Magazine Arte

Léonard de Vinci. Parigi, Musée du Louvre

Creato il 03 ottobre 2019 da Fasterboy

Léonard de Vinci. Parigi, Musée du LouvrePARIGI - La mostra si articola in 120 opere tra dipinti, disegni, manoscritti ,oggetti d'arte. E' la rassegna conclusiva sul cinquecentesimo anniversario della scomparsa di Leonardo. Oltre alle cinque creazioni del genio di Vinci conservate al Louvre: la -Gioconda-, la -Vergine delle Rocce-, -Sant'Anna, la Vergine e il Bambino con l'agnellino, la -Belle Ferronnière- e -San Giovanni Battista- ci sono le opere di Andrea del Verrocchio, Marco d'Oggiorno, Lorenzo di Credi, Antonello da Messina, Rubens, Hans Memling, Boltraffio, Alessio Baldovinetti, Gian Cristoforo Roma. L'appuntamento è di quelli da non perdere, e non è la solita frase fatta, perché dà la possibilità di entrare in contatto con i numerosi volti femminili di Leonardo. Dalla connotazione astratta e qualche volta androgina. Il grande artista li ha utilizzati per trasmetterci la sua originale concezione della pittura dove coesistono la bellezza e il suo enigma. Ma c'è anche la misteriosa -Scapigliata- -a metà strada tra pittura su tavola e disegno preparatorio-, che continua ad affascinare per la vibrante andamento dei riccioli e l'uso da maestro del chiaroscuro che dà al volto l'impronta della scultura.
Un altro motivo per andare al Louvre è il restauro. Specialmente quello di Sant'Anna e la Vergine. Restauro iniziato nel 2010 e resosi necessario perché i volti del Bambino e quello della santa stavano per scomparire. E alcuni particolari del vestito della Vergine e del paesaggio correvano il rischio di cancellarsi. Irrimediabilmente.
(Fausto Politino)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog