Magazine Giardinaggio

La soluzione ai problemi di backup

Da Ilrepungente @Repungente
La soluzione ai problemi di backup

Docking station Inateck

La soluzione ai problemi di backup
Lavorando nel campo dell'informatica ho spesso a che fare con backup dati, hard disk esterni, utenti che chiamano perché si è guastato il loro disco fisso e hanno urgenza di recuperare i dati e molte altre situazioni che richiedono strumenti informatici affidabili, efficienti e di semplice utilizzo.

​ In azienda abbiamo acquistato, negli anni, tantissime

La soluzione ai problemi di backup
docking station per hard disk, di tutte le marche, forme, caratteristiche e dimensioni, sia perché si guastavano, sia perché non soddisfacevano a pieno le nostre esigenze e con il nostro penultimo acquisto abbiamo toccato davvero il fondo.

Infatti, abbiamo speso parecchio denaro per un prodotto che a prima vista sembrava molto professionale, con innumerevoli porte USB e ingressi per tutti i tipi di hard disk esistenti in commercio, ma dopo i primi cinque utilizzi la docking ha cominciato a non leggere più i dati correttamente, i dischi non erano stabili nel supporto causando la perdita o l'interruzione del lavoro svolto, con tutti i vari disagi a esso connessi.

L'ultimo acquisto è stato fatto su Amazon a un prezzo davvero contenuto, su consiglio di un collega che ci ha indirizzato verso la Docking Station Inateck con USB 3.0 e per hard disk SATA I/II/ III da due e tre pollici e mezzo, in grado di leggere dischi fino a quattro TB e compatibile con tutti i sistemi operativi Windows, Mac OS X 10.8.4 e Linux.

La soluzione ai problemi di backup
​ Il pacco acquistato è arrivato dopo appena tre giorni e contiene, oltre alla docking station di colore nero con la scritta bianca del marchio dell'azienda, un cavo dati USB 3.0 lungo un metro e mezzo, un alimentatore (molto simile a quelli per cellulari, ma da 12 V) e il manuale d'utilizzo.

A primo impatto la docking appare molto leggera e delicata, in plastica ABS, con un grosso pulsante frontale e il led di accensione a luce blu incorporato che consente di accendere e spegnere la docking, una volta collegata al computer.

In realtà la leggerezza è proprio uno dei punti salienti del prodotto perché consente di portarselo dietro senza appesantire troppo la valigetta degli attrezzi da lavoro e, nonostante questa caratteristica, la docking station è molto solida e stabile.

La soluzione ai problemi di backup
​ Nella parte superiore c'è una fessura mobile per inserire i dischi rigidi da 3.5" e una più piccola per i dischi da 2.5" e a fianco un comodo pulsante che, se pressato, serve per estrarre i dischi dopo l'utilizzo, mentre sul retro c'è l'ingresso per l'alimentazione e la porta USB.

La cosa interessante di questa docking station FD1003 è che si possono estrarre i dischi a caldo (funzione hot swap), ovvero con la macchina avviata, senza correre il rischio di danneggiare il disco o compromettere i dati al suo interno.

Lo standard USB 3.0 consente velocità di trasferimento dei dati dal disco fisso al computer molto velocemente con una conseguente gestione ottimale del consumo energetico ed è retro compatibile con gli altri standard precedenti e più obsoleti.

Un altro punto a suo vantaggio di questo prodotto è che, anche dopo un uso prolungato, sia la docking sia l'alimentatore non si surriscaldano, a differenza della maggior parte di prodotti acquistati in passato.

In definitiva il consiglio ricevuto per l'acquisto del prodotto è stato ottimo, la docking station non ha mai riscontrato problemi di alcun tipo, è solida, affidabile, efficiente e ha un prezzo molto contenuto, per cui mi sento di consigliarla per chi ha necessità di conservare e/o recuperare dati importanti o semplici ricordi quali foto, filmati e molto altro.

La soluzione ai problemi di backup

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog