Magazine Cultura

La gioia del dono.

Creato il 04 dicembre 2019 da Scurapina

In questo periodo, al Museo Diocesano di Milano, c’è una mostra dedicata al dipinto “L’adorazione dei Magi” di Artemisia Gentileschi, l’opera che è parte di un ciclo commissionato dal vescovo di Pozzuoli fu eseguita dall’artista fra il 1635 e il 1637, anno della sua partenza per l’Inghilterra.

Il dipinto rappresentò per la pittrice la prima importante commissione pubblica e la consacrazione della sua arte che rielabora la lezione caravaggesca sia nella composizione, sia nel contrasto fra luci e ombre.

La Vergine, che ha le sembianze di una donna del popolo, è rappresentata con grande dignità mentre porge il Bambino all’omaggio dei Magi come se fosse un dono.

Il dipinto è un’opera di grande “verità” che coinvolge anche grazie agli atteggiamenti dei personaggi ritratti, in particolare del Mago in primo piano che si inchina per baciare i piedini del bambino e, intanto, lo guarda con uno sguardo che è, al tempo stesso, di stupore e di gioiosa riconoscenza, la riconoscenza di chi sta per ricevere un dono di inestimabile valore.

In quello sguardo c’è un universo di sentimenti.

Milano - Museo Diocesano - Adorazione dei Magi di Artemisia Gentileschi Milano - Museo Diocesano - Adorazione dei Magi di Artemisia Gentileschi

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog