Magazine Cultura

LARA PRESCOTT con “Non siamo mai stati qui” (Dea Planeta) in radio a LETTERATITUDINE

Creato il 13 novembre 2019 da Letteratitudine

LARA PRESCOTT con “Non siamo mai stati qui” (Dea Planeta), ospite del programma radiofonico Letteratitudine trasmesso su RADIO POLIS (la radio delle buone notizie)

LARA PRESCOTT con “Non siamo mai stati qui” (Dea Planeta) in radio a LETTERATITUDINE

In streaming e in podcast su RADIO POLIS

trasmissione curata e condotta da: Massimo Maugeri

regia e postproduzione: Federico Marin

* * *

PER ASCOLTARE LA PUNTATA CLICCA SUL PULSANTE “AUDIO MP3″ (in basso), O CLICCA QUI

* * *

Ospite della puntata: la scrittrice americana Lara Prescott, con cui abbiamo discusso del suo romanzo intitolato “Non siamo mai stati qui” (Dea Planeta – traduzione di Chiara Baffa). Ringraziamo Marina Spagnolo per aver svolto il ruolo di interprete dall’inglese nel corso della chiacchierata radiofonica tra Lara Prescott e Massimo Maugeri.

Come nasce “Non siamo mai stati qui“? Cosa puoi dirci sulla citazione di Rainer Maria Rilke che hai scelto di inserire come epigrafe (“Voglio stare con chi conosce cose segrete oppure da solo“)? Quanto tempo hai dedicato alle attività di studio e ricerca propedeutiche alla scrittura del libro? Cosa puoi dirci sul rapporto fra Pasternàk e Olga Ivinskaja (la sua amante costretta a subire il confino e i lavori forzati)? Ci presenteresti i personaggi di Sally Forrester e di Irina? Qual è stato il ruolo dell’editore italiano Feltrinelli nell’ambito di questa storia? Ti aspettavi il grande successo internazionale che il tuo romanzo sta riscontrando? “Non siamo mai stati qui” diventerà un film?

Questo e tanto altro abbiamo chiesto a Lara Prescott nel corso della puntata.

* * *

LARA PRESCOTT con “Non siamo mai stati qui” (Dea Planeta) in radio a LETTERATITUDINE
La scheda del libro: “Non siamo mai stati qui” di Lara Prescott (Dea Planeta)

Un capolavoro proibito, un amore che sfida le convenzioni: il vero racconto de Il dottor Živago. Il romanzo che cambiò la Storia.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog