Magazine Cultura

La frontiera, un incontro oltre che un romanzo

Creato il 14 giugno 2016 da Edizionialtravista

Una minuscola isola deserta con un faro abbandonato, su un’isola nel cuore dell’Oceano Indiano. È lo scenario suggestivo in cui si svolge la storia raccontata ne “La Frontiera”, l’ultimo romanzo dello scrittore indipendente Giuseppe Bresciani. Un libro che disorienta il lettore, convinto di tuffarsi in una piacevole avventura nei mari esotici, un tempo frequentati dai pirati. Non è così, invece. Un altro tipo d’avventura lo attende, lo coinvolge, lo sradica dalla poltrona. La storia è contemporanea, ai limiti del surreale. La curiosità spinge una giornalista italiana in vacanza a Mauritius a incontrare un uomo di nome Léon che vive come un eremita sull’Isola del faro. Quasi subito nasce fra i due un legame non privo di sottili tensioni. Nell’arco di tre giorni intensi, funestati da un ciclone, l’enigmatico Léon racconta come la sua esistenza all’insegna della bellezza, dell’amore e della prosperità, sia stata sconvolta anch’essa da una tempesta. Risucchiato in un vortice di fenomeni mistici, profezie e derive psichiche dall’incontro con una coppia ambigua, insieme a sua moglie Sophie affronta vicissitudini spirituali e mondane che minano le sue capacità di discernimento. Non sa più a distinguere tra il vero e il falso. Ma l’illusione svanisce e quando la verità emerge i contraccolpi sono devastanti. Il dolore e il disincanto abbattono Léon, che al culmine della disperazione abbandona il mondo per rifugiarsi là dove ha disperso le ceneri di Sophie, che si è lasciata morire. Il tempo cicatrizza le ferite. Léon comprende il senso degli eventi e intuisce che la sua anima ha scelto quel percorso sofferto. Rivela a Francesca un segreto inconfessabile e la conduce alla comprensione di verità difficili da accettare. La condivisione, inframmezzata da flashback e sviluppi emotivi, nutre le pagine della seconda parte del racconto, ricca d’insegnamenti spirituali. Francesca farà ritorno a Milano con una coscienza nuova e l’intento di scrivere un romanzo sulla “frontiera di cui ignoriamo l’esistenza e che un giorno, all’improvviso, si manifesta sul nostro cammino e ci obbliga a una scelta”. Ma prima dovrà accettare un’ultima sorpresa, la lettera in cui Léon annuncia di avere oltrepassato la frontiera più misteriosa. Il lettore, appagato da una scrittura raffinata, mai banale o piatta, e da un plot coinvolgente, non è del tutto appagato e non può fare a meno d’interrogarsi. Le sue certezze vacillano e in cuor suo sente il bisogno di addomesticare l’improvvisa voglia di varcare la frontiera oltre la quale non ha mai osato andare. Gli resta un dubbio che lo frena, però, teme che non potrà fare ritorno qualora lo desiderasse. “La frontiera” non è solo un romanzo di formazione ma un incontro fra l’autore e il lettore che è in cerca. E come suggerisce Léon “ogni incontro è necessario, costituisce una tappa del viaggio e fa parte di un piano che non contempla il caso o il caos.”

  • Autore: Giuseppe Bresciani
  • Editore: CreateSpace by Amazon
  • Anno: 2016
  • Pagine: 352
  • Formato: 14,24x22,86 cm, flessibile

TROVI QUESTO LIBRO SU:

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines