Magazine Attualità

Le canocchie gratinate, l’antipasto per l’8 dicembre

Creato il 07 dicembre 2019 da Yellowflate @yellowflate

Le canocchie gratinate, l’antipasto per l’8 dicembreLe canocchie gratinate le prepariamo per il pranzo dell' 8 dicembre, giorno di festa nazionale. Il nostro antipasto di pesce per la ricorrenza dell' Immacolata sono le canocchie gratinate.

Le canocchie, dette anche pannocchie o cicale di mare, sono crostacei dal sapore delicato. Al momento dell'acquisto devono essere integre ed avere un profumo piacevole e non intenso. E' poi importante osservare che il colore sia brillante e vivace.

Le canocchie fresche, seppure piuttosto deperibili, si possono conservare per qualche giorno in frigorifero.

Lessate oppure cucinate con pomodori ed olive e sono ottime anche per condire pasta e riso. Si possono usare per le zuppe e le minestre di pesce.

Per preservare le squisite carni devono essere cotte velocemente.

Ecco come preparare il nostro antipasto di pesce per il pranzo di festa.

400 grammi canocchie fresche 150 grammi di pan grattato 1 limone non trattato ed uno spicchio d'aglio un mazzetto di menta fresca olio extra vergine d'oliva

Laviamo le canocchie. Con una forbice eliminiamo la coda e le zampe; incidiamo la parte superiore del guscio e delicatamente rimuoviamolo.

In una ciotola mettiamo il pan grattato ed un pizzico di curcuma; aggiungiamo la menta o e l'aglio tritati molto finemente ed un pizzico di sale. Mettiamo anche un cucchiaino di scorza di limone, solamente la parte gialla. Aggiungiamo qualche cucchiaio di olio e mescoliamo bene. Il composto deve diventare morbido e facilmente lavorabile.

Asciughiamo le canocchie e distribuiamo generosamente il composto sulla polpa, così che ne sia completamente ricoperta.

Ungiamo una teglia da forno e disponiamo le canocchie. Condiamo con un filo d'olio e cuociamo per qualche minuto a 180 gradi. Serviamo caldo dopo aver condito con altro olio e aver decorato con foglie di menta fresca.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog