Magazine Ecologia e Ambiente

Le grandi imprese non fermano la deforestazione

Creato il 05 dicembre 2016 da Salvaleforeste

Le grandi imprese non fermano la deforestazioneLe compagnie multinazionali che utilizzano materie prime come olio di palma e di soia sono troppo lente nell’eliminare la deforestazione, e rischiano di venir meno agli impegni assunti. E’ quanto emerge dall’analisi delle principali 500 aziende, curata dal gruppo Canopy. I prodotti agricoli - tra cui carne e carta - causano più dei oltre due terzi della distruzione delle foreste tropicali in tutto il mondo, sostiene Canopy. Ambiziosi sottoscritti e volti a eliminare la deforestazione entro il 2020 o il 2030 saranno difficilmente raggiunti.

“C’è ancora molto da fare per accelerare l’attuazione degli impegni e l'adozione di robuste politiche di degli acquisti, commenta Tom Bregman, di Canopy “Le politiche sono spesso insufficienti, per non parlare di una loro eventuale implementazione entro il 2020, è chiaro che la strada da percorrere è ancora lunga.”

La Dichiarazione di New York sulle foreste firmata nel 2014 ha fissato l’obiettivo di dimezzare la perdita delle foreste naturali in tutto il mondo entro il 2020, e di eliminarla del tutto entro il 2030. La dichiarazione ha anche impegnato il settore privato ad eliminare la deforestazione dal commercio di prodotti agricoli entro il 2020.
I risultati dell’analisi di Canopy sulle principali 500 aziende strano che che il 57 per cento delle aziende monitorate ha adottato sia le politiche deboli o non ha adottato alcuna politica volta a frenare la deforestazione nella propria produzione.

Negli ultimi tre anni, il numero di aziende che hanno adottato politiche volte ad eliminare la deforestazione è molto basso, appena il 5 per cento.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog