Magazine Cultura

Le origini trapanesi dell’Odissea, un’ipotesi che affascina

Creato il 05 luglio 2012 da Maremagazine

Le origini trapanesi dell’Odissea, un’ipotesi che affascina

Omero, particolare Museo Sperlonga

Ancora Omero, ancora Odissea. Un anno fa ce ne siamo occupati presentando Felice Vinci l’autore del libro Omero nel Baltico nel quale avanza l’ipotesi che il reale scenario dell’Iliade e dell’Odissea non è identificabile nel Mediterraneo ma nell’Europa settentrionale. Oggi invece una giovane insegnante di scuola media a Trapani, l’architetto Vitalba Liotti, appassionata di archeologia e laureata in Beni Culturali, nella sua tesi di laurea dal titolo L’Odissea immaginata. La teoria delle origini trapanesi dell’Odissea di Samuel Butler, ci parla delle origini trapanesi dell’Odissea così come ha ipotizzato lo scrittore inglese Samuel Butler che nel 1897  con il libro The Authorres of the Odyssey sviluppò la teoria secondo la quale l'Odissea sarebbe stata scritta in realtà da una giovane donna trapanese e i paesaggi descritti nel poema sarebbero quelli della Sicilia e delle isole Egadi.

Le origini trapanesi dell’Odissea, un’ipotesi che affascina

Ulisse e le sirene, museo del Bardo, Tunisi


Ecco la storia nella sintesi della tesi di laurea di Vitalba:
Butler, Grande appassionato dei poemi omerici non soddisfatto delle traduzioni, e non avendo particolari problemi nelle traduzioni dal greco, aveva deciso di fare da sé. Lesse più volte i due poemi rimanendo affascinato dalla loro bellezza  Fatte le consuete differenze e analogie che è di norma fare davanti a due opere dello stesso autore, Butler si era trovato fortemente perplesso: si rendeva conto che qualcosa gli sfuggiva e di questo non si capacitava. Arrivato all’episodio dei Feaci non aveva avuto più dubbi che, in quel caso, l’autore si fosse ispirato al vero e che Nausicaa, la regina Arete e Alcinoo fossero state persone reali più o meno camuffate. In particolare era stato proprio nell’episodio della trasformazione in scoglio della nave dei Feaci al ritorno da Itaca, che si era sentito sicuro che quello fosse stato un posto descritto dal vero, tanto che stilò una lista dei dettagli di Scheria rilevabili nel poema, da verificare con l’ausilio delle mappe dell’Ammiragliato. 

Le origini trapanesi dell’Odissea, un’ipotesi che affascina

Samuel Butler

Aveva letto che l’episodio del Ciclope andava localizzato vicino Capo Lilibeo, per cui osservando la carta relativa alla cuspide nordoccidentale della Sicilia, aveva subito notato uno scoglio posto davanti all’imboccatura del porto di Trapani, lo scoglio del Malconsiglio,  il cui nome lo aveva incuriosito. Difatti così scrisse nel suo libro, L’autrice dell’Odissea (trad. it di D. Aphel, Roma, 1998, a p. 161):  «ebbi la certezza che il paesaggio era stato descritto dal vero e notai che nessuna località, per quanto situata tra due porti, poteva essere il modello di Scheria, a meno che all’estremità di uno di essi non vi fosse uno scoglio affiorante dal mare».  Lo ‘scoglio affiorante dal mare’ di cui aveva parlato Butler era lo stesso per il quale Trapani rispondeva in tutto e per tutto alla Scheria del poema e i viaggi di Ulisse, per Butler, nella mente della scrittrice, non erano altro che un periplo della Sicilia «iniziato da Trapani per seguire la costa settentrionale, attraversare lo stretto di Messina, passare per l’isola di Pantelleria e finire di nuovo a Trapani».
Da Trapani a Trapani, dunque, ma con puntate e soste intermedie come quella effettuata da Ulisse  nell’ ‘Isola delle capre’, prima di recarsi nella terra dei Ciclopi. 

Le origini trapanesi dell’Odissea, un’ipotesi che affascina
Foto a ds: 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le vite degli altri

    vite degli altri

    Condividi "Che angoscia questo Justin Bieber! Come fa Ford ad ascoltarlo sempre?" Le vite degli altri per parlare di me. Un gruppo di film biografici e di... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Le mani

    mani

    Prendersi per mano, un gesto semplice, innocente, protettivo, che non conosce codici culturali o cronologici, che da sempre denota attenzione, cura, affetto,... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • Le duellanti

    duellanti

    Ho cominciato a sentir parlare di Meryl Streep quando ancora avevo tutti i capelli in testa (e ne è passato di tempo...): 'Lady Oscar' il suo soprannome... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA
  • Le foibe

    foibe

    Ieri pomeriggio ho ricevuto un sms da Marco Rizzo,segretario nazionale di CSP,Comunisti sinistra popolare,in cui mi diceva che alla sera sarebbe stato da Vespa... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA, TELEVISIONE
  • Le velleità dei Cani

    Se c'è una cosa che mi ha ispirato Sanremo a parte il transito intestinale è l'andare a ripescarmi (altrove) le soluzioni musicali italiane che veramente valgon... Leggere il seguito

    Da  Diamonddog
    CULTURA, MUSICA
  • Per le antiche scale

    antiche scale

    Da un romanzo di Mario Tobino, un film difficile ed elegante sulla pazzia, sui manicomi, sul tarlo che rode il protagonista principale, il dottor Bonaccorsi... Leggere il seguito

    Da  Paultemplar
    CINEMA, CULTURA
  • Le larve, Claudio Morandini

    larve, Claudio Morandini

    Le larve Titolo: Le larve Autore: Claudio Morandini Editore: Pendragon Pagine: 227 Prezzo: € 12,60 Pubblicazione: aprile 2008 (i @Riscoperti) ISBN:... Leggere il seguito

    Da  Libriconsigliati
    CULTURA, LIBRI