Magazine Economia

Le Onde di Helliot e i Cicli del Mercato

Da Tradinginrosa

L’analisi ciclica è una parte molto importante degli studi di analisi tecnica, in quanto tiene conto del comportamento dei prezzi in accordo con i tempi del mercato.  Questo studio risulta particolarmente utile nell’ intercettare massimi e minimi nei prezzi di mercato.

Charls-DowCharles Dow, economista e creatore dell’indice Dow Jones nel 1882, considerato il padre dell’analisi tecnica, redò queste 6 regole valide ancora oggi:

-l’andamento del prezzo riflette i dati sull’economia

-l’andamento del mercato è costituito da 3 serie principali di trend

-il trend principale è caratterizzato da 3 fasi di transizione

-per poter confermare un trend, gli indici principali devono apparire coordinati

-il volume degli scambi deve confermare la direzione del trend

-fino a prova contraria, bisogna supporre che il trend proseguirà nella sua direzione originaria

FASI DEL TREND

Le fasi del trend intese nelle regole di Dow trend sono:

accumulo (solo i traders più esperti entrano nel mercato)

partecipazione del pubblico (è la fase più lunga in cui i traders esperti entrano nel mercato seguiti dai traders meno esperti). (momento di maggiore forza)

distribuzione (in questa fase i traders professionisti che hanno cominciato ad acquistare nella prima fase, iniziano a rendersi conto che la tendenza è in procinto di subire un’inversione e quindi decidono di realizzare i loro profitti).

Queste tre fasi danno origine ad un ciclo che si ripete in maniera irregolare, e ogni ciclo racchiude in se altri cicli minori, per cui si osservano:

TREND PRIMARIO

È l’insieme di tutte le tendenze che appaiono nel time frame weekly, monthly, yearly. È una tendenza che è andata avanti per diversi mesi e che può continuare per 5 o più anni.

TREND SECONDARIO

È l’insieme di tutte le tendenze che appaiono nel time frame daily e che prosegue di solito per circa 2 settimane e può continuare per un massimo di 6 mesi.

TREND MINORI

Tutte le tendenze che appaiono nel time frame intraday. I trend minori proseguono per almeno 1 giorno e possono durare fino ad un periodo massimo di 1 mese.

Le Onde di Elliot

1
Lo studio dell’analisi ciclica comporta che si tenga in considerazione un certo margine di flessibilità nella definizione del ciclo temporale, soprattutto nei grafici di più lungo periodo,  questo ci ricorda l’importanza di un’analisi tecnica integrata con altri elementi che permetta di mettere assieme tanti pezzi di un puzzle e di ricostruire con una più elevata probabilità lo scenario futuro del grafico.

Esiste una tecnica basata sulla ciclicità, conosciuta come la teoria delle onde di Elliott ed è un metodo di analisi sviluppato da Ralph Nelson Elliott (1871-1948),  si basa sulla teoria che, in natura, molte cose accadono in un ciclo a cinque onde. Applicato ai mercati finanziari, l’ipotesi è che un determinato mercato avanzerà in un modello di cinque onde – tre onde 1, 3 e 5 separate da due onde 2 e 4 -. La teoria sostiene inoltre che ogni cinque onde in trend, seguirà una fase di contro trend correttiva (figura a – in caso di rialzo, figura b – in caso di ribasso).

onde di elliot

Con l’onda 1 si ha il primo movimento a rialzo debole, a cui partecipa solo una piccola percentuale dei trader, presto i prezzi elevati convincono gli smart trader a prendere profitto, si ha così la seconda onda che scende fino ad un minimo assoluto che crea le condizioni per l’up-trend verso l’onda 3 che ripeterà lo stesso scenario fino all’onda 5.

In realtà, le cose in genere non si svolgono in un tale modello di cinque onde ordinato, pulito, e facile da identificare. Come risultato, molte persone che sposano l’ analisi delle onde di Elliott, finiscono per interpretare il conteggio delle onde in modo soggettivo. E in effetti, si può sostenere che la strategia delle onde di Elliott è tanto un’arte come è una scienza, e quindi aperta a varie interpretazioni.

Vediamo in concreto come utilizzare questa strategia, prima di tutto attendere un’onda 5 per iniziare:

2

Cercare poi conferma del trend con altri indicatori, come l’adxr (parametri 20/40) e il CCI (parametri 100/-100):

3

L’indice di forza relativa RSI (parametri 70/30), dopo tre periodi inverte il trend per un periodo:

4

Una volta che l’ onda 3 prosegue in un una onda 4 e il CCI si trova in zona ipervenduto, entrare a mercato per il rialzo verso l’onda 5. Uscire poi dal mercato quando il CCI si trova in zona di ipercomprato e l’onda 5 è ormai perfettamente identificabile ma l’adxr inizia ad indebolirsi perché significa che si avrà un inversione del trend. Il ragionamento inverso va fatto per un trend a ribasso.

Provare a individuare queste cinque onde nello storico di un grafico e osservare i punti in cui si sarebbe potuti entrare è un ottimo modo per fare “palestra” e abituare l’occhio alle reazioni del mercato.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :