Magazine Informazione regionale

La "potenza" del Gargano che ti attrae e ti sconvolge

Creato il 08 ottobre 2019 da Crono @Amaraterramia
La "potenza" dei luoghi del Gargano...come la Grotta di San Michele di Cagnano Varano.
Racconto raccolto da Leonarda Crisetti.
Il giorno prima, la mamma di F. parla con noi e indica la grotta di San Michele tra gli elementi significativi che si possono vedere a Cagnano Varano, ma non ascolto bene: non sono battezzata e in genere le cose che riguardano i santi e la religione non mi interessano troppo.
È di domenica e in auto c’è F., che ci ospita, e la mia amica A. .
Mentre io guido, F. mi dice, un secondo prima dello svincolo, che proprio lì c’è a grotta di San Michele.
Sterzo bruscamente, mi scuso con le mie amiche, entro nel parcheggio.
Scendiamo dall’auto e subito il giardino mi comunica cura:l’anziano pitosforo verde e squadrato a siepe, un vaso modesto con un’aloe vera, qualche pianta fiorita.
Appena oltrepassata la soglia della grotta capisco che sta accadendo qualcosa.
Entro, avverto l’esigenza di addentrarmi, ma non so dove, né perché, quindi, mi muovo a caso.
Tendo di avvicinarmi alle pareti rocciose della grotta sulla sinistra, dove il soffitto si abbassa e le pareti si stringono quasi a formare una grotta nella grotta.
Sento qualcosa di forte che mi attira, in maniera confusa sulle prime, fino a quando F. mi dice che lì, alla nostra destra, ovvero in fondo alla grotta, di fronte all’ingresso, c’è “l’acqua di santa Lucia”.
Finalmente capisco perché sono qui. Lo so e basta.
Mi dirigo verso la zona dietro l’altare, commossa fino alle lacrime.
Non so come, ma so che devo “mischiare le acque” con la grotta.
Con la punta di alcune dita della mano destra raccolgo qualche mia lacrima e la porto fino alle gocce che stillano dalle stalattiti, mescolando le lacrime a quell’acqua, con cui poi mi bagno la faccia.
Ecco, ho fatto quel che dovevo. Sono in pace.
Serena e quasi stanca, mi appoggio su un sedile di pietra, che F. mi indica.
- Lì è fresco - mi dice.
Mi siedo. Il custode si avvicina per chiedermi se c’è qualche problema.
No – sorrido - Va tutto bene. Benissimo.
Domenica 25 agosto 2019
Giovanna Sebastiani

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog