Magazine Società

Le novità per le unioni civili e le convivenze di fatto nella dichiarazione dei redditi

Creato il 20 maggio 2017 da Gaetano61
 Risultati immagini per unioni civili
La legge che ha introdotto in Italia le "unioni civili" tra persone dello stesso sesso (n. 76/2016), ha portato ad alcune novità anche sul piano fiscale: con l'equiparazione tra il vincolo giuridico derivante dalle unioni civili e quello matrimoniale (con l'eccezione della disciplina sulle adozioni), dal punto di vista fiscale si applicano le norme sul carico familiare e sulle detrazioni per le spese sostenute per il partner a carico (ad esempio per quelle sanitarie, d'istruzione, di assicurazione). Non essendo stata prevista la possibilità di adottare il figlio del partner, le detrazioni per i figli a carico spettano solo al genitore biologico. In caso di cessazione del vincolo, trovano applicazione le norme sull'obbligo di dichiarare, tra i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, l'assegno di mantenimento percepito, mentre il componente dell'unione civile che sostiene l'onere potrà indicare il relativo importo tra gli oneri deducibili dal reddito complessivo. Inoltre, alle unioni civili sono applicabili le norme sulla dichiarazione modello 730 congiunto.
Per le "convivenze di fatto" - disciplinate dall'art. 1, comma 36, della legge Cirinnà, e definite come quelle tra «due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un'unione civile» - non si applicano le disposizioni sopra richiamate. 
Per i componenti delle convivenze di fatto, la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 64 del 28 luglio 2016 (qui) ha però previsto la possibilità di detrarre le spese di ristrutturazione edilizia per il convivente che le abbia sostenute, senza che sia richiesta la presenza di un contratto di comodato immobiliare, trovando così piena applicazione la disciplina della detrazione per i "familiari conviventi".

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :