Magazine Cucina

La fiera del tartufo bianco: il nostro reportage

Da Gftl

Fiera nazionale del Tartufo bianco - Gluten Free Travel and Living

Come vi avevamo anticipato, il 2 Novembre scorso si è svolta la terza giornata della Fiera del Tartufo bianco. Se ve la siete persa, siete ancora in tempo per fare un salto ad Acqualagna oggi e domani, ultime due occasioni per partecipare alla 49° edizione del più importante evento d’Italia dedicato al pregiatissimo tuber magnatum pico.
Durante la mattinata del 2 novembre il Salotto da gustare è stato dedicato al tema del tartufo nella cucina gluten-free, e oggi vogliamo raccontarvi nel dettaglio che cosa è accaduto. Anzi, ve lo facciamo raccontare da due reporters d’eccezione, i genitori della nostra Simonetta Nepi, che hanno perlustrato in lungo e in largo gli spazi espositivi, restituendoci in una breve cronaca il clima di una giornata che li ha lasciati soddisfatti ed entusiasti.
Ringraziamo Mino e Ornella Nepi per la loro preziosa testimonianza e per le immagini.

 

Cattura

   Il 2 novembre viene generalmente considerato un giorno triste. Oltre a rappresentare la ricorrenza dei    nostri cari defunti, ci catapulta in pieno autunno. Qualche volta ad accrescere la malinconia di questo giorno ci si mette anche il maltempo, con pioggia, freddo, vento, temporali ed altre avvisaglie dell’imminente transito verso la stagione invernale.

Ad Acqualagna, quel giorno, non è stato così: una giornata incredibile, quasi primaverile, con uno splendido sole ed un cielo azzurrissimo. Una gran festa con tanta gente per le vie, e profumo di tartufo ad ogni angolo.
Una grande esposizione di prodotti tipici al seguito di Re Tartufo. Gironzolare tra i vari stands è stato un piacere e una delizia per occhi e palato. Impossibile non comprare qualcosa da portare a casa; alcuni si sono fermati a gustare le specialità nei ristoranti e negli spazi allestiti per l’occasione. Non si poteva proprio resistere!

persone

Stands espositivi

salotto da gustare

“Salotto da gustare”

Siamo stati ospiti della giornata dedicata al tartufo nelle ricette senza glutine, non prevista nelle edizioni precedenti della fiera. Organizzazione perfetta ed efficiente di un evento che ha dimostrato al pubblico come anche i celiaci possano gustare i meravigliosi piatti a base di tartufo.

tartufo

Il tartufo bianco

L’introduzione ai lavori è stata di Lorenzo Piersanti, Consigliere Regionale del Direttivo AIC – Marche Onlus per la Provincia di Pesaro-Urbino. Nella presentazione, è stato fatto il punto della situazione sulla celiachia in Italia e nelle Marche, evidenziando dati statistici e passando in rassegna tutte le tematiche legate ad essa, auspicando un più completo coinvolgimento delle istituzioni e degli operatori turistici.

Subito dopo, abbiamo visto all’opera Alfio Paoloni, cuoco e consulente AIC, che ha preparato un piatto di gnocchi di patate rosse di Sempiano con caciotta di Urbino e tartufo di Acqualagna.

preparazione del piatto

La preparazione del piatto

Il risultato è stato eccezionale, nessuno avrebbe mai notato una qualche differenza rispetto ad una porzione di gnocchi contenenti glutine. Siamo convinti che sentiremo ancora parlare dello chef Paoloni! Durante la preparazione, l’esperto enogastronomico Otello Renzi ci ha spiegato tutte le qualità degli ingredienti, accompagnandoci fino alla degustazione del piatto, abbinato ad un’ampia gamma di vini bianchi marchigiani come l’Offida Passerina, il Bianchello del Metauro e l’Offida Pecorino. Si è trattato, in sostanza, di una degustazione guidata che ci ha fatto assaporare la vera arte del mangiare.

Da sinistra: O. Renzi e A.Paoloni

Da sinistra: O. Renzi e A.Paoloni

piatto

Il piatto finito

Degustazione vini

Degustazione vini

I tartufi sono stati offerti dalla Sig.ra Tofani, che vanta una lunga esperienza nel settore gluten free e che propone, nel suo negozio, una vasta scelta di prodotti senza glutine a base di tartufo. 

È stata una giornata meravigliosa e prevediamo di tornarci anche l’anno prossimo.  Cattura

Mino e Ornella Nepi per GFT&L


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La ricetta della pastiera

    ricetta della pastiera

    CondividiLa pastiera, come è noto, è un antichissimo dolce pasquale napoletano. Una base di pasta frolla ripiena di un impasto di ricotta, grano cotto, uova... Leggere il seguito

    Da  Modenabimbi
    BAMBINI, CUCINA, FAMIGLIA, SALUTE E BENESSERE
  • La Food art conquista la rete

    Food conquista rete

    La food art è ormai una pratica diffusa in tutto il mondo, vi abbiamo già parlato di Ida Frosk, l’artista nordica che elabora capolavori con il cibo. Leggere il seguito

    Da  Modenabimbi
    BAMBINI, CUCINA, FAMIGLIA, SALUTE E BENESSERE
  • La bambina con la farfalla (poesia)

    bambina farfalla (poesia)

    17/02/2015Quello che la voce non osa narrare è contenuto nello sguardo, nelle sue velature sfuggenti che passano come lembi sulle ferite aperte: si può... Leggere il seguito

    Da  Lasfinge
    SALUTE E BENESSERE, DA CLASSIFICARE
  • La signora dei gatti

    signora gatti

    11/09/2014Appena fuori dal cancello, raddrizzò la testa e si guardò intorno, poi volse lo sguardo in alto, prima verso le foglie degli alberi del viale e... Leggere il seguito

    Da  Lasfinge
    SALUTE E BENESSERE, DA CLASSIFICARE
  • La palude (poesia)

    palude (poesia)

    19/09/2014I maledetti ed i dannati, il buio dell'umano, come creature inconsapevoli, che non hanno assaggiato il frutto proibito e non conoscono la luce, ma sol... Leggere il seguito

    Da  Lasfinge
    SALUTE E BENESSERE, DA CLASSIFICARE
  • La mostarda mantovana

    mostarda mantovana

    La mostarda è un prodotto tipicamente italiano e particolarmente del Veneto, della Lombardia e dell'Emilia.A base di frutta, zucchero, resa piccante... Leggere il seguito

    Da  Prodottiakmzero
    CUCINA, CUCINA ITALIANA, SALUTE E BENESSERE
  • La pasta nel tempo

    pasta tempo

    Molti secoli prima della nascita di Gesù, i Greci e gli Etruschi erano già abituati a produrre e a consumare i primi tipi di pasta. Leggere il seguito

    Da  Latognazza
    CUCINA, SALUTE E BENESSERE

Dossier Paperblog