Magazine Cultura

La finta lotta di classe che ha inculato l’Italia

Creato il 15 gennaio 2011 da Iannozzigiuseppe @iannozzi

di Iannozzi Giuseppe

La finta lotta di classe che ha inculato l’Italia
Temo non ci sia resi conto che l’Italia è al collasso, così come del resto gran parte del mondo occidentale e non.

Se è vero che in Italia c’è chi ha voglia di fare, purtroppo è anche vero che molti sono quelli che non vogliono fare e che credono di poter fare i furbi in eterno sulle spalle degli onesti. Non solo in Fiat, nei Comuni e in Regione anche, e un po’ dappertutto, c’è chi si fa un mazzo tanto e chi invece passa la sua vita davanti alla macchinetta del caffè a fumare e a trescare. Sono dannate realtà che fanno male e che ho toccato con mano non una volta e che ho subito sulla mia di pelle anche.
Che avreste preferito? Che Marchionne andasse in Canada?
Forse non ve ne siete resi conto ma in Italia di italiano non c’è restato più un emerito cazzo. E diciamocelo. Colpa degli imprenditori ingordi, ma colpa anche di tanti delle vecchie generazioni che hanno fatto i furbi e che di fatto hanno negato un futuro ai loro figli oggi per strada e disoccupati. Non è che andando all’estero i giovani si troveranno meglio che in Italia. Tutt’altro. Si troveranno peggio e con molte meno assicurazioni. Negli USA un giorno sei in ufficio, quello dopo non ci sei più se sgarri portando un ritardo, per minimo che sia, di cinque dieci trenta minuti.

Non è un momento facile, non lo è per nessuno. Ma fare gli strilloni non serve, la manna non cade dal cielo e nessuno oggi cammina sulle acque tranne i terroristi, rossi e neri, ammantati di stupido innocentismo, e che domani qualcuno eleggerà pure santi e martiri al pari d’un qualsiasi maledettissimo Papa con le bave alla bocca o protettore del clero pedofilo. Eccola l’Italia che ancora se la gode alla grande: quella dell’alto clero – praticamente intoccabile e che va a braccetto di comunisti e capitalisti  allo stesso tempo senza porsi problema etico alcuno -, i terroristi fascisti e rossi, i pentiti (il pentitismo è diventato un lavoro a tempo pieno per molti, porco d’un mondo!), le escort e le veline.

La poesia è tanto bella. Non dà da mangiare però.

Bertrand Russell rimproverava, cento anni or sono o giù di lì, che avrebbe avuto orrore di vivere in una società comunista: vediamo così quello che è poi successo con Stalin, con le epurazioni; e vediamo quello che ancor oggi accade a Cuba e in Cina ad esempio. Russell diceva che capitalismo e comunismo non erano la soluzione, che la democrazia era la miglior forma di governo perché la società non ne ha indicata ancora una migliore.

Ha vinto il sì, la democrazia.
Se conoscete voi una forma di governo più democratica dell’attuale democrazia spiegatela ora ed adesso… altrimenti andate a fare in culo senza tanti complimenti.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Italia 150 - La Musica

    Dopo aver passato in rassegna i premi Nobel targati Italia, catapultiamoci, questa mattina, nella musica che ha accompagnato la nostra storia in questi 150... Leggere il seguito

    Da  Mi7ch85
    CULTURA, MUSICA
  • (1963) locandina - LA PUPA (italia)

    (1963) locandina PUPA (italia)

    con: Michèle Mercier, Ettore Manni, Lia Zoppelli, Riccardo Garrone, Francesco Mulè, Rossella ComoRegia: Giuseppe Orlandinigenere: commediasoggetto: Ugo Guerra,... Leggere il seguito

    Da  Memories
    CINEMA, CULTURA
  • Italia

    Italia

    Il 17 marzo scorso si è festeggiato il 150mo anniversario della nostra beneamata patria. L'evento, come da tradizione tutta italiana, non poteva che provocare... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • (1963) locandina - LA RABBIA (italia)

    (1963) locandina RABBIA (italia)

    Regia: Pier Paolo PasoliniCoregia: Giovcanni Guareschigenere: documentariosoggetto: Pier Paolo Pasolini, Giovanni Guereschisceneggiatura: Pier Paolo Pasolini,... Leggere il seguito

    Da  Memories
    CULTURA
  • E' questa la nostra Italia?

    questa nostra Italia?

    Avevo nove anni quando è morto Giovanni Falcone, ma la storia di lui rimane per me come un solco. A volte le banalità sono solo cose semplici che spesso... Leggere il seguito

    Da  Almacattleya
    CULTURA
  • La bella Italia dove il sì suona.

    Anche questa è fatta. Il secondo segnale è stato dato. Come ho già detto assolutamente inutile per la materia del contendere, giacché in Italia le decisioni... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • La rete rischia la censura in Italia

    L'Agcom sta per approvare una regolamentazione sull' diritto d'autore e sui contenuti in rete.Se non ci saranno modifiche;l’Autorità per le Garanzie nelle... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ