Magazine Lifestyle

Lasciar andare (in estate meglio)…

Creato il 22 giugno 2018 da Morgatta @morgatta

Lasciar andare (in estate meglio)…

Quando il cuore si spezza o viene spezzato è sempre difficile riattaccare i cocci (e più si invecchia peggio è, anche se penso non sia una questione propriamente anagrafica quanto legata alla persona). Non esiste certo una stagione migliore per leccarsi le ferite d’amore, però diciamo la verità: d’estate meglio!

😉
Ok, non è precisamente un bene, ma vuoi mettere essere lasciato (o lasciare) a gennaio con il freddo, il tempo di merda e il buio che arriva alle cinque del pomeriggio? Sole, caldo, amici, vacanze (ok, se le avevate prenotate con lui/lei forse non è il massimo della vita, ma ci si può sempre portare un’amica, no?) e le occasioni di svago sono un’ottima distrazione per evitare di appesantirsi ed abbrutirsi a casa da soli pensando a quello che si è appena perso. Perché il reale problema del porre la parola FINE ad una relazione e del riuscire a chiuderla definitivamente all’interno della propria mente (ovvero convincersi che sia davvero finita) è l’essere in grado di LASCIARE ANDARE. Stuoli di cuori infranti continuano a lacrimare aggrappati a pensieri circolari e ricordi che li tengono legati anche per anni a relazioni e persone ormai scomparse dalla loro vita. Difficile ma non impossibile…e sicuramente meglio con il sole che con la neve!

Lasciar andare sentimenti ed emozioni: rabbia, ostilità, incredulità, estrema tristezza, sofferenza. Qualsiasi siano le emozioni che si provano in seguito ad una rottura bisogna lasciarle libere di esprimersi, senza reprimerle o soffocarle con uno sforzo enorme. Passarci attraverso, ma a tempo determinato. Ci vuole un limite temporale perché non potete rimanere a sguazzare nel dolore e nella tristezza all’infinito. Ad un certo punto dovete farvene una ragione: il vittimismo non si deve trasformare in una abitudine. In estate è meglio: gli amici sono più disponibili all’ascolto, le spalle su cui piangere sono più serene e meno stressate, le occasioni per distrarsi e porre fine ai piantini si moltiplicano. Approfittatene

😉

Lasciar andare progetti e proiezioni fatti con l’ormai ex: arrotolarsi sui progetti fatti “in coppia” e rimuginarci sopra è pericolosissimo. Quello che doveva essere ormai non può più essere. Poco produttivo rimanere lì con la mente. Bisognerebbe evitare di nutrire costantemente  aspettative non realistiche, false speranze di riprendere quel rapporto  e quei progetti. I progetti meglio ripensarli per se stessi, ponendosi nuove mete meravigliose e nuovi obiettivi. In estate è meglio: con quel pelo di tempo libero in più e la mente sgombra, magari rilassata con un aperitivo e stimolata da amici sinceri, pensare al futuro e far partire nuovi progetti è più facile. Se poi si ha la forza di parlare con le persone, fare nuove conoscenze e intrecciare nuovi rapporti, anche lavorativi, potrebbero aprirsi delle meravigliose ed inaspettate porte…

Lasciar andare la dipendenza dal partner: in coppia ci si abitua a vivere in due spazi, ambienti, cerchie di amici, vita, adeguando routine e tempi in funzione della presenza dell’altro. Non è facile abituarsi a vivere tornando a casa e a trovandola vuota, cenare da soli, riallacciare i rapporti amicali come essere “scoppiato“. Ma si tratta appunto di abitudini…e si può facilmente abituarsi anche ad una dimensione nuova. In estate è meglio: anche in questo caso l’estate si dimostra una stagione favorevole perché si sta bene fuori

😉
e non si è costretti a stare a casa a guardare il divano mezzo vuoto. Unico consiglio, almeno per i primi tempi, evitare di circolare nei “soliti posti” con il solito circolo di amici che potrebbero fare domande o avere sempre un atteggiamento compassionevole. E in estate è anche bello esplorare, fare nuove conoscenze e parlare anche con perfetti sconosciuti.

Lasciar andare l’idealizzazione del rapporto: appena ci si lascia affiorano i ricordi, maledetti; quelli belli, quelli dei momenti felici, quelli dell’amore e della bellezza…ed i motivi per cui vi siete lasciati?!? Quelli passano incredibilmente in secondo piano, colpa dell’idealizzazione della storia e della persona, alimentati dal pensiero fisso del “era la persona giusta per me“. Ecco, se fosse stata davvero la persona giusta (che poi il giusto, come ben sapete e come ho scritto nel mio secondo libro, non esiste) sarebbe accanto a voi! Bisogna tenere bene in mente che se quei ricordi felici fossero realmente rappresentativi della storia vissuta probabilmente sareste ancora assieme a quel partner. In estate meglio: c’è il sole, il caldo, gli aperitivi in spiaggia, la bellezza dei tramonti…no dai, i tramonti sono troppo romantici e possono alimentare i pensieri positivi riguardo alla relazione. Ordinate un altro gin tonic vai…

😛

Lasciate andare i contatti: vorrei chiamarla, vorrei sapere come sta, vorrei parlarle…non ha senso! Non subito. Una volta lasciati in modo civile e con delle motivazioni sensate continuare a spiare i social, a chiedere in giro se sta con un altro/a a cercare in tutti i modi un contatto non è utile. Se siete seriamente intenzionati a lasciare andare quel rapporto o se siete stati lasciati e dovete farlo per forza createvi nuove opportunità. Nuove abitudini e nuovi legami al di fuori di quella dimensione di coppia che oramai non esiste più. In estate meglio: nuovi legami, nuovi posti, viaggi…sì, partire fa sempre bene.

Lasciar andare la paura di restare soli: solitamente chi esce da una relazione è terrorizzato dalla solitudine. Vi vorrei rassicurare sul fatto che non succede niente, che va tutto bene, che il mondo non crolla e che un periodo di solitudine post-coppia è un toccasana per imparare a stare bene in compagnia di se stessi e per poi stare meglio anche con gli altri (la controindicazione è che si rischia di abituarsi talmente tanto da non permettere poi a nessuno di intromettersi negli spazi nei quali ci siamo comodamente allargati!) In estate è meglio: anche starsene soli in estate è meglio che in inverno

😉

Insomma, rompere è sempre difficile, per entrambi, lasciar andare è un casino perché significa abbandonare certezze che ci hanno accompagnato per anni, ma è fondamentale per andare avanti. Con le zavorre non si naviga…e quale stagione migliore per prendere il largo se non questa?!?

😉

Lasciar andare (in estate meglio)…

Cuoricini solitari, rotti, ammaccati o perfettamente sani, vi aspetto alle 18.30 in diretta su m2o con LaMario per la penultima diretta della stagione. Accomodatevi e raccontateci…Buon weekend!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :