Magazine Media e Comunicazione

La pubblicità: un salvagente in tempo di crisi

Creato il 20 febbraio 2011 da Bianchi
La pubblicità: un salvagente in tempo di crisiCassa integrazione e disoccupazione aumentano, i consumi si arrestano. Attorno a noi c’e’ crisi: molte attività commerciali chiudono, altre soffrono e tentano di restare a galla…In questa difficile situazione economica, sono le aziende più piccole a soffrire maggiormente, a causa della loro incapacità di implementare una idonea strategia di marketing. Generalmente queste aziende adottano un atteggiamento passivo, risparmiano fino al centesimo e sperando che “passi al piu’ presto“…e la frase che si sente pronunciare più frequentemente di questi tempi tra negozianti e piccoli imprenditori è: “ora ho altre priorità”.Ma ridurre considerevolmente o addirittura azzerare le spese pubblicitarie è un atteggiamento decisamente perdente. La pubblicità non è una voce del conto economico che si può variare senza alcuna conseguenza. Afferma David Ogilvy, uno dei più famosi pubblicitari di tutti i tempi, nel suo libro“Ogilvy on Advertising”: ”Sono giunto alla conclusione di considerare la pubblicità come parte del prodotto, da trattare come costo di produzione, non come un costo di vendita. Ne segue che non dovrebbe essere tagliata quando i tempi sono duri, non più di quanto risparmiereste per qualunque altro ingrediente essenziale del prodotto.”La pubblicità è il “carburante” indispensabile per stimolare la domanda di beni e servizi e i momenti “difficili” non sono certo quelli migliori per smettere di comunicare.Comunicare durante un periodo di recessione,  quando gli competitors tacciono, vuol dire raccogliere ildoppiodella visibilità e del consenso e uscire dalla crisirafforzati, con più clientie pronti alle nuove sfide del mercato.Per comunicare bene non occorrono necessariamente grandi budget: ma una strategia mirata. E’ inutile farsi pubblicita’ “a tappeto”. Occorre focalizzare correttamente la comunicazione sul target, individuando le strade migliori per ottenere visibilità.A questo punto diventa cruciale la scelta del consulente pubblicitario. Il fai da te è vivamente sconsigliato. Meglio affidarsi a chi lo fa di mestiere, con entusiasmo e dedizione e sa come “prendere per mano il cliente” e accompagnarlo sulla strada del successo, immedesimandosi nel suo business e trovando le soluzioni in grado di ottimizzare la resa dei suoi investimenti.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Battaglia per la Network Economy

    Battaglia Network Economy

    Oggi, più che in qualunque altro momento nella storia del web, le grandi corporation internazionali si scontrano per consolidare il loro potere ed assumere i... Leggere il seguito

    Da  Pedroelrey
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • La Sfinge

    Un test per misurare il vostro grado di attenzione: seguite la mia filologa di fiducia, poi rispondete a un paio di domande.Ed ecco le domande riguardanti la... Leggere il seguito

    Da  Tanks
    CURIOSITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SCIENZE
  • La Dimensione della Notizia

    Dimensione della Notizia

    La BBC ha lanciato un nuovo servizio che misura, e successivamente compara, la dimensione spaziale di eventi umani o naturali che sia.E’ un modo molto... Leggere il seguito

    Da  Pedroelrey
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • La didattica dell'esperienza

    didattica dell'esperienza

    Sabato scorso sono stato invitato da carissimi amici a partecipare alla cerimonia di inaugurazione della loro fattoria didattica, la fattoria Cascina Pezzoli... Leggere il seguito

    Da  Piercesare
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • La Social Media Revolution

    Video da non perdere! Ottima realizzazione, ottimi contenuti: PS: Ci sono delle grosse novità per Webquadro. La frequenza dei post continuerà ad essere... Leggere il seguito

    Da  Webquadro
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIAL NETWORK
  • La tv “verità”

    “verità”

    Oct 08, 10 Nel giugno del 1981 io avevo 8 mesi e poco più, eppure di Alfredo Rampi so tutto, quasi fossi stata in grado di comprendere cosa trasmettevano in tv... Leggere il seguito

    Da  Rooferguyxxunow
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, TELEVISIONE
  • La bicipite

    bicipite

    “C’è chi in mezzo a questa fetida opacità si sente come a casa sua. […] La [sua] straordinaria diffusione ha un fine ultimo: diffondere l’idea che tutto è sporc... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ