Magazine Africa

La Valletta (Malta) /Unione Europea e Africa sulla "questione" migranti

Creato il 12 novembre 2015 da Marianna06

171336064-bfc60db2-2842-4020-ae06-827e82265a10

Sono convocati da ieri al centro del Mediterraneo 63 delegazioni, 22 Paesi Ue, 23 Paesi africani e in più diversi delegati di Unione africana e Nazioni Unite.

Il fenomeno migratorio va affrontato da una collettività di Paesi – questo è stato l’auspicio del padrone di casa Joseph Muscat, premier maltese, in apertura dell'incontro – ma le frontiere esterne  ha ribadito che devono essere protette.

Dopo l’inaugurazione del Summit e la prima tavola rotonda, oggi si tireranno le conclusioni.

Anche se appare chiara la difficoltà di trovare un accordo che possa soddisfare entrambe le parti, ovvero i Paesi al di qua e al di là del Mediterraneo.

Segnale chiaro delle tensioni in atto ad esempio, è l’assenza del re del Marocco Mohamed VI e del presidente egiziano al- Sisi (che sono rispettivamente alla guida dei processi di Rabat e Karthoum).

Il nodo della questione per la presidente dell'Unione Africana (UA)  è che la creazione di  campi di accoglienza( esternalizzazione dei confini dell'Europa) per chi fugge, in Africa, da dittature e/o guerre,sia pure realizzati con fondi dell'Unione Europea (UE), peggiorerebbe ulteriormente  le cose.

Questi luoghi diventerebbero nient'altro che ricchi serbatoi di reclutamento di manodopera  per il terrorismo internazionale.

E il suo pensiero non è poi tanto lontano dal vero. Basti pensare a quello che sono stati in un passato recente e sono ancora oggi i campi profughi palestinesi. E non solo i palestinesi.

Nelle lamentele delle associazioni umanitarie e delle Ong (organizzazioni non governative),  quelle presenti a La Valletta, è espresso inoltre e, senza mezzi termini, il disappunto per la cifra di circa due miliardi in aiuti che l'Unione Europea intenderebbe dare ai Paesi africani, inclusi quelli a guida dittatoriale come l'Eritrea e il Sudan.

Senza dire che siedono al tavolo del meeting maltese persino i leader di Eritrea, Sudan, Etiopia e Somalia.

Tutti scontenti o poco contenti, insomma.

A conclusione dei lavori ,che è poche ore : un impegno finanziario “insufficiente per tutta l’Africa”, adottato per altro “mettendo troppa enfasi sui rimpatri, forse a causa dell'opinione pubblica”-  è  quanto ha dichiarato, senza troppi peli sulla lingua, ai giornalisti  Macky Sall.

Macky Sall, che è il capo di Stato del Senegal ,nonché presidente di turno della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas/Cedeao), ha preso le distanze così dal “fondo di emergenza” creato dalla Commissione europea con l’obiettivo dichiarato di “sostenere la stabilità e contribuire a una gestione migliore del fenomeno migratorio”.

           

                      a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :