Magazine Libri

Le mie ultime letture Carla Kelly

Creato il 28 dicembre 2017 da Weirde

Oggi voglio parlarvi di un romance veramente carino, che, sfortunatamente non è disponibile italiano, o almeno non ne ho trovato traccia. Se mi sbaglio ed è stato tradotto fatemelo sapere, sarebbe una bella sorpresa. Anche perchè non mi spiego come mai sia stato ignorato sia dai romanzi Mondadori che da Harpercollins visto che è il più famoso di Carla Kelly, autrice famosissima che entrambe le case editrici hanno pubblicato più volte con altre opere. Mistero.

Comunque il libro in questione è Libby’s London Merchant  del 1991

image

Vecchiotto direte…ma se è diventato un classico un motivo ci sarà. Così nonostante la trama non mi ispirasse l’ho iniziato senza grandi aspettative, ma ben decisa a finirlo e ne sono felice perchè mi è piaciuto molto alla fine.

Iniziamo dalla Trama che non mi ispirava e che sembrava troppo simile a molte altre trame romance.

Abbiamo un duca, detto Nez (vero nome Nasbitt) reduce da Waterloo, che sentendosi in colpa per essere sopravvissuto mentre molti altri migliori di lui sono morti si è dato all’alcool e alle frivolezze della vita, diventnado un tale alcolizzato che persino la sua servitù non ne può più di vederlo ridotto così. Fortuna vuole che un perdigiorno peggio di lui e suo amico gli chieda un favore. Siccome fin da piccolo per volere del padre è fidanzato con una ereditiera che non ha mai visto e ha accuratamente evitato, ma ora è veramente indebitato fino al collo e si vede praticamente costretto a sposarla o andare al’estero, vuole che Nez sottomentite spoglie vada a casa di lei in campagna e poi riporti a lui com’è sia di aspetto che di carattere.

Nez, sobrio non avrebbe mai accettato, ma visto che non è mai sobrio accetta, per poi pentirsene e ritrattare, ma la servitù lo ricatta minacciando di licenziarsi in toto e lo costringe a portare avanti l’assurdo piano con la speranza che lontano da Londra e amicizie nefaste possa riprendere giudizio. Così il povero Nez travestito da mercante di cioccolatini si mtte in viaggio.

Il piano è semplice, fingere un piccolo incidente vicino alla magione della promessa sposa Miss Lidia Ames, in modo che siano obbligati a soccorrerlo e ospitarlo. Purtroppo però gli ubriachi e la guida non vanno molto d’accordo e Nez finisce in un vero incidente.

Il piano comunque funziona e gli abitanti della residenza degli Ames lo soccorrono, peccato che in residenza non ci sia Lidia, ma solo Libby sua cugina destituita e senza un penny di dote, figlia del fratello diseredato del padrone di casa perchè decise di sposare la figlia di un venditore di tabacco.

Libby è molto bella, dolce, altruista e priva di arie, essendo cresciuta sui campi di battaglia con sua madre al seguito del padre di carriera nell’esercito. Dal momento che suo zio, sua madre e sua cugina sono al mare per una vacanza, in casa ci soono solo i servitori, lei, suo fratello minore che purtroppo è ritardato a causa di una caduta da cavallo da piccolo, e una sua lontana zia anziana che le fa da chaperone, in teoria.

Nez, neanche a dirlo scambia Libby per Lidia e da lì i malintesi si susseguono.

La mia opinione: credo abbiate capito perchè la trama non mi ispirava, ma per fortuna il classico scambio di identià/travestimento, è solo l’inizio del libro e non è poi così centrale nel libro.

Immaginavo che Nez si sarebbe innamorato di Libby così bella, dolce, perfetta e così è stato. E immaginavo pure che lei lo redimesse, e ricambiasse il suo amore, solo per poi scoprire che l’aveva ingannata e da lì due avrebbero dovuto superare il problema delle origini di lei e delle bugie di lui per vivere felice e contenti, invece no…il libro non prosegue affatto così, ma prende una strada ben diversa e molto più originale.

Tanto per iniziare ci sono molte sottotrame alla trama principale e altri personaggi centrali. Il più importante è il vicino di casa di Libby, il Dr. Cook, di nobili origini ma medico, un omaccione alto e ben piantato, molto goffo ma dal cuore grande come il mondo, innamorato da sempre di lei. Nonostante Cook capisca subito che il raffinato mercante di cioccolato così aitante e bello è chiaramente un possibile contendente per il cuore di Libby, che ignora ciò che prova il dottore perchè ha il salame sugli occhi, lui non esita un attimo a decidere che vuole salvare ben più della gamba di quell’uomo. Capisce che ha sofferto in guerra e che ora è un alcolizzato e decide di liberarlo dalla sua dipendenza con l’aiuto di Libby.

L’astinenza per Nez è tremenda sia fisicamente che mentalmente, ma dopo giorni, finalmente sobrio, riesce a pensare chiaramente  dopo tanto tempo. E’ grato sia al dottore che a Libby, ed è ammirato dalla morale e dalla condotta di Cook che non si risparmia con nessuno, così come Libby e capisce quanto sia stato inutile al prossimo se confrontato con loro.

Capisce anche che il dottore è innamorato di Libby e lo rivela alla ragazza che finalmente apre gli occhi, ma al tempo stesso decide che ella che lui crede Lidia e titolata sarà sua moglie perchè la ama.

Libby è un poco ingenua e a volte avrei voluto scuoterla perchè è molto indecisa. Ammira il dottore quello che fa come si dona ai poveri in cambio di nulla, come è pronto ad affrontare ogni pericolo per un malato (ne accadono di belle nel libro) ma non lo ha mai considerato un possibile marito. Lo ha sempre e solo trovato divertente e simpatico…e basta. Mentre il mercante di cioccolata è così bello, e misterioso e sicuro di se’ e lei ne è attratta…Così entrambi fiscono per baciarla, in momenti e circostanze molto diverse, e lei ricambia entrambi i baci, e non capisce chi dei due ama… e non lo capisce per molto tempo. E in fondo poi ho capito che questa sua indecisione è veramente ciò che la rende umana e reale come personaggio…tanti avrebbero avuto la sua stessa indecisione. Come capiamo chi amiamo veramente? Come distinguere tra amore e semplice attrazione o semplice affetto?. Lei vuole prendersi cura di entrambi….poi però segue l’attrazione, e bè sceglie il più bello dei due. Ancora, normale, triste , ma normale, plausibile.

Peccato che Nez dopo averle chiesto di sposarlo, scopra grazie all’arrivo della vera Lidia chi è Libby, e cambi la proposta di matrimonio in una di…er…protezione. Insomma le offra il posto di amante, perchè la ama, anche se non può sposarla viste le sue origini.

Al che Libby rinsavisce, declina fin troppo educatamente l’offerta, e lo manda mentalmente a quel paese. Nez esce quindi di scena, ora sobrio e redento, ma ancora leggermente stron…tronfio, come abbiamo visto e Libby è molto ferita dal suo comportamento.

Un terribile incidente che accade a suo fratello fa avvicinare lei e il Dr. Cook, che rinnova la sua richiesta di matrimonio, e lei stavolta giù di corda la accetta. Ora non è come sembra, prima di accettare ci pensa e gli dice che al momento non lo ama, e gli racconta pure cosa è accaduto con Nez…insomma lui sa di essere un rimpiazzo al momento, ma non gli importa.

Poi però accadono alcune cose che riguardano il padre del dottore e che non vi rivelerò, e mentre Libby ha sempre più prova delle incredibili doti di Cook, che è coraggioso, altruista e chi più ne ha più ne metta…e bacia pure bene…lui sembra invece allontanarla da sè. E qui il lettore è più che sopreso. E che cavolo per tre quarti del libro l’ha adorata e ora che potrebbe sposarla subito la allontana?!

Arriva addirittura a dirle di andare da sua madre al mare a Brighton col fratello convalescente…lui le scriverà. Ma non le scrive e Libby è convinta non la voglia più. Poi però dopo settimane ecco che si rifà vivo a Brighton e le rivela il perchè del suo momentaneo allontanamento, una scemata, ma che spiega molte cose, i due si riappacificano e scelgono la data delle nozze.

Al che ecco ricomparire Nez. Sempre più redento, che ha capito i suoi errori. E che ora ha cercato e aiutato i suoi ex commilitoni caduti in miseria, ha iniziato a far rifiore la sua tenuta di famiglia, non ha più toccato una goccia di alcool e tutto questo per Libby, per essere degno di lei. E ora la vuole sposare al diavolo le sue origini, non importano.

Lui bello e impossibile e duca arriva aitante in groppa al suo destriero e come un principe si dichiara a Libby che mi torna confusa di nuovo davanti a tale beltà e al titolo ducale.. Confusa, ma mica scema, non ha scordato la ferita che le ha inferto e per quanto tentata non è che gli cade fra le braccia. Però il medico, preso da mille pazienti la trascura e lei è sempre più confusa. Non sa quello che prova. In  modo diverso tiene a entrambi quegli uomini, ma non sa chi ama veramente.

Poi accade un terribile incendio e sia il medico che il duca (per motivi diversi) restano coinvolti e rischiano la vita, e lì, davanti alla possibiltà di perdere….Libby capisce di amare…..

Eh eh non vi rivelo altro. Anche se è intuibile. Se volete sapere cosa succede dovrete leggere il libro, in inglese. Dovrete leggerlo anche perhchè ci sono molte sottotrame che meritano di essere lette e che io non ho nominato, la medicina viene trattata, l’intolleranza, viene trattata, i disturbi post traumatici vengono trattati, la diversità, l’ipocrisia, le dipendenze…..E’ veramente un libro ricco di contenuti. Sì ha qualche difetto non lo nego, e a volte avrei voluto strozzare Libby ma solo perchè è stata molto più umana e sincera con se stessa di molte altre eroine di romance che sanno fin da subito che ameranno lui e solo lui per sempre al primo sguardo. Nella vita reale difficilmente accade questo. Sono l’attrazione e l’affetto che nelle circostanze giuste si trasformano in amore. E non sempre è facile capire quando questo accade. Inoltre ho trovato rinfrescante vedere un’eroina baciare due uomini, e ammettere a se stessa che le son piaciuti entrambi i baci e che è fisicamente attratta da entrambi.

Poi va detto che nei libri della Kelly difficilmente c’è sesso, si resta quasi sempre sui baci o poco più,

In conclusione comunque vi consiglio questo libro se sapete l’inglese, e se non lo sapete sappiate che non potrete leggere questo, ma il suo seguito sì, perchè quello è stato pubblicato in italiano e vede protagonista colui che Libby rifiuta alla fine. Non vi svelo la trama altrimente saprete subito chi è. Anche se è facilmente intuibile.

Si intitola One good turn, in italiano Una svolta del destino, ed è leggibile a se stante, anche senza leggere il primo libro con protagonista colui che non posso nominare.

Le mie ultime letture Carla Kelly

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine