Magazine Cinema

L'arte di vincere le candidature agli Oscar – Pitt e Hill raccontano la trasformazione del baseball

Creato il 06 febbraio 2012 da Michele88mvp @micheleponte

Realizare site web

L’arte di vincere le candidature agli Oscar – Pitt e Hill raccontano la trasformazione del baseball
I film sugli sport americani in Italia non vendono, o cosě immaginano i distributori nostrani che negli ultimi anni non hanno fatto arrivare al cinema una pellicola come The Blind Side – lungometraggio candidato all’Oscar come Miglior film e dove Sandra Bullock ha vinto il premio come Miglior attrice protagonista – che č stato mandato in onda su Mediaset Premium e poi editato in dvd. Quindi č una grande e piacevole sorpresa scovare L’arte di vincere distribuito nella maggior parte dei cinema italiani, ma se non fosse uscito un film che ha ottenuto ben 6 candidature agli Oscar piů 4 ai Golden Globes,  che figura avremmo fatto?

L’arte di vincere racconta la storia di un ragazzo, Billy Beane, che, iniziato al baseball professionistico ancora giovanissimo, non č riuscito a mantenere le alte aspettative e quindi si č ritirato dopo poche stagioni per passare a un altro aspetto del gioco, quello di general manager, e lo ha fatto per gli Oakland. Dopo una stagione in cui la squadra era riuscita sia a qualificarsi ai playoff che ad arrivare a un passo dal titolo, Billy ha visto perdere i suoi migliori giocatori per squadre con budget enormi come quello degli Yankees. In quel momento tragico sotto l’aspetto sportivo, ma anche sotto l’aspetto familiare dato che rischiava di perdere il lavoro se la stagione fosse andata male, Billy ha deciso di rivoluzionare il baseball per sempre basandosi quasi eslusivamente su percentuali e stastiche che andavano ad analizzare ogni singolo aspetto del gioco.

Mettendo da parte il baseball, questo film č una storia americana nel senso che č una storia di riscatto, di successo e ovviamente il protagonista č un perdente. Magistralmente interpretato da Brad Pitt, Billy Beane č un personaggio di spessore: carattere forte, una personalitŕ decisa e una figlia che mai si sognerebbe di deludere. Beane č un uomo in una torre di cristallo; č solo, almeno sino al momento in cui incontrerŕ un ragazzo “in grado di utilizzare i computer” (Jonah Hill), e in quel momento potrŕ ricominciare a credere, una speranza busserŕ alla sua porta. Non a caso sia Pitt che Hill sono stati candidati come Miglior attore e Miglior attore non protagonista.

L’enorme peculiaritŕ che contraddistigue questo film rispetto agli altri sul medesimo sport č che L’arte di vincere, a differenza del baseball, non annoia, anzi, tiene ben aperti gli occhi dello spettatori anche grazie ad alcune sottigliezze generate da battute inaspettate che scuotono l’animo e fanno ridere o sorridere, a seconda delle occasioni. Grande merito va dato ai due sceneggiatori, Steven Zaillian e Aaron Sorkin, che sono riusciti a trasporre un libro che non č un romanzo, ma un’enorme analisi sul baseball e sui suoi cambiamenti.

 

L’arte di vincere
Moneyball

Regia: Bennett Miller
Sceneggiatura: Steven Zaillian, Aaron Sorkin, tratta dal libro di Michael Lewis
Interpreti: Brad Pitt, Jonah Hill, Philip Seymour Hoffman, Robin Wright, Chris Pratt, Kathryn Morris
Durata: 133′
Produzione: USA, 2011
Distribuzione: Sony Pictures, 27 gennaio 2012


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Oscar 2012

    Oscar 2012

    Quello che segue è un gioco inutile. Nella lista vi sono indicate le mie vittorie (segnate in Rosso e che non saranno prese in considerazione dai membri... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Oscar 2012

    Oscar 2012

    Miglior film: The ArtistE questo l'avevamo intuito da tempo...Miglior Attore: Jean Dujardin per The ArtistAhi-ahi! Niente, ma proprio niente per Brad e per... Leggere il seguito

    Da  Annanihil
    CINEMA, CULTURA, GOSSIP
  • Strade di fuoco (di Walter Hill, 1984)

    Strade fuoco Walter Hill, 1984)

    Una banda di motociclisti capitanata dal malvagio Raven (Willem Dafoe) rapisce la rockstar Ellen Aim (Diane Lane) durante un concerto. Leggere il seguito

    Da  Iltondi
    CINEMA, CULTURA
  • Mattatoio 5 – George Roy Hill

    Mattatoio George Hill

    26 giugno 2012 Lascia un commento E’ singolare mi sia perso un film di fantascienza del decennio ’70 perche’ da appassionato, prima o dopo mi e’ passato... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA
  • BergamoScienza 2011 tra arte e scienza con l' evento Fukinagashi Mosso dal vento

    BergamoScienza 2011 arte scienza evento Fukinagashi Mosso vento

    Fukinagashi. Mosso dal vento6Fukinagashi. Mosso dal ventodi Francesco Pedrinia cura di Marcella Cattaneo, Viola Giacometti e SaraMazzocchiPromosso e ideato... Leggere il seguito

    Da  Controcorrente
    CULTURA, SOCIETÀ
  • 12. Sugar Hill

    Sugar Hill

    da qui - Poi, dovrei parlarvi di Harlem. - Cosa successe, lì? - Fu durante l’esodo al Nord, dove chiamavano le industrie, mentre al Sud tutto ristagnava. Ai... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • Involontariamente Arte

    Involontariamente Arte

    Vi è mai capitato di vedere un oggetto qualsiasi, banale, insignificante, d’uso quotidiano ed immaginarlo esposto in un museo? Guardate questa foto: è stata... Leggere il seguito

    Da  Kengarags
    CULTURA