Magazine

Lavoro, straordinari pagati in nero e contributi non versati da molte aziende. Perchè non si interviene?

Creato il 27 novembre 2011 da Lupoantonino

Lavoro, straordinari pagati in nero e contributi non versati da molte aziende. Perchè non si interviene?Ho ricevuto una mail che ho deciso di pubblicare. Alessandro pone in modo molto semplice un problema che sembra di secondaria importanza, ma che ritengo invece degno di essere evidenziato e discusso.

Buongiorno. Da un pò di tempo vorrei fare arrivare un messaggio in tv, ai piani alti della politica, all’attenzione di qualche partito, ma alla fine mi sono detto che gli unici a potermi aiutare o darmi delle indicazioni potevate essere Voi.
Io lavoro da circa 10 anni in una catena di negozi, con un contratto a tempo indeterminato di 38 ore settimanali, anche se

ne faccio molte ma molte di più al mese. Partendo da questo presupposto mi sono sempre chiesto, soprattutto in questi periodi di crisi: perchè mentre tutti dicono di voler combattere l’evasione fiscale e altre stupidaggini simili, nessuno si preoccupa di controllare le aziende in modi piu semplici?
Quanto evade una azienda di mille dipendenti, facendo fare un’ora in più al giorno ai suoi lavoratori? Sono circa 2500 ore di straordinari, che non vengono registati da nessuna parte, cioè si tratta di lavoro in nero, direi “legalizzato”. Io credo che sarebbero circa 200 euro al mese in più per il lavoratore, che nel mio caso andrebbero dagli attuali 900 a 1100 euro mensili, e un altrettanto di versamenti allo Stato. Invece no, loro preferiscono andare in giro in Ferrari alla faccia nostra.
La mia soluzione, che porterebbe una marea di voti a chi riuscirà a risolvere il problema, sarebbe di mettere i cartellini da timbrare all’ingresso e all’uscita, e renderli obbligatori per tutti i datori di lavoro. Spero che questa mia mail sia l’inizio di una battaglia da combattere e vincere.
Piuttosto che tagliare sempre le pensioni e costringere tra poco i pensionati a pagare con carta di credito per rintracciare i pagamenti, perchè non controllano le aziende per tutelare i lavoratori e fare emergere una parte di evasione fiscale?
Grazie.
Alessandro

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Perchè ti amo..

    Perchè amo..

    Perchè ti amo? Me lo chiedo ogni attimo… forse la risposta è proprio perchè non posso fare a meno di pensare a te in ogni momento…perchè? Leggere il seguito

    Da  Gianpaolotorres
    SOCIETÀ
  • Perchè sono qui

    Non riesco a concludere un post che sia uno. Ne ho già iniziati due e abbandonati.Non so perchè, mi sembra che non sia mai il momento giusto per trattare... Leggere il seguito

    Da  Cuordicarciofo
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Perchè euge cucina?

    Perchè euge cucina?

    Forse non ho ancora scritto perché mi piace tanto cucinare. Bisogna tornare un po' indietro nel tempo. Questo è l'incipit del mio ricettario cartaceo, e... Leggere il seguito

    Da  Euge
    CUCINA
  • Perchè “nero” è fico

    Perchè “nero” fico

    fonte: Jezebel Stiamo confondendo le nozioni di razzismo e razza A scrivere è Christina Patterson, nelle pagine di “i”, la versione economica (€0.10)... Leggere il seguito

    Da  Jane Doe
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Ecco perchè facebook morirà

    Ecco perchè facebook morirà

    ... e su facebook nasce il tiro al bersaglio sui bimbi down!Vi svelo un trucco… questo genere di gruppi sono aperti su commissione da ‘collaboratori’ dei... Leggere il seguito

    Da  Ileon1965
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Perchè c'è ancora qualcosa!

    Perchè ancora qualcosa!

    A un passo dall'esame, ad un passo dal più grande cambiamento della mia vita, tutto va come vuole andare, e ora, sono qui, ancora qui, sopravvissuta alla prima... Leggere il seguito

    Da  Sorellajc
    DIARIO PERSONALE, GAY, TALENTI
  • Doppio lavoro, niente lavoro

    Doppio lavoro, niente lavoro

    Il doppio lavoro è sempre stato un fenomeno tipico della vita sociale italiana, consistente nel fatto che un dipendente pubblico abbia anche un lavoro in... Leggere il seguito

    Da  Marcopertutti
    CULTURA, SOCIETÀ