Magazine Psicologia

Le emozioni sono la risposta del cuore ai nostri pensieri

Da Pasqualefoglia @pfoglia2

La crescita personale è stata sempre la mia passione fin da ragazzo. Ho letto (e leggo ancora) tantissimi libri e a volte le collane al completo di autori importanti. Come suol dirsi, l'appetito viene mangiando e la qualità delle mie letture è andata molto in profondità.

Anche il mio blog (pasqualefoglia.com) La consulenza gratuita che ho dato a tante persone che si sono rivolte a me per aiuto a partire dal 2011, confessandomi a volte che le loro terapie non erano approdate a nulla, mi hanno chiarito la mia missione e mi hanno fatto capire che aiutando gli altri a risolvere i loro problemi, aiutavo anche me stesso a conoscermi meglio. e i commenti dei lettori mi hanno incoraggiato nel mio lavoro.

L'argomento che mi ha appassionato di più in questi ultimi anni è stato sicuramente la consapevolezza o conoscenza di sé e questo libro, sia in versione ebook, sia in versione cartacea Amazon, ne è la chiara e spero felice testimonianza.

Proprio approfondendo il discorso sulla consapevolezza, sulle virtù della presenza e sulla dualità e la non dualità sono arrivato a capire che le emozioni sono la risposta del cuore ai nostri pensieri.

Niente di trascendentale visto che il cuore è già riconosciuto come la sede dei sentimenti che sono parenti stretti delle emozioni.

In effetti, pensieri ed emozioni sono due facce di una stessa medaglia. Non solo, anche pensiero e respiro sono due facce di una stessa medaglia. Ed anche respiro ed emozione. Insomma, ogni emozione è la conseguenza di un preciso modo di respirare.

Questo libro è la dimostrazione e la testimonianza della mia intuizione o teoria e contiene diverse e originali perle di saggezza.

Vuoi liberarti della tristezza che ti affligge? Quando siamo tristi ci dimentichiamo persino di respirare perché siamo bloccati da un pensiero fisso che rende la respirazione molto superficiale. Ed è la respirazione superficiale che trasforma i brutti pensieri in tristezza.

Bastano tre respiri profondi come propongono tanti guru per ritrovare la serenità e la calma? Forse si, forse no, e comunque non in maniera soddisfacente perché la vera causa della tristezza sono i pensieri negativi. Devi accettare la realtà e cambiare i tuoi pensieri. Cambiando i pensieri cambia anche il tuo modo di respirare.

Soltanto se accetti ciò che non ti piace, si dissolvono le emozioni negative e ricominci a respirare bene, cioè in maniera lenta, profonda e consapevole.

E quando respiri bene, cioè con la pancia, vedi la vita in maniera positiva ed entusiastica e tutto va ameraviglia!

La gente soffre non solo e non tanto per questioni economiche, ma soprattutto perché conduce una vita sedentaria, il che significa che respira malissimo, essendo guidata dal pilota automatico e dall'inconsapevolezza.

La chiave di volta della felicità è la respirazione lenta e profonda che induce calma e serenità e la consapevolezza di sé! E in questo libro consapevolezza e respirazione sono sviscerate sotto tutte le angolazioni!

Leggi anche questi Articoli:


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog