Magazine Diete

La dieta migliore

Da Giulianoparpaglioni

La dieta migliore

Bacco - Michelangelo Merisi

Esiste una dieta migliore delle altre? Se voglio dimagrire è più adatta una paleodieta o una dieta vegana? Devo eliminare i carboidrati?
Queste domande sono comuni, e non hanno una risposta semplice. Tempo fa ho scritto, nel mio altro sito, un articolo che diceva, in sostanza, che le diete sono tutte efficaci. Non importa che si rinunci ai prodotti animali o ai carboidrati: nel lungo periodo il risultato è sempre lo stesso.
E allora qual è il modo migliore per dimagrire? Qual è la dieta giusta?

Eliminare le schifezze

La prima cosa che verrebbe in mente è quella di eliminare il superfluo: merendine, dolci, alcolici, pizzette, aperitivi... Certo, è una via efficace, ma porta con sé un grosso problema: la noia. La maggior parte delle volte, le rinunce sono vissute come un sacrificio, e il proposito non dura molto. Eliminare le schifezze è un primo passo nella direzione giusta, ma non può essere l'unico, perché da solo non basta e non dura.

Lo schema migliore

Il secondo approccio che si può tentare è quello di trovare degli schemi prestabiliti, delle guide, che si possano seguire in autonomia. Abbiamo un fiorente mercato di libri riguardanti le più disparate diete: chetogenica, paleodieta, vegetariana, metabolica, la dieta del sorriso, la dieta del gruppo sanguigno, la dieta del fiorellino di campo... i nomi sono sempre più fantasiosi e il mercato è sempre più voglioso di conoscere le novità, salvo poi accorgersi che sono sempre i soliti due o tre concetti ripetuti mille volte da persone diverse con nomi diversi. Oppure vere e proprie scempiaggini. Come già accennato: tutte le diete funzionano, da questo punto di vista va seguito il proprio gusto personale. Il problema rimane sempre solo uno: cosa succede dopo aver smesso di seguire la dieta.

La dieta migliore in assoluto

Quindi non esiste la dieta migliore? No, in realtà esiste. Solo che non può essere generalizzata. La dieta è strettamente personale, e che sia mirata a dimagrire, ad aumentare il peso, a mantenerlo o a risolvere problemi di salute, non sarà certo un libro generico a farci capire di cosa abbiamo bisogno.Ci sono ovviamente delle linee guida, e la dieta mediterranea, generalmente, può essere seguita senza problemi. C'è però un trucco importante per riuscire a perdere qualche chilo.

La chiave del dimagrimento: mangiare di più

Mi rendo conto che sia controintuitivo, ma per molte persone la soluzione al sovrappeso è aumentare la quantità di cibo assunta. Molti ingrassano perché mangiano troppo poco, abbassano il metabolismo e, a causa della fame, consumano dolci, biscotti, crackers, gelati, che danno soddisfazione e calorie, ma pochi nutrienti. Così si sbilancia la dieta e gli eccessi si trasformano in grasso. Mangiare di più permette di aumentare il metabolismo e non avere più il desiderio di certi cibi malsani o sbilanciati, portando a una migliore alimentazione e una soddisfazione quotidiana più sana e frequente. Ovviamente la chiave del dimagrimento è quella di mangiare meno di quanto si consumi, ma mangiare troppo poco è spesso un ostacolo al nostro obbiettivo.

Cosa mangiare

  • Consumate le verdure, a pranzo e a cena. Abbondate con esse;
  • limitate i condimenti;
  • consumate tutti i tipi di alimenti: la pasta e il pane non ingrassano, nelle giuste quantità;
  • preferite gli alimenti grezzi a quelli elaborati;
  • consumate i vari tipi di carne, pesce e legumi a rotazione, non mangiate sempre lo stesso tipo di prodotto;
  • fate sempre tutti i pasti, non saltate la colazione o il pranzo.

Ultimi consigli

Va comunque sempre ricordato che una vita attiva migliora la salute, è bene quindi darsi uno standard minimo, che può essere mezz'ora di camminata al giorno, e magari a questa aggiungere qualcosa. Inoltre, per personalizzare la vostra alimentazione, una visita dal vostro biologo nutrizionista di fiducia è sempre la migliore cosa da fare.
Brescia, 14 ottobre 2019
Hai bisogno di un aiuto personalizzato? Prenota una visita!
Dott. Giuliano Parpaglioni, biologo nutrizionista, Brescia, Leno e Toscolano Maderno

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog