Magazine Cultura

La mimosa dell’8 marzo.

Creato il 08 marzo 2019 da Luoghididonne

articolo di ©Patrizia Cordone marzo 2019 ©Luoghi di Donne, il blog di Patrizia Cordone. Diritti d'autore riservati.

Ridotto a mero consumismo e svuotato di significato, anche da pseudo-intellettuali occorre ripercorrere la storia per attribuire il giusto valore alla mimosa e soprattutto a chi lo scelse: tre nostre grandi Madri della Costituzione. Il suggerimento fu avanzato da Teresa Mattei, motivando, che essendo un fiore diffuso nelle campagne potesse essere alla portata di tutte, anche delle donne meno abbienti. Accadeva nel marzo 1947, la sua scelta fu supportata da Rita Montagnana Togliatti e Teresa Noce, che coincidenza, tutt'e tre Madri della Costituzione.

Teresa Mattei, "Chicchi" partigiana per sempre. "Nessuna Resistenza sarebbe potuta essere senza le donne", questa è stata la ferrea convinzione della più giovane delle Madri della Costituzione, che non smise mai il suo impegno a trasmetterne i valori soprattutto presso i giovani. Da partigiana acquisisce il grado di Comandante di Compagnia e fonda il gruppo di Difesa della Donna, alla conclusione della guerra di Liberazione l'Udi, l'Unione Donne Italiane; eletta all'Assemblea Costituente è la più giovane deputata, che battaglia per il fondamentale articolo 3 della nostra Costituzione. Più avanti ingiustamente espulsa dal Pci e scomparsa dalla politica ufficiale prosegue il suo impegno civile a favore delle donne, dei giovani e dei bambini, rinnovando in ogni circostanza l'importanza della Resistenza e della nostra Costituzione. Donna coerente e tutta di un pezzo. La più giovane delle donne elette all'Assemblea Costituente merita di essere conosciuta.

Rita Montagnana Togliatti, donna di tempra forte e Madre della Costituzione. Di origine ebraica e fervente socialista sin da adolescente il suo impegno sia antifascista che a favore dei diritti delle donne è stato saldo tanto in Italia che all'estero a causa dell'esilio forzato dagli eventi. Anche a lei si deve la nascita dell'Udi, l'Unione Donne Italiane, l'avvio delle prime celebrazioni dell'8 marzo e della mimosa come simbolo. Leggete la sua biografia

Teresa Noce, "Estella" e Madre della Costituzione. Autodidatta, precoce sindacalista, combattente in Spagna, deportata, é stata una magnifica donna impegnata nonostante gli ostracismi altrui. Nonostante il suo graduale abbandono della politica ufficiale continuò ad occuparsi di questioni sindacali femminili ed intensificò la sua passione per la scrittura con dei libri da rivalutare. Per saperne di più leggete l'articolo

articolo di ©Patrizia Cordone marzo 2019 ©Luoghi di Donne, il blog di Patrizia Cordone. Diritti d'autore riservati.

Avviso: tutti i testi pubblicati da Luoghi di Donne, il blog di Patrizia Cordone sono protetti dai diritti d'autore. Pertanto sono riproducibili altrove esclusivamente con i link di indirizzamento diretto alla denominazione di questo sito e con i requisiti indispensabili precisati dalla sezione impressum-avvertenza generale. Le infrazioni saranno perseguite a rigore di legge.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog