Magazine Cultura

» La stanza rossa e altre storie di fantasmi, di Lucy Maud Montgomery – Recensione

Creato il 11 novembre 2019 da Marta @M_Sognatrice

» La stanza rossa e altre storie di fantasmi, di Lucy Maud Montgomery – Recensione

Halloween è finito da un po’, ma solo oggi riesco finalmente a parlare di un piccolo volume adatto al tema: La stanza rossa e altre storie di fantasmi, di Lucy M. Montgomery a cura di Enrico De Luca e pubblicato da Caravaggio Editore.

Si tratta di una raccolta di sei racconti con elementi tipici delle ghost stories tanto amate e di moda nei primi decenni del XX secolo. Soprannaturale e fantasmi, tinte gotiche, antiche famiglie nobiliari, amori che vanno al di là della morte, misteri da scoprire, e anche una narrazione che tocca un tema molto delicato, quello del bullismo.

Lucy M. Montgomery meglio conosciuta come l’autrice di Anna dai capelli rossi (potete trovare anche due opere pubblicate e curate sempre da Enrico De Luca: Anne dei tetti verdi e Anne di Avonlea – editi, però, da Lettere Animate -), ha scritto anche numerose storie sui fantasmi e il soprannaturale pubblicate in varie riviste.

Aveva l’abitudine di immergersi in astratte fantasticherie in qualsiasi momento o luogo. Non importava dove fosse, ciò, qualunque cosa fosse, sarebbe giunto su di lei. Si sedeva lì, forse nel mezzo di una folla allegra, e guardava fissa nel nulla, senza sentire o vedere una singola cosa che le accadeva intorno.

In questo libriccino troviamo – come già detto – sei racconti:

La stanza rossa
L’amante di Miriam
La Storia di Davenport
La ragazza al cancello
La festa privata a Smoky Island
Il fantasma dai Brixley.

Se cercate storie che fanno davvero paura, non è questo il caso. Sono brevi racconti dalle tinte gotiche, dove il soprannaturale entra nel quotidiano, dove ci si interroga su argomenti ed eventi davvero inspiegabili, in cui ci si chiede se non sia solo frutto di follia, o se crederci di fronte a coincidenze che spiazzano e spesso turbano. Racconti in cui i fantasmi sono visibili, anche se per qualche minuto, e che possono scuotere l’animo umano.

Nei racconti centrali – da L’amante di Miriam a La festa privata a Smoky Island – è proprio l’elemento del soprannaturale e la presenza del fantasma, di una sorta di ritorno dalla morte, o di un legame che spesso va oltre la distanza e la morte, a essere importante, a connetterli.

Ne la Stanza Rossa, invece, troviamo delle tinte più gotiche. Una residenza nobiliare misteriosa e antica, una stanza bassa e scura, tappezzata di damasco rosso, del medesimo colore del divano, dove una bambina amava leggere le fiabe, o parlare sognante alle rondini, e che poi diviene teatro di un evento terribile. Si parla anche di gelosie spesso nocive.

L’ultimo racconto – Il fantasma dai Brixley –, invece, diventa un modo per parlare di un tema che è molto attuale, e purtroppo sempre presente nelle varie epoche: quello del bullismo. Una storia che ho trovato molto diversa dalle altre.

» La stanza rossa e altre storie di fantasmi, di Lucy Maud Montgomery – Recensione

La bellezza del volume sta nella cura sia per quanto riguarda la traduzione e le note, ma anche per le belle illustrazioni di Michela Pollutri. 
Altra cosa che mi è molto piaciuta è sicuramente lo stile dell’autrice, che non conoscevo, e che mi spinge a voler leggere di più dei suoi scritti.
Per il resto però, sono forse racconti un po’ scontati. Ben scritti, ma che non lasciano troppo stupore nel lettore, e sicuramente non spaventano tantissimo. Evocano, più che far rabbrividire.

Personalmente, sulla base soprattutto dei miei gusti, ho preferito tre racconti: L’amante di Miriam, La ragazza al cancello e La festa privata a Smoky Island, che in verità è forse l’unico che mi ha sorpresa per l’esito finale.

«Non spaventatevi», disse. «Non c’è motivo per cui dovreste aver timore, sono venuta solo per prestare fede a un patto.»

Comunque, è un piccolo volume che consiglio non solo agli amanti dell’autrice, ma anche a chi ha voglia di brevi racconti dalle atmosfere un po’ gotiche, ma anche quelle storie che profumano di legami che vanno oltre il concetto di morte. E che per me sono i migliori.


» La stanza rossa e altre storie di fantasmi, di Lucy Maud Montgomery – Recensione


La stanza rossa e altre storie di fantasmi,
di Lucy M. Montgomery
a cura di Enrico de Luca con illustrazioni di Michela Pollutri
Casa Editrice: Caravaggio Editore
Pagine: 168
Prezzo: 3,99€ ebook – 9,90€ cartaceo
Voto: ♥♥♥


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog