Magazine Sport

La Fiorentina batte il Pescara al 94′: 2-1

Creato il 01 febbraio 2017 da Il Blog Dello Sportivo @blogdsportivo

Non basta Gianluca Caprari al Pescara: una doppietta di Cristian Tello ribalta tutto e regala alla Fiorentina tre punti importanti. Finisce 2-1 a Pescara e Fiorentina che aggancia il Milan.

FORMAZIONI:

Pescara (4-1-4-1): Bizzarri; Crescenzi, Gyomber, Stendardo, Biraghi; Bruno; Zampano, Memushaj, Benali, Caprari; Bahebeck. All. Oddo.

Fiorentina (3-4-2-1): Sportiello; Sanchez, Tomovic, De Maio; Tello, Badelj, Vecino, Olivera; Ilicic, Valero; Babacar. All. Sousa.

CRONACA:

La prima occasione della partita è per i padroni di casa: Bahebeck sfugge alla difesa viola sulla sinistra e mette al centro un pallone rasoterra invitante per l’accorrente Zampano, che in scivolata non arriva però all’appuntamento con il goal. Al 10′ arriva invece la prima palla-goal per la squadra ospite: Tello finta di andare sul fondo e converge al centro, l’ex Barcellona cerca poi il sinistro a giro sul palo lontano, ma non inquadra lo specchio della porta. Al quarto d’ora ripartenza abruzzese con Biraghi, che elude il fuorigioco avversario sulla sinistra e mette al centro un perfetto assist per Caprari, l’attaccante italiano sfrutta la voragine difensiva viola e batte Sportiello con un preciso piattone rasoterra. La squadra di Sousa tiene in mano il possesso palla, ma non riesce a trovare molti spazi nelle strette linee difensive impostate da Oddo. Atteggiamento impeccabile per i padroni di casa nella fase di non possesso, l’interminabile fraseggio viola si infrange costantemente sul muro avversario. Sousa cambia volto ai suoi dal punto di vista tattico e passa al 4-3-3 con Tello spostato a sinistra e Ilicic sulla destra, abbassando Borja Valero nel ruolo di mezz’ala. Negli ultimi minuti del primo tempo non si registrano però emozioni e si va al riposo con il sorprendente vantaggio del Pescara.

Sousa gioca la carta Chiesa al posto di Tomovic per una Fiorentina a trazione anteriore ed il copione della gara non cambia: squadra viola avanti a testa bassa e più aggressiva. Proprio da una bella accelerazione del giovane neo entrato nasce una pericolosa punizione: Ilicic disegna una splendida traiettoria ma la palla si infrange sul palo e torna in campo. Babacar insacca poi a porta vuota, ma la rete viene annullata per chiara posizione di fuorigioco del senegalese. La squadra ospite resta stabilmente nella metà campo avversaria, ma la difesa del Pescara si mostra concentratissima. La sensazione è che solo la giocata di un singolo possa riuscire a far male dalle parti di Bizzarri e al 68′ ci pensa Tello. Lo spagnolo converge al centro e si inventa un perfetto destro a giro, che si insacca sotto l’incrocio lontano e riporta in equilibrio il match. Pochi minuti più tardi uno scatenato Tello semina ancora il panico dalla sinistra, ma la difesa di casa libera. Le azioni più pericolose nascono tutte dal piede dello spagnolo, che serve a Ilicic un rigore in movimento, ma l’ex Palermo spara in curva. In pieno recupero il neo entrato Kastanos tenta la fortuna da fuori, ma Sportiello ribatte. In pieno recupero arriva l’episodio che non ti aspetti: Tello mette il classico ‘cross della disperazione’ sul quale non interviene nessuno e la palla finisce direttamente nell’angolo lontano. Tre punti fondamentali per i toscani proprio all’ultimo respiro.

I viola ribaltano il risultato e vincono nel finale 2-1 a Pescara.#ForzaViola#PescaraFiorentina 1-2 pic.twitter.com/y2ZD2t4b99

— ACF Fiorentina (@acffiorentina) 1 febbraio 2017


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine