Magazine Viaggi

La Gola di Frasassi: un tesoro nel cuore delle Marche per tutta la famiglia

Creato il 07 maggio 2014 da Nonsoloturisti @viaggiatori

Ci sono tanti motivi per raggiungere le Marche e il suo entroterra: colline dolci che si aprono per svelare borghi incastonati come gioielli, un patrimonio archeologico che ancora oggi riserva affascinanti scoperte, panorami che colpiscono e una cucina che conquisterebbe chiunque regalando… parecchi chili di troppo!

Ma se siete dalle parti della Gola di Frasassi con i vostri bimbi, oggi vi racconto un’escursione facile che però farà sentire i vostri figli piccoli Indiana Jones almeno per un giorno.

Gola di Frasassi, Marche - Italia

Si tratta della salita al Tempio del Valadier e al Santuario della Madonna di Frasassi, per un sentiero tra i boschi talmente facile che si può percorrere perfino con carrozzine e passeggini. La salita dura meno di un’ora e la pendenza non è eccessiva, eppure il panorama è di quelli che entrano nel cuore, con le pareti della Gola di Frasassi a far da sfondo e le aquile reali che nidificano lì in cima.

Gola di Frasassi, Marche - Italia

Una volta arrivati alla sommità poi si scopre uno dei luoghi più suggestivi della zona: l’ottocentesco Tempio del Valadier, realizzato all’imboccatura della grande grotta e la piccola medievale Chiesa di Santa Maria di Frasassi, con la sua sorgente che vi sgorga all’interno.
 Si tratta di due monumenti costruiti in due epoche diverse accumunati dalla stessa fede e da molte leggende.


Santa Maria Infra Saxia – da cui prende il nome tutta la gola di Frasassi – era probabilmente l’oratorio di un antico monastero femminile benedettino. Una frana distrusse il monastero, ma la piccola chiesa sopravvisse insieme alla sua fonte e alla piccola immagine della Madonna in pietra ritenuta miracolosa, ora custodita in un museo. 
La gente che vive qui racconta di un uomo che ogni settimana sale fino alla chiesa a piedi nudi per ringraziare la Vergine di una grazia ricevuta.

Gola di Frasassi, Marche - Italia

Affacciandosi alla grande Grotta di Frasassi, invece, lo sguardo viene subito catturato dalla chiesa bianca e ottagonale voluta da papa Leone XV, nativo di Genga – il più grande comune della zona – a protezione della gola. Il colpo d’occhio iniziale è già spettacolare, ma basta addentrarsi per pochi passi nella grotta per godere di un panorama davvero unico: il piccolo tempio, tanto chiaro che pare risplendere nell’oscurità, circondato dalle montagne che si intravedono alle sue spalle.

La sensazione, anche per chi ci arriva oggi su un sentiero lastricato, è quella che si tratti di un luogo misterioso e pieno di energia e forse non è un caso che questa zona fosse conosciuta e abitata fin dai tempi antichi. Gli studiosi pensano infatti che le popolazioni primitive ritenessero le grotte sacre e capaci di mettere in comunicazione col divino e per questo le avessero scelte per svolgervi i propri riti.

Gola di Frasassi, Marche - Italia

In ogni caso, anche se non credete alle leggende, vi assicuro che la salita fino alla cima vi regalerà splendidi panorami e anche qualche storia da raccontare ai vostri bambini, che potranno cercare le aquile mentre voi scatterete fotografie a questi piccoli gioielli nascosti nel verde cuore delle Marche.

Francesca Patatofriendly
Viaggiatrice per passione e mamma appassionata (e un po’ incasinata) cerca di mettere ordine nei suoi pensieri (anche) scrivendo un blog, di viaggi ma non solo.
Francesca Patatofriendly
#Praga è piena di magia, non solo a Natale… http://t.co/Yh3uB87wXO #travel #ttot – 38 minuti ago Follow @patatofriendly
Francesca Patatofriendly

Related


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :