Magazine Informatica

Le app immancabili per gli amanti della cultura

Creato il 23 dicembre 2019 da Paolo Dolci @androidblogit

Le app immancabili per gli amanti della cultura

Spesso siamo portati a pensare alla cultura e all’arte come universi lontani anni luce da quello della tecnologia, ma fortunatamente la realtà dimostra di essere ben diversa. Le ultime innovazioni tecnologiche, infatti, sono riuscite a integrarsi in maniera ottimale anche in questi ambiti apparentemente “ostici” e storicamente legati alla tradizione, dando risultati assolutamente positivi in termini di uso e di accesso alle preziose risorse culturali del nostro Paese. In questo contesto, le applicazioni per smartphone rivestono un ruolo fondamentale, in quanto stanno semplificando l’accesso alla cultura da parte degli utenti più diversi.

Vediamo quindi quali sono le app che non possono mancare sullo smartphone degli amanti della cultura in ogni sua declinazione.

Le app immancabili per gli amanti della cultura

La letteratura (italiana e non) a portata di dito… e orecchio!

Parlando di appassionati di letteratura, l’immagine che viene inevitabilmente in mente è quella dei classici “topi da biblioteca”, allergici alla tecnologia e completamente dipendenti dal mondo “analogico” e un po’ vecchio stile.

Eppure esistono numerose app che sanno andare incontro alle esigenze dei lettori più accaniti, permettendo di leggere libri in diversi formati e di trovare contenuti anche molto ricercati. Un’app molto gettonata tra gli appassionati lettori è Goodreads, ad esempio, che consente di partecipare anche a dei gruppi di lettura, ottimi stimolare ulteriormente la propria passione per la letteratura, sia in italiano sia in altre lingue del mondo. A proposito di lingue diverse dalla propria, non è raro che i lettori più accaniti desiderino leggere (o rileggere) i romanzi cult della letteratura non più tradotti ma direttamente nella lingua d’origine, e anche in questo caso la tecnologia risolve ogni problema: per cimentarsi nella lettura di libri di autori esteri naturalmente sarà necessario approfondire la conoscenza di una lingua straniera (da scegliere in base all’autore di interesse) e un’app che si rivela di grande aiuto in questo senso è Babbel, molto intuitiva e disponibile non solo per i dispositivi Android ma anche per iOs

––’

Un’altra soluzione perfetta per chi ama la lettura è optare per gli audiolibri ascoltandoli da app come Audible, soprattutto nel caso in cui si trascorrano molte ore sui mezzi pubblici oppure in auto. Quante volte capita di lamentarsi di non avere più tempo per dedicarsi alla lettura? Con gli audiolibri non si avranno davvero più scuse.

Le app immancabili per gli amanti della cultura

Più arte per tutti

Tra le novità più interessanti del settore troviamo senza ombra di dubbio Smartify, una sorta di Shazam dell’arte: grazie a quest’app basta infatti inquadrare con il proprio smartphone l’opera di interesse per ottenere tutte le informazioni utili al riguardo; un’invenzione che non può che fare comodo per arricchire ulteriormente le proprie conoscenze in ambito artistico.

Sempre riguardo alla maggiore accessibilità, poi, bisogna sapere che esistono app pensate anche per i più piccoli, come MixerPiece ad esempio: chi l’ha detto che la storia dell’arte è una cosa “da grandi”? Sensibilizzare i bambini alla bellezza delle opere d’arte sin dai primi anni è un’ottima idea, e la tecnologia è di ottimo supporto anche in questa direzione.

Infine, l’ultima app di cui vogliamo parlarvi va davvero oltre ogni aspettativa in fatto di tecnologia applicata all’arte: si chiama Muzing ed è stata progettata con l’obiettivo di far conoscere persone con delle affinità dal punto di vista culturale, coronando il sogno di chi si lamenta di non trovare mai la giusta compagnia per andare in giro per musei e vernissage. Avete sempre desiderato andare alle mostre dei vostri artisti preferiti e sconosciuti ai più con qualcuno che apprezza davvero ciò che ha di fronte? Ora la vostra vita sarà decisamente più facile!

2019-12-23


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog