Magazine Carriere

Lavoro atipico: quando il rimedio è peggiore del danno

Creato il 08 novembre 2012 da Propostalavoro @propostalavoro

 

Lavoro atipico: quando il rimedio è peggiore del danno

Da quando l’uomo ha preso coscienza dell’importanza e la complessità del suo essere ponendosi scientificamente di fronte alla sua psiche, ne è passata di acqua sotto i ponti. Quante menti geniali hanno dedicato la loro vita a studiare, comprendere e spiegare i meccanismi della mente e i semi della sofferenza. Da Freud in poi le conoscenze e le conquiste sui meccanismi e sui processi mentali sono state grandiose: sappiamo come si promuove il benessere personale e come si ostacola.

La psicologia si è messa a disposizione dell’uomo, come una madre saggia, per migliorare la qualità della sua vita favorendone conoscenza, evoluzione, crescita e piacere di esistere. Le branche di competenza psicologica nel sociale sono molteplici: psicologia del lavoro, psicologia della famiglia, dello sport, dell’insegnamento, della persona, dell’artista, femminile, maschile senza parlare poi della psicologia dello sviluppo finalizzata alla formazione dell’individuo passo, passo da quando nasce fino alla maturità.

 La scienza psicologica ci indica come si cresce forti e sani, come proporsi in maniera positiva, come realizzarci e stare bene con gli altri, come evitare distress e nevrosi, come curarci dalle disfunzioni e le sofferenze. Tutto ciò in quanto l’essere umano da sempre tende allo  stare bene, è nella sua indole come tendenza primaria innata, tendere a godere della sua vita quale occasione fantastica unica e irripetibile. Nel mondo del lavoro  la” madre saggia” è stata generosa a partire dai test attitudinali, ai corsi di formazione, le dinamiche di gruppo, l’azienda come grande famiglia, la psicologia dei leader, del promotore, psicologia del mercato, del consumatore etc. non ha trascurato nessuno al punto che, teoricamente oggi sappiamo, quasi tutti, cosa è positivo e cosa ci danneggia. Sulla carta si è portati a pensare che l’uomo padroneggia la sua vita con cognizione di causa, ci siamo molto evoluti e il  mondo del lavoro, teoricamente, si presenta come un salotto dove intrattenersi con piacere ed utilità. Eppure mai come ora, proprio nel mondo del lavoro, l’uomo distrugge se stesso sopraffatto dalle leggi del mercato economico in seguito alla globalizzazione. L’innovazione tecnologica, con l’informatizzazione dei processi lavorativi nelle imprese e negli scambi sociali, ha prodotto la decimazione dei posti di lavoro tradizionalmente inteso, generando  una mancanza sopperibile solo con i così detti lavori atipici: contratti a termine, lavori a chiamata, lavori stagionali, lavori a progetto, lavori part-time, lavori a breve temine, lavori intermittenti, lavori occasionali, lavori a domicilio e telelavoro.

 La vecchia concezione lavorativa, quella di entrare a far parte di una seconda famiglia per il resto della vita sta scomparendo. Le nuove formule lavorative sono contro ogni principio di benessere e salute mentale. Niente prospettive di carriera, niente certezze del domani, niente rapporti di colleganza e collaborazione; soli, isolati, tutti rivali di tutti, senza orari, senza garanzie di ritorni economici, niente confronti e rapporti umani duraturi. La precarietà, sul piano mentale produce stress, insicurezza e auto svalutazione con evoluzioni di sindromi ansioso/depressive e sul piano materiale l’impossibilità di realizzare concretamente qualunque progetto personale. Da quanto detto, e molto non detto, evince come il rimedio a volte è di gran lunga peggiore del danno.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il colloquio di lavoro

    colloquio lavoro

    Terminata la stesura del curriculum e la redazione di una lettera di motivazione accattivante, non vi resta che incrociare le dita es sperare che l’azienda vi... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    CARRIERE, ITALIANI NEL MONDO, LAVORO, PRIMO IMPIEGO, RISORSE UMANE
  • Lavoro: amore odio

    Lavoro: amore odio

    Forse ancora è un po’ presto, ma lentamente prima o poi la crisi si risolverà, i capitali riprenderanno a circolare, la paralisi delle assunzioni si sbloccherà ... Leggere il seguito

    Da  Propostalavoro
    CARRIERE, LAVORO
  • Speranza nel lavoro

    Speranza lavoro

    "Senza lavoro non c'è dignità" scriveva disperato, prima di togliersi la vita, un operaio disoccupato di Trapani, ennesima vittima della crisi: lavoratori,... Leggere il seguito

    Da  Propostalavoro
    CARRIERE, LAVORO
  • E adesso al lavoro!

    adesso lavoro!

    Dopo la farsa sull'elezione del Presidente della Repubblica, sembra che finalmente avremo un Governo: resta solo da vedere, se e come Enrico Letta riuscirà a... Leggere il seguito

    Da  Propostalavoro
    CARRIERE, LAVORO
  • Ambiente contro Lavoro?

    Un contributo di Gianni Alioti (tratto da "L’ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto. Terza parte)"Si è molto parlato e scritto - questa... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    ECOLOGIA E AMBIENTE, LAVORO, SOCIETÀ
  • Lavoro e Mercato

    Credo, immagino, mi auguro che la stragrande maggioranza delle persone stia dalla parte dei lavoratori che lottano in difesa del proprio posto di lavoro, cioè... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    LAVORO, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • AAA cercasi lavoro disperatamente

    cercasi lavoro disperatamente

    Diario di una neo disoccupata: AAA cercasi lavoro disperatamente Caro diario Ed eccomi qui seduta davanti al PC in cerca di qualche offerta di lavoro, mentre... Leggere il seguito

    Da  Claro
    LAVORO

Dossier Paperblog

Magazines