Magazine Cinema

La donna che canta

Creato il 04 dicembre 2019 da Lumiere @LumiereFratelli

La donna che canta

Incendies – Canada/Francia 2010 – di Denis Villeneuve

Drammatico/Mistery/Guerra – 131′

Scritto da Francesco Carabelli (fonte immagine: imdb.com)

Nawal Marwan, libanese emigrata in Canada, lascia orfani i due figli avuti da una relazione passata. Il notaio presso cui lavorava è incaricato di consegnar loro un messaggio della donna, che li invita a mettersi​ sulle tracce del padre e del fratello.

Sarà l’inizio di un lungo viaggio che rievoche il dolore subito da Nawal nella sua breve esistenza.

Ispira​to​ da una pièce teatra​le​ dell’au​to​re​ cana​de​se​ Wajdi Mouawad, La donna che canta –Incendies è un’ope​ra​ scottan​te​ per i temi tocca​ti:​ in primo luogo la guerra in Libano e i conflit​ti​ inter​ni​ tra cristia​ni​ e musul​mani;​ ma anche per il fina​le​ che tocca temi quale lo stupro e l’incesto.

La donna che canta-Incendies narra le vicen​de​ di una donna liba​ne​se​ cristia​na,​ che, a segui​to​ di una rela​zio​ne​ d’amo​re​ con un rifu​gia​to​ pale​sti​nese​ musul​ma​no,​ viene allon​tana​ta​ dal paese nata​le​ e si trasfe​ri​sce​ in città, da uno zio. Qui avrà modo di formar​si​ all’u​ni​ver​si​tà,​ ma la guerra​ inte​sti​na,​ la spinge​rà​ a ritor​na​re​ a sud sulle tracce​ del figlio​ avuto dalla prece​den​te​ rela​zio​ne,​ e a confron​tar​si​ con i proble​mi​ del conflit​to​ inter​no​.

Diven​te​rà​ così arma nelle mani dei musul​ma​ni​ e dovrà subir​ne​ le conse​guenze​ con quindi​ci​ anni di carce​re,​ alla fine dei quali darà alla luce due gemel​li,​ avuti a segui​to​ dei ripe​tu​ti​ stupri​ subi​ti​ da un tortu​ra​to​re​.

La storia​ è costrui​ta​ da conti​nui​ flash-back, che mostra​no​ le vicen​de​ della donna nel passa​to,​ di contro​ ad un presen​te​ nel quale, a segui​to​ della sua morte, i figli sono alla ricer​ca​ delle proprie​ origi​ni,​ spinti​ a ciò dal testa​mento​ lascia​to​ dalla madre.

Vi sono inoltre​ degli inser​ti​ che anti​ci​pa​no​ elemen​ti​d ella storia,​ permettendo​ all’at​ten​to​ osser​va​to​re​ di capi​re​ quello​ che succe​de​rà​. La narra​zio​ne​ avvie​ne​ inoltre​ per capi​to​li​ che deli​mi​ta​no​ sezio​ni​ della pelli​co​la​.

Film duro per le situa​zio​ni​ di guerra​ e di dolo​re​ messe in imma​gi​ni,​ ma capace​ di tene​re​ viva l’atten​zio​ne​ per 120 minu​ti​. Il regi​sta​ Denis Villeneuve, ripren​de​ nelle inqua​dra​tu​re​ inizia​li​ il fina​le​ di un classi​co​ come Professione reporter di Antonioni e poi proce​de​ sicu​ro,​ non lascian​do​ allo spetta​to​re​ il tempo di anno​iar​si,​ ma metten​do​lo​ davan​ti​ alla cruda realtà​ delle imma​gi​ni​ di una storia​ inten​sa​ e mai bana​le​.

Ad accom​pa​gna​re​ le imma​gi​ni,​ pezzi dei Radiohead, che con il loro sound origi​na​le​ danno inten​si​tà​ al dolo​re​ dei prota​go​ni​sti​.

Come in molti altri film da segna​la​re​ l’uso dell’am​bien​te​ pisci​na,​ come luogo di puri​fi​ca​zio​ne​ e di svela​men​to​ della veri​tà​ (in questo​ caso la veri​tà​ sui nata​li​ dei due gemel​li​ della donna).

Cast di tutto rispet​to​ che vede tra i prota​go​ni​sti​ l’attri​ce​ belga Lubna Azabal e i cana​de​si​ Mélissa Désormeaux-Poulin, Maxim Gaudette, Remy Girard. In alcu​ni​ casi purtrop​po​ però il doppiag​gio​ lascia​ a desi​de​rare​.

Il film è stato presen​ta​to​ alle Giorna​te​ degli auto​ri​ della Mostra​ del cine​ma​ di Vene​zia​ 2010, dove ha rice​vu​to​ il Mouse d’oro.

Voto: 8


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines