Magazine Arte

La "Relazione sullo stato dell'arte" delle bonifiche dei siti inquinati fidentini

Creato il 11 novembre 2014 da Ambrogio Ponzi @lucecolore
In questi ultimi due mesi la questione dell bonifiche ai siti inquinati di Fidenza ha avuto un buon livello di attenzione più sul servante dei finanziamenti promessi che sullo stato dei lavori. Ricordiamo la notizia "bomba" con cui veniva da Roma via Twitter confermato lo sblocco dell'ultima tranche di 4 o 8 milioni (non ho capito ancora se la notizia duplicava la realtà della cifra attesa per un miglior effetto mediatico  o effettivamente sono 8 i milioni stanziati).  Al cinguettio romano i nostri politici hanno aggiunto la loro gran cassa attribuendo alla loro rispettiva fazione politica il merito dello sblocco dei fondi. In risposta ai parlamentari parmigiani del PD Rete Civica Fidenza segnalava l'intervento decisivo di Gian Luca Galletti, Ministro dell'Ambiente della tutela del Territorio e del Mare, che era stato incontrato a Fidenza questa primavera da Gabriele Rigoni, capogruppo in Consiglio Comunale. 

Secondo notizie non confermate il ministro dovrebbe ritornare a Fidenza proprio questa settimana, il motivo molto probabilmente è legato alle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna, un banco di prova per il Governo più che per Galletti.  Il Ministro fa parte infatti dell'Unione di Centro (UDC) che si presenta alle regionali dell'emilia Romagna insieme al PPE sotto il simbolo NCD.  Un po' meno si è parlato della situazione aggiornata delle bonifiche in corso. Questo vuoto d'informazioni sembra tuttavia essere colmato dal rapporto "SIN Fidenza. Relazione sullo stato dell'arte", stilato dal dirigente UTC Assetto del territorio Alberto Gilioli e consegnato in questi giorni, su iniziativa del presidente del Consiglio Comunale, a tutti i consiglieri di cui anticipiamo la prima pagina. La relazione prende in esame l'area ex CIP, l'area ex Carbochimica, l'area ex incerenitore di san Nicomede ed infine l'area ex discarica di Vallicella. 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines