Magazine Italiani nel Mondo

La quarantena al tempo delle app

Creato il 30 marzo 2020 da Italianoabangkok @BeingAndrea

Vi immaginate se questa cosa fosse successa qualche decennio fa? Se oggi l'isolamento è comunque una cosa difficile da gestire, tecnologia e globalizzazione ci danno una mano a risolvere non pochi problemi.

Ovvio, questo vale per molti, ma non per tutti. Per quelli più fortunati (e mi ci metto pure io ovviamente) uno dei risvolti positivi di internet e applicazioni varie è restare comunque collegati con chi si trova dall'altra parte del mondo o anche solo dall'altra parte della città.
Ho deciso quindi di condividere con chi è qui a Bangkok o magari ci verrà in futuro, 2 app che in questi giorni si stanno rivelando particolarmente utili:

image
Grab

Questa applicazione ha avuto un successo incredibile subito dopo la chiusura in Thailandia di Uber soprattutto per Taxi, auto e mototaxi. Con la quarantena forzata abbiamo iniziato ad usarla anche per altri 2 risvolti.
Il primo è Grab Delivery: per poche decine di baht un motociclista viene a casa e consegna all'indirizzo che hai selezionato il pacco che altrimenti non potresti far avere se non puoi uscire di casa. E’ così che ho fatto avere ad amici meno fortunati qualcosa che avevo cucinato e che in altri momenti avremmo mangiato seduti gli uni accanto agli altri

image

Il secondo risvolto è Grab Food, ideale per chi non è proprio portato per mettersi ai fornelli o per chi magari i fornelli non cel i ha proprio (e il Thailandia la cosa è abbastanza comune). Grazie a questa sezione dell'app è possibile ordinare cibo dai ristoranti della zona, ricercare il ristorante preferito, ordinare e farsi consegnare il cibo direttamente a casa. Il grande inconveniente è che gran parte della sezione è in tailandese e non facilissima da utilizzare le prime volte.

image
Food Panda

Amore a primo click! Il sito è fatto benissimo e spesso è linkato ai siti dei ristoranti rendendo la scelta ancora più semplice. Si può scegliere l'orario per ricevere la consegna e il pagamento che più si addice alla situazione (per cui per evitare qualsiasi contatto è possibile pagare con trasferimento per molti ristoranti, anche senza usare la carta di credito). Approfitto spesso delle offerte che abbassano il prezzo sotto a quanto non lo si paghi direttamente al ristorante, con in più la comodità di mangiare comodamente seduti in casa.

image

Oggi le alternative di ciascuno sono molte di più, la mobilità sociale ha aperto a tutti la possibilità di aspirare a qualsiasi cosa, ma con ciò nessuno è più «predestinato» a nulla. È forse per questo che la gente è sempre più disorientata e incerta sul senso della propria vita.
Tiziano Terzani


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog