Magazine Cultura

La maschera di Euridice- Silvia Elena Di Donato

Creato il 28 luglio 2019 da Polysusy

La maschera di Euridice- Silvia Elena Di Donato

ha già ottenuto notevoli consensi di pubblico e di critica con la sua opera prima per la poesia " Silvia Elena Di Donato La maschera di Euridice" (Masciulli Edizioni - 2018). L'influsso culturale di una formazione umanistica nonché la sua esperienza di docente hanno sicuramente contribuito alla maturazione del linguaggio poetico e degli stilemi, inducendola a esprimere il lessema nella sua essenzialità senza però scarnificarlo. La ricezione del patrimonio della letteratura classica così come gli echi della mitologia greca delineano un paesaggio poetico molto diversificato, frammenti di esistenze di grande intensità e impatto emotivo.

Nei secoli, tanti sono i poeti e gli scrittori che hanno cantato il mito di Orfeo ed Euridice, ognuno con la sua personale interpretazione, la Di Donato ne coglie l'esperienza d'incanto e sgomento, con umiltà e sensibilità; le sue liriche sono una sorta di preparazione, un metodo di accesso alla vita mistica e a una maggiore diffusione di valori universali. La maschera come simbolo di identificazione, regola le energie spirituali sparse nel mondoe le intrappola per impedire il loro vagare, dominando e controllando il mondo invisibile: " Sola/trasfigurata in canto/penetra/la fenditura corrusca del mistero/madida del suo ultimo passo/sul crinale del grande fiume".

Il verso è breve ma intenso, frutto di immagini folgoranti e trasparenze metaforiche, evocazioni che illuminano la comunicazione di una morale e di un insegnamento che restituisce un po'del tempo latore di bellezza. Silvia Elena Di Donato crede nella poesia e nella sua origine divina, ne difende l'incontaminatezza, riscopre quel senso della vita che colma l'abisso tra il sopra e il sotto dello spirito, fra Dio e gli uomini " Parole fresche/di albe e tormenti/sempre le stesse/sempre diverse/mistiche eterne occasioni di mondo [...]". Il suo canto è un cammino di ascesi, permeato dalla bellezza e dalla ricchezza di un'ispirazione che lei trae dal passato, quale sfondo e spinta per trasportarsi fantasticamente nel tempo evocato. Il mondo stesso, nella sua continua trasformazione, può essere letto tra le righe di detto percorso "[...] filigrane di echi di luce/fendono fasciami di nuvole/ - anfratti della mente infiniti - "e ogni intuizione del trascendente si concretizza nella pregnanza semantica di una parola sostanziale e mai banale, in una continuità di versificazione senza soste di virgole e punti mentre in alcune chiuse si evince un tono quasi epigrammatico. La luce interiore dell'autrice è immersa nella poesia che ammalia e incanta, tocca quella dimensione religiosa che è missione, cura dell'anima verso l'infinito e l'eternità "[...] fra i frammenti/del tempo e della durata/parola archetipo/di eternità". Sincerità e grandezza etica sono il lievito di ogni sua lirica. L'io poetico si abbandona senza allontanarsi dal mondo bensì ne rende tutte le sfumature più fini, i colori più delicati, donando al lettore un'atmosfera onirica " Il sogno/ ha le chiavi/ di ogni possibilità" ove il silenzio è conciliazione e potenziale creativo per una poesia che ha il compito di esplorare il mistero che è in noi, che coincide col senso del divino " E sorge nuova l'alba/ad abitare l'anima/spalancata/di pura luce assoluta/ alla meraviglia inattesa/che ne sorprende la soglia/ con passo divino" e come tale diviene un'inesauribile risorsa di pensieri profondi. "La maschera di Euridice" è una prima esperienza poetica che detta già un buon presupposto per ulteriori successi letterari.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog