Magazine Politica

La legge di bilancio più "marchettara" della storia della Repubblica. Sembra scritta da una manica di imbroglioni

Creato il 25 dicembre 2017 da Tafanus

Finora mi ero rifiutato di commentare le "annunciazioni" del bravo presentarore di Frignano, e del suo maggiordomo di Macerata, perchè volevo vedere i numeri. Ora li ho visti, e sono numeri da vergogna, sforamenti, assalti alla diligenza, e impegni pluriennali (a fine legislatura) che peseranno su chi arriverà dopo Renzi. La cosa più scorretta che ci possa essere, quella di prendere impegni marchettari di spesa sotto elezioni, che ALTRI dovranno onorare. E una roba da autentici magliari (ma ormai ci siamo abituati) è quella di far coincidere la consegna delle "marchette" con la settimana delle elezioni.

Renzi-gentiloni

Un esempio per tutti? Rinnovato il contratto degli statali dipendenti dalle amministrazioni centrali, fermo da otto anni. Sono 244.000 persone, che avranno un lautissimo aumento di 85 euro lordi (60 euro netti) dopo otto anni di stop totale. Avete capito bene. Sessanta euro, cioè un aumento medio di 7,5 euro mensili al mese ogni anno. Gli aumenti potranno scattare però solo fra qualche mese. E sapete quando i dipendenti riceveranno, tutti insieme, gli arretrati accumulati? Il 1° Marzo, cioè tre giorni prima delle elezioni. E veniamo al resto. Abbiamo preso le notizie dall'AGI (che non è un'agenzia komunista) proprio per torliere a chiunque il sospetto che ci fosse del rancore verso Renzi. Giammai. Noi ci limitiamo a guardare i numeri, le date, e a fare operazioni aritmetiche elementari...

(Credit AGI)

1. STOP CLAUSOLE IVA - Stop all'aumento dell'Iva nel 2018 e delle accise nel 2019 che vale 15,7 miliardi. (Su questo "stop" non c'è nessun merito del governo, ma una concessione dell'Europa  - l'ennesima - ed è solo un'autorizzazione al rinvio, non una cancellazione dell'obblico. Dovrà provvedere chi arriverà dopo questo governicchio delle marchette)

2. PENSIONI, STOP QUOTA 67 PER 14.600 LAVORATORI - Stop all'aumento automatico dell'età pensionabile, che scatterà nel 2019, per 14.600 lavoratori impegnati in attività gravose. Nel 2023 la platea degli esentati sale a 20.200 per arrivare a 20.900 nel 2027. La misura costa 100 milioni nel 2019 e 300 milioni a regime. Gli adeguamenti dell'età pensionabile alla variazione della speranza di vita scatteranno ogni due anni con un tetto di 3 mesi a partire dal 2021. Si allunga da 4 a 7 anni, per le aziende private con più di 15 dipendenti, lo scivolo per i dipendenti in esubero (La legge non prevede che in caso di accorciamento della vita media, si abbrevi contestualmente l'età pensionabile. Siamo alle accise sulla benzina, che crescono quando il petrolio sale, ma si dimenticano di scendere quando il costo del barile scende. Ma la scoperta più esilarante è che in Italia, su 23 milioni di lavoratori, ci siano solo 14.600 addetti a lavori usuranti: solo 6 persone su 10.000. Tutti gli altri - il 99,4% - lavorano in comodi uffici sotto casa, con segretaria, aria condizionata, e macchina con autista. E io mi chiedo quanto poco usurante sia il lavoro che fanno quei milioni di disgraziati che affollano tangenziali e autostrade già alle 5 di mattina. Gente che va a far partire i primi treni del metrò, giornalai, autisti di TIR, muratori bergamaschi sul Ford Taunus, netturbini, schiavi di Amazon... In fondo, una buona notizia. Solo 14.600 si "usurano")

3. NUOVA APE SOCIALE - Per accedere all'Anticipo pensionistico i lavoratori di 15 categorie usuranti (entrano anche braccianti e operai agricoli, siderurgici di prima e seconda fusione, marittimi e pescatori) per i quali dal 2019 non scatterà l'aumento dell'età pensionabile a 67 anni) dovranno aver accumulato 7 anni di lavoro negli ultimi 10. Le donne con figli potranno anticipare l'uscita dal lavoro di un anno per ogni figlio (nel limite massimo di due). Le norme riguardano anche i lavoratori precoci (Una domanda in francese antico: ma come cazzo fanno pescatori e marittimi ad aver accumulato 7 anni di lavoro negli ultimi dieci anni, in un settore fra i più precari del vasto mondo del precariato?)

4. SGRAVI UNDER 35 - Arriva lo sgravio del 50% per i primi tre anni di contratto a tutela crescenti, con un tetto annuo di 3mila euro. Il primo anno (2018) l'incentivo riguarderà l'assunzione a tempo indeterminato di ragazzi under 35 , da gennaio 2019 gli inserimenti dei giovani fino a 29 anni. Nelle regioni del Sud previsto un incentivo al 100%: l'esonero pieno varrà per un solo anno e interesserà giovani e disoccupati senior (Certo che definire "ragazzi" degli adulti di 34 anni, 11 mesi e 29 giorni, significa agire "con sprezzo del ridicolo"...)

5. BONUS BEBÈ - Il bonus bebè nel 2018 sarà in forma piena solo per il primo anno e non più per 36 mesi e sarà riconosciuto per ogni figlio nato o adottato dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2018. L'importo annuo è di 960 euro, riguarderà circa 280mila famiglie nel 2018, il 50% con Isee non superiore a 7.000 euro (importo annuo 1.920) e il 50% con Isee compreso tra 7.000 e 25.000 euro (...e ora di corsa tutti a "figliare", perchè Renzi ci paga - ma solo per il primo anno - i pannolini Lines. Qualcuno spieghi al bischero che in Francia la gente "figlia" perchè c'è il quoziente familiare, e ci sono asili e strutture, nursery e quant'altro. Altro che i pannolini per un anno...)

6. FIGLI A CARICO - Per i figli fino a 24 anni che lavorano la soglia per essere considerati a carico sale da 2.840 a 4.000 euro. 

7. FONDO VITTIME REATI FINANZIARI - Raddoppia la dotazione del Fondo per le vittime dei reati finanziari: passa da 50 milioni in due 2 anni a 100 milioni in 4 anni. Si dimezza da sei a tre mesi il tempo per scrivere i decreti attuativi che definiranno i criteri di accesso al fondo (Magnifico. Le vittime dei soli "titoli tossici" imposti rifilati - a volte con veri e propro ricatti, quasi sempre disinformando ed omettendo - ai clienti di Banca Etruria et similia, sono 400.000. Quattrocentomila famiglie rovinate, e Renzi stanzia la follia di 250 euro a truffato, chissà come e chissà quando... E intanto lui e la sua comare MEB si appropriano del merito di aver "commissariato" Etruria & C. Palla maestosa, perchè il diritto-dovere di commissariare le banche spetta solo a Bankitalia, e il governo ha solo il DOVERE di prendere atto e di emanare il relativo decreto).

8. BONUS CASA - Rinnovati gli ecobonus e i sismabonus con una ridefinizione del perimetro. Rimodulato l'ecobonus per le caldaie: la detrazione sarà del 65% della spesa per quelle di classe A con termovalvole; del 50% per quelle di classe A. Escluse quelle dalla classe B, meno efficienti. Arriva il super bonus per gli interventi combinati di riqualificazione energetica e antisismici. La detrazione potrà andare dall'80 all'85% in base alla tipologia di intervento. Proroga di un anno, fino al dicembre 2018, anche delle agevolazioni fiscali al 50% legate all'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica elevata A+ (A per i forni), destinati ad un immobile oggetto di ristrutturazione.  

9. BONUS TERRAZZI E GIARDINI - Agevolazioni fiscali anche per la sistemazione a verde di terrazzi e giardini pensili. è prevista una detrazione del 36% fino a un massimo di 5.000 euro per unità abitativa e nei condomini per un massimo di 5.000 per ogni unità immobiliare a uso abitativo (Giusto così. La sistemazione di giardini pensili è una tipica necessità delle classi meno abbienti)

10. CEDOLARE SECCA AFFITTI - Proroga di due anni della cedolare secca ridotta al 10% per gli alloggi a canone concordato, con l'obiettivo di aumentare l'offerta di alloggi in affitto a canone calmierato. Prevista l'assegnazione di una dotazione di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020 a favore del Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione (La legge non dice quanti siano gli aventi diritto. Facciamo due ipotesi estreme: se fossero un milione, il "contributo" sarebbe di 10 euro all'anno; se fossero 100.000 - non crediamo che possano essere di meno - avranno un contributo di 100 euro all'anno o - se preferite - di otto euro al mese). 

11. FONDO ABUSIVISMO - È stato istituito per la prima volta un Fondo rotativo con cui il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti erogherà contributi ai Comuni per l'abbattimento delle costruzioni abusive (di quanto sia questo fondo, in un paese che conta su un paio di milioni almeno di case abusive, non è dato sapere)

12. INDUSTRIA 4.0 - Prorogati il superammortamento, che scende dal 140 al 130% del bene, e l'iperammortamento che resta al 250%. Introdotto un credito d'imposta del 40%Introdotto un credito d'imposta del 40%, fino a 300mila euro, per le spese di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie 4.0.  Viene rifinanziata per 330 milioni di euro nel periodo 2018-2023 la cosiddetta Nuova Sabatini per finanziamenti agevolati alle Pmi per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature.  

13. CAREGIVER FAMILIARI - Arriva un fondo di 60 milioni in 3 anni per il sostegno ai cosiddetti 'caregiver' familiari, ovvero coloro che assistono e si prendono cura di persone all'interno del nucleo familiare (Di questa puttanata abbiamo parlato già ampiamente in un altro post. I non-autosufficienti totali sono stimati in 1,5 milioni. Lo stanziamento medio per ogni "caregiver" - fa più figo, in englishish - sarà pertanto di 13,3 euro ALL'ANNO per disabile. Non sarà troppo???)

14. SOSTEGNO GIOVANI FUORI DA FAMIGLIA - Viene finanziato un progetto, in via sperimentale, di circa 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020, per completare il percorso di crescita verso l'autonomia sino al compimento del 21 anno di età (Sino al 21° anno, ma a partire da quando? dalla nascita? dai 14 anni? Dai 18?. Prendiamo il caso più favorevole al governo. La classe d'età 18/21 anni è costituita da una platea di circa 1,5 milioni di giovani. La "progetto" non specifica altro. Quindi non possiamo che fare una media brutale: il "Progetto" elargirà in media ben 3,33 euro all'anno pro-giovane. Non vorrei che li viziassimo troppo)

15. GRAVIDANZA E MATERNITA' - La gravidanza e la maternità diventano un legittimo impedimento a comparire nei processi per gli avvocati. Viene esteso alle ricercatrici a tempo determinato la proroga del contratto a fronte dell'astensione obbligatoria per maternità.  

16. TAGLIO SUPERTICKETT - Taglio strutturale del superticket regionale da 10 euro per i redditi bassi, anziani e minori. Istituito un fondo da 60 milioni di euro annui, a partire dal 2018, per agevolare l'accesso alle prestazioni sanitarie per i soggetti vulnerabili (Bene. I soggetti "vulnerabili" quanti sono??? Prendiamo i dati ufficiali: 11,8 milioni - in crescita - di "over 65", e 4,8 milioni di malati cronici. Totale, valutando che la metà dei cronici sia over 65 - 14,2 milioni di persone. Anche questi li viziamo, perchè 60 milioni a 14,2 milioni di "persone a rischio significano 4,2 euro a stagione. Se preferite, 1,4 euro al mese)

17. RINNOVO CONTRATTI PA - Dopo quasi dieci anni di blocco, viene rifinanziato con 2,8 miliardi il rinnovo contrattuale degli statali.  

18. ASSUNZIONI RICERCATORI - 10 milioni nel 2018 e 50 milioni nel 2019 per la stabilizzazione di oltre 2mila precari degli enti di ricerca, compresi quelli del Crea (l'ente pubblico di ricerca in campo agricolo e agroalimentare).  

19. LOTTA ALLA POVERTA' - Le risorse dedicate al contrasto della povertà aumenteranno di 300 milioni nel 2018, di 700 nel 2019 e di 900 milioni nel 2020. Viene aumentato il beneficio legato al Reddito di inclusione (Rei), che entrerà in vigore il primo gennaio, ed estesa la platea (Dunque - dati ISTAT - i "poveri assoluti" sono 4,8 milioni, e quelli a rischio di povertà assoluta circa 11 milioni. Per carità di Patria, parliamo solo dei primi. Niente paura. Adesso Renzi sconfiggerà la povertà, dando ad ogni morto di fame, ben  5,2 euro al mese, che però aumenteranno al doppio nel 2019 - fino a 13 euro al mese, e al triplo l'anno dopo. Non saranno troppi, 15,6 euro al mese? Vedersi piombare addosso, in una volta sola, tutta questa ricchezza, non potrebbe essere psicologicamente destabilizzante? )

20. WEB TAX - L'imposta passa dal 6 al 3% e si applica solo i soggetti che effettuano oltre tremila transizioni di servizi in un anno. La norma non viene estesa all'e-commerce e alla cessione di beni e potrebbe portare a un gettito di 190 milioni di euro contro i 114 della precedente versione. Entrerà in vigore al 2019. Dal 2020, invece, Poste italiane dovrà svolgere il servizio postale universale anche per i pacchi fino a 5 chili di peso (il limite era fissato a 2 kg) (Proprio un nemico giurato dei giganti del web, questo Renzi...)

21. NUOVO CALENDARIO FISCALE - Cambia il calendario fiscale: slitta al 30 settembre l'obbligo di invio dei dati delle fatture Iva (lo spesometro) per il secondo trimestre e dal 30 settembre al 31 ottobre il termine per la presentazione in via telematica delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi (ossia il vecchio Unico e la precompilata) e di Irap da parte di persone fisiche e società (la mitica "precompilata, che ha fatto la fortuna dei centri di servizi dei sindacati e dei privati commercialisti...)

22. FATTURA ELETTRONICA - Arriva l'obbligo di e-fattura dal 1 luglio 2018 per il settore dei carburanti e per i subappalti della p.a e dal 1 gennaio 2019 per tutti i settori. Niente obbligo di posta elettronica certificata per i consumatori finali.  

23. SCONTI ABBONAMENTI BUS - Arriva la detraibilità al 19% dalle imposte delle spese sostenute per l'acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale per un costo dell'abbonamento sino a 250 euro annuali. La detrazione spetta anche se le spese sono sostenute nell'interesse dei familiari a carico. Introdotto il "ticket trasporti", che prevede che le somme rimborsate dal datore di lavoro o direttamente sostenute da quest'ultimo per l'acquisto di abbonamenti del dipendente e dei familiari, per effetto della contrattazione integrativa aziendale di imprese e organizzazioni pubbliche, non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente (A quale platea si applichi la norma non è dato sapere; né è dato sapere quale sia in media il costo di ogni abbonamento. Quindi niente divisioni)

24. BOLLETTE GAS E LUCE - Non avranno efficacia le bollette vecchie di due anni rispetto all'invio della fattura. Per il settore elettrico la norma entra in vigore il 1 marzo 2018, per il settore del gas il 1 gennaio 2018 e per l'idrico il 1 gennaio 2020 (qualcuno riesce a spiegarmi il perchè delle diverse "prescrizioni?)

25. EQUO COMPENSO - Introdotto con il dl fiscale viene esteso a tutte le professioni, ordinistiche e non, con l'unica eccezione degli agenti della riscossione.

26. RINVIATO ADDIO A STUDI SETTORE - Gli studi di settore restano in 'vita' un altro anno. Slitta infatti di 12 mesi l'applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (...ma va??? Ma gli studi di settore non erano famigerati e orrendi?)

27. AGENZIE FISCALI - L'Agenzia delle Entrate e quella Agenzia delle Dogane potranno indire un nuovo concorso per dirigenti e creare nuove posizioni organizzative intermedie di alta responsabilità.  

28. CONTRASTO FRODI IVA - Nuove misure per potenziare il contrasto alle frodi Iva nel settore carburanti porteranno nelle casse dello Stato 124,7 milioni in più nel 2018, 311 milioni nel 2019, 357,7 milioni nel 2020 e 300 milioni dal 2021 (Quali sono le "nuove misure"? Non lo sappiamo).

29. CONTRIBUTI A COOP CHE ASSUMONO RIFUGIATI - Viene riconosciuto un contributo alle cooperative sociali che assumono con contratto a tempo indeterminato i rifugiati dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2018. Il contributo viene erogato per un massimo di 36 mesi per la riduzione delle aliquote previdenziali e assistenziali dovute per un massimo di 500 mila euro annui e per un massimo di 3 anni (Non c'è spazio, a botte di job act et similia, per assumere a tempo indeterminato i giovani disoccupati italiani, e con la mancetta le aziende assumeranno i rifugiati??? Auguri)

30. MILLEPROROGHE - Entra in manovra il Milleproroghe 'light', che quest'anno non poteva essere approvato a fine anno, come previsto, a causa dei tempi stretti legati allo scioglimento delle Camere. -  

31. BIOTESTAMENTO - Nasce presso il ministero della Salute la banca dati destinata alla registrazione delle disposizioni anticipate di trattamento (Dat). La dotazione per il 2018 è di 5 mln. 

32. CONGEDO PER VITTIME VIOLENZA ESTESO A COLF - Il congedo per le donne vittime di violenza di genere viene esteso anche alle lavoratrici domestiche. La platea stimata è di poco inferiore alle 800mila unità.  

33. PAGAMENTO PENSIONI - Dal 2018 le pensioni saranno pagate il primo del mese o il giorno successivo se il primo è festivo. (E' da anni che la mia pensione viene pagata il primo del mese. Cos'è, una norma rivoluzionaria?)

34. STOP A STIPENDI IN CONTANTI - Niente più stipendi in contanti. Dovranno essere pagati tramite bonifico, strumenti di pagamento elettronico, pagamenti in contanti presso sportello bancario o assegno. (Ma questi dove vivono??? é dal medioevo che non si pagano stipendi con i contanti...)

35. RAI - Confermato per il 2018 il canone a 90 euro. 

36. SCUOLE BELLE - Viene ampliato il campo di applicazione della norma limitato allo stato attuale ai soli lotti ove la Convenzione sia stata risolta, includendovi anche i lotti ove la convenzione scada, sia scaduta o non sia mai stata attivata (???)

37. SCUOLA E UNIVERSITA' - Al via la stabilizzazione di 18mila insegnanti precari (50 milioni nel 2018 e altri 150 milioni l'anno dal 2019). Arriva la proroga delle graduatorie dell'ultimo concorso della scuola, previsto dalla legge Buona scuola del 2015. Sbloccati gli stipendi dei professori universitari. (18.000 precari stabilizzati su un totale di???... Li stabilizzeranno chiedendo loro di trasferirsi da Trapani a Chivasso?)

38. STUDENTI FUORI SEDE - Detrazione al 22% per le spese sostenute dagli studenti fuori sede residenti in un comune distante almeno 100 chilometri km rispetto al proprio Ateneo. (Cento chilometri sono la stessa cosa sia in Sila che in pianura padana?)

39. CONCORSO PER EX LSU PALERMO - Un concorso ad hoc per stabilizzare i circa 459 collaboratori scolastici ex Lsu di Palermo. Le nuove assunzioni potranno avvenire anche a tempo parziale nei limiti del tetto di spesa di 3,5 milioni fissato per il 2018 e di 8,7 milioni dal 2019. 

40. COMUNI - Più investimento per 200 milioni e più spesa corrente per 300 milioni destinata al rinnovo dei contratti . Altre risorse sono destinate alla messa in sicurezza del territorio e di edifici pubblici. Lo sblocco del turnover viene esteso anche ai Comuni con popolazione tra i 1.000 e i 5mila abitanti che rilevino, nell'anno precedente, una spesa di personale inferiore al 24% della media delle entrate correnti registrate nei conti consuntivi dell'ultimo triennio ("ALTRE RISORSE destinate alla messa in sicurezza etc... etc...? Ma qui siamo al cabaret! Quante altre risorse? Con quale copertura? Mistero!)

41. NORMA SALVA-NAPOLI - I Comuni in pre-dissesto, come quello di Napoli, potranno riformulare i piani di rientro in una durata massima di 20 anni e non più di 10 anni.  

42. MENO TAGLI PER LE REGIONI - Per il prossimo anno le Regioni avranno a disposizione 375 milioni di euro in più. Di questi 75 sono destinati a garantire il trasporto scolastico per i bambini ed i ragazzi affetti da disabilità. (375 milioni per 60 milioni di abitanti. Fate i conti voi, che io mi vergogno)

43. PIù RISORSE A PROVINCE - Arrivano 317 milioni, più altri 111 alle Città metropolitane, e una dote di 1,6 miliardi per la manutenzione delle strade (PROVINCE??? Ma se sono state abolite... O no?

44. LEGGE ELETTORALE - Si riduce di un quarto il numero delle firme necessarie a una nuova lista per presentarsi le candidature alle prossime elezioni. Ammessa anche la presenza di personale Osce negli uffici elettorali. (così favoriamo la proliferazione delle liste civetta e delle civiche. OSCE ai seggi??? Ma cosa siamo diventati, la Corea del Nord?)

45. AMBULANTI - La direttiva Bolkestein non entra ancora pienamente in vigore in Italia. Il termine delle concessioni in essere è prorogato fino al 2020. ILVA - Prorogata per il 2018 l'integrazione del trattamento di Cigs per i dipendenti Ilva, attraverso uno stanziamento di 24 milioni.  

46. UBER - Quasi un anno in più per la riforma del servizio taxi e Ncc. Viene prorogato al 31 dicembre 2018 il termine per l'emanazione del decreto interministeriale (di concerto tra Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e Ministro per lo sviluppo economico) previsto dalla legge.(Proroga: la parola magica del governo Renzi - scusate, ma non conosco un governo Gentiloni)

47. COTTON FIOC BIO - Dal primo gennaio 2019, e comunque previa notifica alla Commissione Europea, sarà vietato commercializzare e produrre sul territorio nazionale i cotton fioc non biodegradabili. (CAZZO! Questa sui cotton fioc si che è una legge che metterà l'Italia all'avanguardia!)

48. VOUCHER PER GLI  STEWARD - Gli steward al lavoro negli stadi potranno essere pagati con i nuovi voucher. 

49. DIRITTI TV - Tra i criteri di ripartizione di una quota dei proventi derivanti dalla commercializzazione dei diritti televisivi della serie A di calcio entra l'audience televisiva certificata (Magari è giusto, ma che c'entra col liberismo??? I diritti non dovrebbero essere materia di trattativa fra società calcistiche ed emittenti TV?)

50. SIGARETTE ELETTRONICHE - È autorizzata la vendita su Internet degli apparecchi elettronici delle e-cigs, comprese le parti di ricambio. Resta il divieto vendita a distanza transfrontaliera di prodotti da inalazione senza combustione costituite da sostanze liquide, contenenti o meno nicotina, ai consumatori che acquistano nel territorio dello Stato (Brindano i proprietari di cliniche oncologiche private)

51. STOP IMU RIGASSIFICATORI - Via Imu, Tasi e Ici sui rigassificatori offshore che dovranno pagare l'imposta sugli immobili per la sola porzione del manufatto destinata ad uso abitativo e di servizi civili.  

52. DAL 2020 IN VENDITA SOLO RADIO DIGITALI - Dal 2020 potranno essere vendute solo radio con un'interfaccia digitale. Dal 1 giugno le aziende produttrici venderanno ai distributori al dettaglio solo apparecchi dotati di tale interfaccia che consenta di ricevere i servizi digitali. (Perchè non lo lasciamo decidere ai consumatori, cosa vogliono?)

53. FINTECH - Arriva una ritenuta del 26% sui prestiti Fintech. 

54. SLITTA SISTRI - Slitta di un anno, al 31 dicembre 2018, la piena entrata in vigore del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri). (Le società che trattano in monnezza brindano)

55. MARCIA INDIETRO CALL CENTER - Torna la stretta per quelli interni alle aziende. Tutte le società, anche quelle che non esternalizzano, dovranno dichiarare a inizio telefonata il Paese di provenienza della chiamata. Continueranno, inoltre, ad avere l'obbligo di iscriversi al Registro degli operatori di comunicazione.

P,S.: Come potrei fare per ottenere la cittadinanza tunisina?

Tafanus


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :