Magazine Cucina

La salsiccia di Palazzolo (Presidio Slow Food)…

Da Coach7

Risultati immagini per salsiccia di palazzolo

In prossimità di Siracusa, Palazzolo Acreide è una cittadina dalle radici greche nonché perla barocca della Sicilia. Conosciuta perlopiù per la sua architettura, Palazzolo ha anche una lunga tradizione norcina.

A Palazzolo ogni famiglia allevava uno o due suini neri da cui ricavava tutto il necessario per un intero anno. Tra le diverse preparazioni, la più pregiata era la salsiccia perché garantiva un doppio consumo: si mangiava sia fresca, per insaporire altri piatti o alla brace, sia essiccata. I tagli impiegati per la sua produzione sono gola e guanciale, lardo, coppa, lombo o lonza, spalla, zampino, pancetta, coscia e grasso, quest’ultimo in una percentuale non superiore al 25%.

Gli unici ingredienti aggiunti sono sale marino siciliano, peperoncino, finocchietto selvatico degli Iblei e vino rosso della Val di Noto. La carne è tagliata a punta di coltello con grana medio grande, mondata a mano e insaccata con budello animale. Di norma la salsiccia di Palazzolo è affumicata in locali di stagionatura con legno di ulivo.

Oggi l’Associazione per la tutela della salsiccia tradizionale di Palazzolo Acreide ha riunito una decina di persone che rappresentano tutta la filiera del prodotto: allevatori, macellai, norcini e ristoratori. Il Presidio nasce per aiutare quest’associazione a promuovere la tradizione norcina del paese e per far conoscere la storia agricola di questo territorio.

  • Salsiccia di Palazzolo Acreide
    Area di produzione; territorio del Comune di Palazzolo Acreide 

Fonte: un articolo di Francesca Baldereschi su Nuovo Consumo, gen/feb 2019


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog