Magazine Architettura e Design

Le “Painted Ladies” di Federica

Creato il 25 maggio 2016 da Harimag

Gli anni ’60 e ’70 sono quelli della controcultura giovanile che mette in primo piano la libertà di espressione e la creatività dei giovani.

La musica degli anni Sessanta fu lo speciale megafono attraverso cui molti dei messaggi e delle tematiche avanzate dai giovani in questo periodo fecero il giro del mondo. Il 1969 fu l’anno del Festival di Woodstock, il primo festival musicale della storia, nel quale suonarono tutti i gruppi rock dell’epoca, fu un vero e proprio fenomeno culturale. E così sulle note delle canzoni dei Beatles, di Bob Dylan e di Joan Baez, gran parte dei giovani del pianeta iniziarono a protestare contro la guerra, contro la società dei consumi, contro l’imperialismo, contro il razzismo. Ma la protesta investì anche i partiti, la scuola e la famiglia, considerate strutture autoritarie, obsolete e gerarchiche inadatte a rispondere alle reali esigenze delle nuove generazioni. 

Federica Romeo unisce la passione per questo periodo storico con quella per l’architettura del quartiere Haight-Ashbury a San Francisco nel quale nasce il movimento hippie negli anni Sessanta. La peculiarità di questo quartiere è la presenza delle “Painted Ladies”, case in stile vittoriano e edoardiano di fine '800.

Le “Painted Ladies” di Federica

Lasciandosi ispirare proprio da queste e in particolar modo dalla casa di Janis Joplin, la nostra studentessa cerca di riportare forme e colori sugli abiti della sua collezione autunno/inverno che non poteva non chiamarsi “Painted Ladies”.

Sette look dai colori pastello su tessuti invernali ed a fantasia check. Riprende le linee vintage oversize e dritte degli anni ’60 e ’70 ma le reinterpreta in chiave più moderna. Tasconi ed aperture sulle sue creazioni richiamano la forma delle finestre delle case.

Federica veste una donna molto simile a quella degli anni ’60: eclettica, creativa, aperta, libera di esprimersi come meglio crede e che non teme il giudizio degli altri.

Dopo il Madeinmedi, Federica sogna di lavorare come buyer!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :