Magazine Cultura

La foto della settimana: a passeggio lungo la Loira

Creato il 22 marzo 2015 da Auroradomeniconi

E’ ufficiale: abbiamo svernato! La primavera – sia astronomica che convenzionale – è arrivata, gli eventi celesti del 20 marzo (equinozio, superluna e la tanto attesa eclissi) si sono verificati, ora aspettiamo solo che si concludano i si-spera-ultimi giorni di pioggia ma l’inverno si può ufficialmente considerare come un ricordo del passato. E con la primavera è tornata anche la voglia di ripartire: non solo ho già pronto un intenso programma fatto di viaggi, gite ed esplorazioni di varia natura per i prossimi mesi, ma ho già iniziato a pensare anche alla vacanza estiva (il viaggio di almeno una settimana, per intenderci) che avrà luogo presumibilmente nel mese di agosto.

La meta non è ancora decisa… in ballo ci sono tre regioni francofone che mi ispirano da matti, ma ho tutto il tempo necessario per arrivare a una scelta definitiva. Il fatto, però, che ad attirarmi siano tre regioni di lingua francese la dice lunga su quanto il viaggio del 2014 abbia lasciato il segno. È un po’ come se fossero stati piantati in me dei semi che ora mostrano i primi germogli, tanto per restare in tema di primavera :-) E se sognare nuove mete francesi (ma non solo) è una faccia della medaglia, dall’altra parte ci sono ad accompagnarmi i ricordi autenticamente francesi dell’ultima vacanza. Uno tra i tanti? La passeggiata lungo il quai de la Saussaye a Blois, ridente cittadina francese attraversata dalla Loira e pertanto compresa nel perimetro della famosa valle classificata come Patromonio Mondiale dell’UNESCO.

Blois
Era il penultimo giorno di viaggio, stavamo lasciando la Normandia ed eravamo diretti a Sud verso Digione. Prima, però, ci attendevano due tappe affascinanti nella provincia Turenna della Valle della Loira. In questo caso, la realtà ha rispecchiato fedelmente quanto descritto nel programma di viaggio poiché abbiamo effettivamente percorso la vallata della Loira concedendoci una visita esterna ai favolosi castelli che l’hanno resa famosa: Amboise e Blois. Converrai con me che una visita esterna non è il massimo della vita, non quando si tratta di castelli… men che meno quando si sta parlando dei nientepopòdimenoche castelli della Loira. Ma tant’è, il programma di un viaggio organizzato non si cambia, ricordi?

E siccome in un viaggio organizzato i tempi sono serratissimi, quando abbiamo messo piede a Blois – guarda caso all’ora di pranzo – il tempo libero a nostra disposizione imponeva una scelta strategica. Contrariamente a quanto deliberato dalla maggioranza del gruppo, una volta adocchiato il castello (che sicuramente merita una visita approfondita, meglio se inserita in un itinerario dedicato solamente ai castelli della Loira), io ho optato per il rinvio del pranzo pur di dedicare il poco tempo concesso alla scoperta della cittadina. Ed è stato quasi per caso che, discesa la scalinata della piazza del castello mi sono ritrovata insieme a uno sparuto gruppo di minoranza a gironzolare per le viuzze del paese fino a ritrovarmi di fronte a lei, la grande protagonista della regione, la regina che regna incontrastata tra i tanti castelli che unisce: la Loira. E in una calda giornata di sole, ci siamo coccolati con una rilassata passeggiata lungo le banchine.

Una passeggiata che rifarei molto volentieri, magari con una puntatina oltre il pont Jacques Gabriel verso il quartier de Vienne o, perché no?, semplicemente interrompendo la camminata per sedermi a riva e godermi l’aria, il sole, l’atmosfera primaverile di Blois. In compagnia della Loira.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La buca

    buca

    Mi ha piacevolmente sorpreso la visione del film La buca, seconda regia autonoma di Daniele Ciprì dopo E’ stato il figlio (2012) e le precedenti... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA
  • La strada

    Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • La spia

    spia

    (A most wanted man)di Anton Corbijn (Gb/Germania/Usa, 2014)con Philip Seymour Hoffman, Grigoriy Dobrygin, Rachel McAdams, Robin Wright, Nina Hossdurata: 122 min. Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • La xilografia

    xilografia

    Una pagina della Bibbia pauperumOggi per la rubrica Decorestauro vi parlo di una tecnica artistica di stampa: la xilografia o silografia.Di che cosa si tratta? Leggere il seguito

    Da  Artesplorando
    ARTE, CULTURA
  • La frontiera

    E così ci sto provando seriamente: a vivere di scrittura. Con l’incoscienza e la consapevolezza di avere una sola vita. E non una seconda... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Te la racconto io la storia

    racconto storia

    TRA PROGETTI ED ESPERIENZE LA STORIA RACCONTATA CON L'OCCHIO AUDIO-VISIVO L'Archivio Luce Cinecittà, in collaborazione con: Istituto per la storia del... Leggere il seguito

    Da  Letizialaura
    CULTURA
  • Una Villa d'epoca immersa nel verde per un matrimonio eco-chic da favola -...

    Villa d'epoca immersa verde matrimonio eco-chic favola Labirinto

    Quando si pensa al matrimonio ecologico la mente va subito a location coerenti con la tematica come agriturismi e country house, ma perché limitare la scelta a... Leggere il seguito

    Il 22 ottobre 2018 da   Sofia
    ECOLOGIA E AMBIENTE, LIFESTYLE, PER LEI