civilizzato, questa è una cucina che ha perso in gran parte il suo filone aristocratico (famosa eccezione il timballo di Bonifacio VIII). Nella gastronomia romana hanno solidamente prevalso tre componenti popolaresche:

1) Ebraica (detta “giudia”), la più raffinata, ingegnosa e colta, cui si devono celebri piatti come i “carciofi alla giudia” o “l’invidia con le alici”;

2) Burina, di derivazione abruzzese, che ha portato fra l’altro i “bucatini all’amatriciana”, la “pasta alla carbonara”, l’abbacchio e in genere i piatti di carne di maiale;

cucina laziale mappa vini

3) Macellara, nata intorno ai mattatoi con protagonista il “quinto” quarto, cioè interiora, zampe, guancia, alla quale appartengono i “rigatoni con la paiata” o la “coda alla vaccinara”.

Nei primi piatti si nasconde la vera essenza della cucina romana.

imbolo della romanità a tavola (anche se per onor del vero traggono origine da Amatrice, piccolo centro in provincia di Rieti) sono i bucatini all’amatriciana, piatto a base di strutto, guanciale, pomodoro, peperoncino e pecorino. I buongustai sostengono che la vera amatriciana è quella in bianco. L’effetto finale è comunque sublime in entrambi i casi.
I bucatini cacio e pepe appartengono, invece, alla tradizione delle borgate della capitale, così come gli gnocchi alla romana e la pajata, ovvero un piatto di rigatoni conditi con un sugo a base di budella di vitellino da latte cotte con olio, aglio, prezzemolo, vino bianco, pomodoro e peperoncino.

Diffusi ormai in tutta Italia, ma di origine romana, sono anche gli spaghetti alla carbonara.

Tra i secondi, il piatto più caratteristico della cucina laziale è l’abbacchio alla cacciatora. Di solito, l’abbacchio è servito sotto forma di spezzatino cotto al forno con aglio, rosmarino, vino bianco, acciughe e peperoncino.

Da provare anche le "bracioline d’abbacchio" in casseruola e la coratella d’abbacchio. Altro piatto “povero” è la coda alla vaccinara, stufata in un ragù ricco di odori e cioccolato amaro.

A base di vitello è il saltimbocca alla romana, arricchito da prosciutto e salvia e il magatello in salsa alla rucola.

La cucina laziale ha mantenuto inalterate le sue peculiarità nel tempo.

Passando al pesce, piatto tipico della cucina laziale è il baccalà in guazzetto (filetti infarinati saltati in padella con un fondo di salsa di pomodoro, acciuga, olive e pinoli).
Nella zona dei Castelli da non perdere la porchetta.

Un buon secondo di carne può essere accompagnato dai carciofi alla giudia, piatto di origine ebraica, o (specie nella zona di Velletri) dai carciofi alla matticella.

Da non perdere la bruschetta con melanzana e mozzarella di bufala e la trippa alle verdure.

I Dolci della Pasticceria Laziale.

La cucina laziale ha mantenuto inalterate le sue peculiarità nel tempo.

Il dolce più classico della tradizione romana è il maritozzo, morbido panino nel cui impasto sono presenti pinoli, uvetta e scorzetta d’arancia candita. I bocconotti sono piccoli tortini di pasta frolla imbottiti di ricotta. Particolarmente gustoso è, infine, il pangiallo, un dolce a base di noci, mandorle, nocciole, pinoli e miele.

I Vini doc Laziali.
In una terra dall’antica tradizione culinaria, dove sin dall’antichità i bagordi avevano come principale alleato il nettare degli dei, non poteva mancare una vasta scelta di vini da abbinare ad ogni pietanza.

La zona dei Castelli è quella in cui si produce un ottimo bianco. Il Frascati (ma anche il Velletri e il Colli Albani), ad esempio, che ben si abbina agli ortaggi ma anche ad un buon primo.

Con il pesce, ma anche con l’amatriciana, particolarmente indicato è l’Est! Est! Est! di Montefiascone.

Tra i rossi, prodotto in provincia di Viterbo, il Genazzano è un vino che ben si sposa con i secondi di carne tipici della cucina laziale.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

La cucina laziale ha mantenuto inalterate le sue peculiarità nel tempo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La ratatouille

    ratatouille

    “Perché la chiamano così?” “Cosa?” “La ratatouille…se dai un nome a un piatto dovrebbe essere allettante. Ratatouille non è affatto allettante, sembra un... Leggere il seguito

    Da  Mammachebuono123
    CUCINA, RICETTE
  • La Peperonata della Petronilla

    Peperonata della Petronilla

    Tanto squisita mi è riuscita ieri la peperonata che ho fatta, quale pietanza, pr la cena…, e tanto i ragazzi ne hanno gustato oggi gli avanzi riscaldati… che... Leggere il seguito

    Da  Patiba
    CUCINA, CULTURA, RICETTE
  • La Crème Fraîche

    Crème Fraîche

    è una salsa tipica della cucina francese, ma oggi utilizzata e diffusa, anche in diverse varianti, in molte cucine europee. É una salsa densa e vellutata... Leggere il seguito

    Da  Patiba
    CUCINA, CULTURA, RICETTE
  • La Polenta fritta

    Polenta fritta

    La tradizioneOggi ti racconto di come in questo piccolo borgo medioevale di Dozza in provincia di Bologna , ogni anno il primo fine settimana di settembre si... Leggere il seguito

    Da  Maria Vecchi
    CUCINA, RICETTE
  • La Pissaladiere

    Pissaladiere

    Periodo di riflessioni, progetti per il futuro e voglia di non fare niente, questo è il riassunto della mia fine giugno! Iniziamo questo mese con una ricetta ch... Leggere il seguito

    Da  Saravale
    CUCINA, RICETTE
  • Crème brûlée.J'adore la superficialité!

    Crème brûlée.J'adore superficialité!

    Non si può essere sempre profondi, pensierosi, incazzosi e inaciditi con la vita e con il prossimo. A volte, ultimamente sempre più spesso, ho bisogno di... Leggere il seguito

    Da  Tatianadigrazia
    CUCINA, RICETTE
  • Usare la testa

    Usare testa

    Risotto al fumetto di acciugheImpossibile, per la cuoca, resistere all'offerta di acciughe fresche, e comprarle per farle fritte, con l'insalata di tarassaco e... Leggere il seguito

    Da  Lacuocacialtrona
    CUCINA, RICETTE