Magazine Cultura

La misteriosa festività celtica di Beltane (Aosta)

Creato il 06 aprile 2011 da Arteide
La misteriosa festività celtica di Beltane (Aosta)
L’area megalitica Saint-Martin-de-Corleans prende il nome dall’omonima chiesa romanica. Scoperta nel 1969 dagli archeologi Franco Mezzena e R. Mollo Mezzena in occasione dei lavori di fondazione di alcuni edifici, è stata studiata per una ventina d’anni, fornendo una delle maggiori testimonianze italiane della cultura megalitica.
La misteriosa festività celtica di Beltane (Aosta)Tutti i reperti sono stati catalogati e conservati presso il Museo Archeologico Regionale di Aosta e proprio grazie a questi ritrovamenti è stato possibile tracciare le fasi temporali dell’utilizzo dell’area. Un allineamento di grossi pali data la fase più antica dell’area (3000 – 2750 a.C.), una seconda fase (2750 – 2400 a.C.) comprende arature sacre, stele antropomorfe, menhir, pozzi rituali e altri vari elementi. La terza fase (2400 – 2100 a.C.) riguarda grossi dolmen e tombe, nella quarta fase (2100 - 1900 a.C.) si hanno tombe minori di cui una costruita con lastre di pietra.
La misteriosa festività celtica di Beltane (Aosta)Nel 1990, la zona degli scavi, venne attentamente studiata da Giuliano Romano (docente di astronomia a Padova), con la collaborazione del fisico e astrofilo Guido Cossard alla ricerca di significati archeoastronomici. Tali studi portarono al riscontro di numerose e interessanti correlazioni tra il posizionamento dei manufatti e particolari fenomeni della Luna, del Sole e di alcune stelle.Scoprirono che una delle direzioni archeoastronomiche riguarda la levata del Sole nei primi giorni di maggio, una data fondamentale del calendario celtico, corrispondente alla festività di Beltame (riscontrabile nel nostro Calendimaggio). Ma l’area megalitica è molto più antica rispetto alla presenza dei Celti in zona e questo farebbe pensare ad un’origine del sito preceltica riscontrabile nelle tradizioni sacre calendariali. In una tomba dolmenica dell’area si scoprì la sepoltura di un personaggio sulla cui mano sinistra era posato il cranio, decapitato di una giovane donna; si trattava certamente di un sacrificio umano rituale.Un’area megalitica simile a quella di Aosta fu rivenuta nel sito del Petit Chasseur, presso Sion (Vallese, Svizzera).
Luoghi e misteri :
Notiziehttp://www.arteide.it

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La cura

    Abbi cura di te, amico mio. Fa' in modo di essere sempre ciò che sei.Da un po' di tempo, sto in cucina a elaborare come dovrebbero essere i sapori e i colori... Leggere il seguito

    Da  Spaceoddity
    CULTURA
  • La nave

    nave

    di Antonio Koch – ill. Luca Caimmi Topipittori – pag.32 – e.14 “Mio papà sa sempre tutto. Anche mamma sa sempre tutto, ma cose diverse da papà. Leggere il seguito

    Da  Centostorie
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La scorciatroia

    scorciatroia

    The shortcut(USA 2009)Regia: Nicholaus GoosenCast: Andrew Seeley, Shannon Woodward, Dave Franco, Katrina Bowden, Josh Emerson, Raymond J. Barry, William B. Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • La tovaglia

    tovaglia

    Le dicevano: - Bambina! che tu non lasci mai stesa, dalla sera alla mattina, ma porta dove l'hai presa, la tovaglia bianca, appena ch'è terminata la cena!... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La metastasi

    metastasi

    Silvio per l’ennesima volta, annoiando persino i suoi fan, dice che i pm sono un cancro,cosa che non dovrebbe peraltro preoccuparlo visto che aveva promesso di... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La Commedia

    Wikipedia afferma:Una commedia è un componimento teatrale o un'opera cinematografica dalle tematiche leggere o atto a suscitare il riso, assai spesso tratta di... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • La zingara

    di Iannozzi GiuseppeLa zingara che gl’aveva letto la mano non era stata né affabile né positiva: “Per te, nessuna fortuna.” L’uomo adesso si guardava la mano:... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazine