Magazine Cucina

Le dosi della nonna: Tozzetti alle nocciole

Da Aruggeri68
Di tanto in tanto riprendo le ricette della nonna le trascrivo per bene e le faccio.
Sino ad ora e' andato tutto bene come per il Il Pan del Vescovo, La pizza del Papa ma come dire abbiamo trovato il primo intoppo.
Partiamo dal presupposto che Nonna Chiara era brava anzi di piu' ed ho un ricordo di lei strepitoso del suo mitico ciambellone che e' impossibile riproporre, ma come molte nonne scriveva solo le dosi,  " su tutto il resto c'e' mastercard" sembra una pubblicità' invece in questo caso ho cannato completamente tutto .
Ma una cosa stranissima... anche se qualcosa e' andata storta sono usciti questi che non sono quelli che faceva nonna ma sono deliziosi.

Tozzetti alla Nocciola della TusciaTozzetti alla Nocciola della Tuscia alessandra ruggeri
2 uova
1 etto di burro
1 bustina di lievito
250 ml Latte
1 Tazza di Nocciole Viterbesi DOC
Farina 00 circa 450/500 gr
Scorza grattata di 1 arancio
Ho messo nella planetaria le uova e le ho fatte andare con lo zucchero, il burro meta' farina poi il latte la scorza grattugiata dell'arancio , le nocciole e poi il resto della farina e per ultimo il lievito. Lavoratelo per 2 minuti e pensate che deve avere la consistenza della pizza più' o meno perché' dovrete fare dei filoni.
A me ne sono venuti tre che ho poi ho infornato a 180°/200° per circa 20 minuti.
Quando vedete che il salame e’ appena dorato e appurato che sia cotto, sfornatelo e lascatelo po’ raffreddare. Dopo circa 10 minuti facendo attenzione tagliare il salame a fette di circa 1½ cm , formerete cosi questi biscottoni. Rimetteteli sulla piastra da forno e ricuocete per altri 5-10 minuti girandoli di tanto in tanto facendogli dare una leggera doratura anche all’interno.
Tozzetti alla Nocciola della Tuscia alessandra ruggeri
Sono pronti da gustare, fragranti e dorati sono perfetti per l'inzuppo  una prelibatezza .Allora se e' andata storta la ricetta originale il gioco e' .. di che biscotti si tratta ??
Alessandra........Bon Appétit !!!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :